La casa d’aste Bonhams cresce in Scandinavia: acquisita la concorrente Bukowskis

La celebre casa d’aste Bonhams, che di recente ha aperto una sede a Parigi, si espande e acquisisce la principale casa d’aste della Scandinavia. Con un obiettivo: potenziare il proprio comparto digitale

Bid telefonici da Bonhams
Bid telefonici da Bonhams

Dopo l’apertura della nuova sede a Parigi, in Rue de la Paix, la casa d’aste Bonhams – tra le più antiche e rinomate a livello internazionale – continua a espandersi in Europa acquisendo Bukowskis, la principale casa d’aste della Scandinavia. Fondata nel 1870 a Stoccolma, Bukowskis lo scorso anno ha venduto 11 delle 15 opere d’arte più preziose nell’ambito del mercato svedese, oltre a numerose collezioni prestigiose. Una presenza nel mercato, quella della casa d’aste svedese, implementata negli ultimi tempi anche digitalmente, attraverso il proprio sito web e una apposita app. L’acquisizione di Bukowskis, non a caso, “accrescerà la portata di Bonhams in Europa e ne potenzierà le capacità digitali”, sottolinea una nota stampa di Bonhams.

LA CASA D’ASTE BONHAMS

Nel 2018 Bonhams è stata a sua volta protagonista di un’importante operazione di vendita: è stata acquisita infatti dal fondo inglese di private equity Epiris Fund II, dopo quattro anni di presenza sul mercato e di numerose trattative. La più importante è stata nel 2014 con la Poly Culture Group, la più grande casa d’asta cinese, conclusasi però con un nulla di fatto e la decisione del consiglio di non vendere. Fino all’ufficializzazione dell’accordo stipulato con il fondo di private equity Epiris Fund II. Circa l’acquisizione di Bukowskis da parte di Bonhams, Alex Fortescue, Managing Partner di Epiris, ha dichiarato: “dal 2018 lavoriamo per trasformare Bonhams in un’attività abilitata al digitale attraverso investimenti in persone, tecnologia e ora M&A. L’acquisizione di Bukowskis è un ulteriore significativo passo in questa trasformazione”.

BONHAMS ACQUISISCE LA CASA D’ASTE BUKOWSKIS

“L’acquisizione da parte di Bonhams di una casa d’aste così celebre”, dichiara Bruno Vinciguerra, CEO di Bonhams, “è una parte importante della nostra strategia per promuovere lo sviluppo di Bonhams come leader in ambito digitale”“Bukowskis è diventata leader del settore nella trasformazione digitale. Con la portata globale di Bonhams”, sottolinea Louise Arén, Amministratore Delegato di Bukowskis, “possiamo rafforzare ulteriormente la nostra posizione di casa d’aste leader nella regione nordica”.

– Desirée Maida

www.bonhams.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.