Nasce Paris Print Fair. Nuova fiera dedicata al mondo dell’incisione

Si terrà dal 18 al 22 maggio 2022 al Couvent des Cordeliers la prima edizione della Paris Print Fair, il nuovo salon dedicato al printmaking: a fianco delle opere di grandi maestri come Dürer, Rembrandt, Goya e Picasso saranno esposte le ricerche contemporanee dedicate a questa tecnica.

Couvent des Cordeliers, Courtesy of L'Image Contemporaine
Couvent des Cordeliers, Courtesy of L'Image Contemporaine

All’ombra dei giganti globali che stanno invadendo la città, nella Ville Lumière c’è spazio anche per il debutto di nuovi progetti fieristici. Soprattutto se specializzati, con un focus preciso. È il caso della prima edizione della Paris Print Fair, la fiera dedicata all’incisione che inaugurerà a Parigi il prossimo maggio (dal 19 al 22 maggio 2022, con preview il 18), in occasione della Drawing Week parigina.

PARIS PRINT FAIR: LA FIERA DELL’INCISIONE A PARIGI

Organizzata dalla Chambre Syndicale de l’Estampe, du Dessin et du Tableau (CSEDT), la neonata rassegna vedrà la partecipazione di 19 espositori associati provenienti da Parigi, Amsterdam, Barcellona, Dublino, Londra, Strasburgo, Vienna e Zurigo. Internazionalità dunque, ma in un raggio di prossimità a prova, ancora, di ostacoli logistici da post-pandemia. “Come specialisti e professionisti, affrontiamo costantemente la domanda: cos’è l’incisione?”, spiega Christian Collin, Presidente del CSEDT e fondatore della fiera. “Dall’intaglio al rilievo, dalla litografia alla serigrafia, la Paris Print Fair e i suoi espositori agiscono al tempo stesso come vettori di conoscenza e interpreti di una lunga storia. L’incisione è la memoria delle civiltà, e la testimonianza di una sete di rappresentazione visuale che risuona ancora oggi”.

PARIS PRINT FAIR: LA SEDE DELLA FIERA PER LE INCISIONI MODERNE E CONTEMPORANEE

Con un numero contenuto di gallerie partecipanti, come dicevamo, questa edizione inaugurale mira ad articolarsi in un formato intimo, messo in valore anche dall’affascinante architettura del duecentesco Refettorio del Couvent des Cordeliers, che ospiterà la rassegna nel sesto arrondissement, per una ampia ricognizione nel mondo dell’incisione dal XV secolo a oggi. A raccolta, gallerie parigine come Galerie Arenthon, Galerie Nathalie Béreau, Galerie Stéphane Brugal, Christian Collin, Galerie Grillon, ma anche Galerie Bei der Oper da Vienna, Jurjens Fine Art da Amsterdam, Frederick Mulder Ltd. da Londra e Palau Antiguitats da Barcellona, seguendo la lista provvisoria degli espositori. Tra gli artisti in mostra ai booth si potranno così incontrare i grandi maestri come Dürer, Rembrandt, Goya e Picasso, accanto alle nuove ricerche di Bernar VenetBarbara Rae, Kathy Prendergast, in un viaggio per appassionati e addetti ai lavori nel mondo dell’incisione in tutte le sue forme e dal suo côté storicizzato alle traiettorie più contemporanee. Una versione sussidiaria dell’evento sarà disponibile anche in versione digital e a breve saranno disponibili tutti i dettagli sulla programmazione degli eventi collaterali.

– Cristina Masturzo

Paris Print Fair
Dal 18 al 22 maggio 2022
Couvent des Cordeliers, Parigi
www.parisprintfair.fr

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Cristina Masturzo
Cristina Masturzo è storica e critica d’arte, esperta di mercato dell’arte contemporanea, art writer e docente. Dal 2017 insegna Economia e Mercato dell'Arte e Comunicazione e Valorizzazione delle Collezioni al Master in Contemporary Art Markets di NABA, Nuova Accademia di Belle Arti a Milano. È responsabile e contributor dell’area di mercato dell’arte di Artribune Magazine. Nel 2020 è stata tra i coordinatori del Forum dell'arte contemporanea italiana. Collabora con il Dipartimento di Arti Visive di NABA (Milano, Roma) e con FM Centro per l’Arte Contemporanea (Milano) e segue come freelance progetti di ricerca sul sistema dell’arte e progetti editoriali indipendenti. Suoi testi sono stati pubblicati in magazine e cataloghi.