L’asta che non finisce mai. Faraone Casa d’Aste lancia sul web una vendita innovativa

Da febbraio, la casa d’aste di Milano specializzata in alta gioielleria vedrà un susseguirsi di 16 appuntamenti telematici consecutivi con 16 temi che avranno anche argenti, accessori firmati, pezzi di design.

Faraone Casa d'Aste
Faraone Casa d'Aste

Il 2020 di Faraone Casa d’Aste si apre con un’importante novità in tema di bidding online, ovvero l’offerta tramite portale che, oltre alle consuete vendite in sala e via telefono, si arricchisce di un nuovo servizio. Dal prossimo febbraio la casa d’aste meneghina specializzata in gioielli, che ha chiuso con successo il 2019 riuscendo a battere oltre il 70% degli oltre 330 lotti presentati con un totale venduto di oltre 1,3 milioni di euro – lancia, infatti, le aste a tempo continuative: 16 appuntamenti telematici consecutivi che si affiancheranno alle ormai consuete due aste fisiche.

FARAONE CASA D’ASTE. LE ASTE A TEMPO

L’idea delle aste a tempo è nata da un’attenta analisi delle esigenze dei nostri clienti”, spiega ad Artribune Vittoria Bianchi, CEO di Faraone Gioielli – marchio italiano di alta gioielleria dal 1860, amato da nobili famiglie, come in passato la Regina Margherita di Savoia, la Famiglia Reale Monegasca e da star internazionali della lirica e del cinema come Maria Callas, Anna Magnani, Ava Gardner e Ingrid Bergman – nonchè Amministratore Delegato di Faraone Casa d’Aste. “L’obiettivo è sempre quello di fornire loro un servizio a 360° rapportandosi in caso di gioielli, orologi e argenti e oggetti firmati, con un unico interlocutore. Questa tipologia di aste infatti ci consente di raccogliere anche lotti di valore inferiore che solitamente non potevano essere inseriti nei cataloghi delle due aste fisiche di maggio e novembre”. Questo nuovo anno appena iniziato vedrà, così, un susseguirsi di aste a tema, della durata di circa 15 giorni, per gli utenti che si registreranno al recentemente rivisitato sito, sul quale verrà pubblicato il calendario su base mensile. “Altro vantaggio per nostri clienti è quello di accorciare i tempi di realizzo, i beni posso essere suddivisi in più aste e di conseguenza battuti in tempio più brevi”, continua Bianchi.

LE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO

In più consente alla casa d’aste di poter approcciare un nuovo pubblico abituato ad operare principalmente sul web, allargando così il database di clienti. Il fatto che le aste siano tematiche e si susseguano ad intervalli di 15 giorni una dopo l’altra mantiene alta l’attenzione dei clienti che possono dedicarsi solo a quelle di loro interesse. Un sistema di newsletter mensili, una volta registrati al sito, li terrà informati sui vari appuntamenti”. Qual è la specificità di questo servizio? “La particolarità e l’unicità di queste aste a tempo risiede nella loro periodicità, ovvero il fatto di essere senza sosta una dopo l’altra per un totale di 16 appuntamenti con 16 temi che oltre ai gioielli e agli orologi avranno anche argenti, accessori firmati, pezzi di design”, risponde Bianchi. “I lotti, cosi come per le aste fisiche, saranno sempre visibili presso lo show room di Faraone Casa d’Aste, in via Montenapoleone 9 a Milano”. Si parte, quindi, con la prima asta di febbraio – in programma dal 6 al 16 – che avrà come tema l’Età dell’oro: “tema molto caldo visto la forte crescita dell’oro che da qualche mese ormai è in forte ascesa raggiungendo il suo valore massimo negli ultimi 7 anni toccando i 46€ al grammo; sono i trader stessi oggi a scommettere sull’oro vedendolo più come bene rifugio”, conclude Bianchi. “Allo scadere di questa prima asta a tempo il 17 partirà la seconda del mese di febbraio dedicata al mondo degli orologi“.

-Claudia Giraud

https://www.faraonecasadaste.it/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).