Buon successo per le aste primaverili da Blindarte. Enrico Castellani e Jan Fabre al top

Si sono concluse con successo le aste primaverili della prestigiosa casa d’aste con sedi a Milano e a Napoli. Tanta partecipazione anche sul sito. Ecco i risultati

Enrico Castellani, Superficie Bianca, 2005 Blindarte
Enrico Castellani, Superficie Bianca, 2005 Blindarte

Si sono concluse con successo le aste primaverili della BLINDARTE, con tanta partecipazione anche sul sito: la Blindarte è stata, infatti, tra le prime a sviluppare un efficace sistema di aste online a tempo con scadenze temporali differite, potenziando e adattando il proprio sito alla situazione attuale. “Già nella homepage appaiono diversi cataloghi che raccolgono opere d’arte moderna e contemporanea, opere di arte + contemporanea (una nuova sessione destinata alle opere di artisti affermati ed emergenti italiani e internazionali realizzate per lo più dopo il 2000), fotografie, dipinti antichi e dipinti XIX-XX secolo, pezzi di antiquariato, di design, gioielli, tappeti contemporanei, opere grafiche e multipli d’artista e ancora altro che la Blindarte seleziona per le proprie aste online”, racconta ad Artribune Memmo Grilli, patron di Blindarte, con sedi a Napoli e Milano. “Ciascun lotto è presentato online con una esaustiva descrizione, immagini dettagliate e con l’indicazione della stima e scadenza del lotto: ogni lotto ha una propria scadenza differita dagli altri”.

Jan Fabre Deloyalegidsvandeijdelheid 2016, Blindarte
Jan Fabre Deloyalegidsvandeijdelheid 2016, Blindarte

CASTELLANI E FABRE TRA LE AGGIUDICAZIONI PIÙ RILEVANTI

Sono state molte le aggiudicazioni rilevanti, tra le quali segnaliamo la Superficie bianca di Enrico Castellani aggiudicata ad oltre 136.000 euro, e il grande lavoro The loyal guide of vanity di Jan Fabre aggiudicato a quasi 118.000 euro: Fabre ha visto aggiudicare anche altre 2 opere importanti, mentre di Stephan Balkenhol, ben tre sculture in bronzo hanno un nuovo proprietario. Grande attenzione anche dall’estero per il dipinto di Zenderoudi, che con una stima di euro 3mila/4mila, ha trovato aggiudicazione solo quando l’offerta è arrivata a 17.484 euro.

BLINDARTE: LE ALTRE AGGIUDICAZIONI

Tra le altre aggiudicazioni rilevanti, si segnala quella di Carla Accardi con la bella opera del 1962 che, con una stima di 15mila/20mila euro è stata aggiudicata a 37.200 euro, Cinemascope del 1962 di Mimmo Rotella aggiudicato a 31mila euro. Bene anche Simeti, i 5 ovali color sabbia aggiudicato a oltre 22mila euro e Toni Costa, il bel lavoro optical del 1965 a 18.600 euro. Anche molto valide le aggiudicazioni di Arnulf Rainer (Zehengruß, stimato 12mila/18mila euro e aggiudicato per 15.500 euro) e James Brown, stimato 25mila/35mila euro e poi comprato a 27.280 euro. Ma la gara più sorprendente è intervenuta per le 2 opere di IRWIN, collettivo di 5 artisti sloveni, che con una stima di 2.500/3mila euro per ciascuna opera, sono poi state aggiudicate rispettivamente a 16.368 euro e 17.608 euro, dopo rilanci continui dall’estero tra telefoni (tutti impegnati) e online. Va senz’altro notata anche la gara che ha scatenato il bel dipinto di Francesco Lauretta, stimato 1.500/2mila euro, e che è stato poi aggiudicato ad oltre 5.200 euro. Aggiudicati anche Michael ReyPiero GoliaKcho e Matteo Basilé.

DESIGN, DIPINTI ANTICHI E ANTIQUARIATO

Non solo arte contemporanea: bene anche il Design, con aggiudicazioni per i pezzi di Giuseppe RivadossiAlessandro Mendini e di molti tappeti contemporanei, tra i quali i 2 di Günther Förg che con una stima di euro 2.800/3.500 hanno raggiunto uno quasi 5.500 euro e l’altro quasi 4.500 euro di aggiudicazione. Aggiudicazioni degne di nota anche per il Dipartimento di Dipinti Antichi e Antiquariato. Numerose sono state le partecipazioni sia telefoniche che online, sia dall’Italia che dall’estero, che hanno consentito di raggiungere risultati superiori alle aspettative. Tante le aggiudicazioni importanti, prima fra tutte quella del San Giovanni di Scuola napoletana della prima metà del XVII secolo che, grazie a una serrata partecipazione, ha più che quadruplicato la stima iniziale. Altro importante risultato quello raggiunto dal Mattia Preti (notificato) che, con Il giudizio di Salomone, ha raddoppiato la sua stima.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.