Frieze e le altre. Guida alle fiere della Los Angeles art week 2020

Ritorna nella megalopoli californiana la settimana dell’arte, costellata da fiere established e indipendenti. Ecco i nostri suggerimenti su quelle da non perdere

Mentre l’attenzione da parte di media, collezionisti, galleristi e artisti internazionali è catturata dalla notizia dell’annullamento della prossima edizione di Art Basel Hong Kong a causa del coronavirus – sebbene già da mesi imperversassero sulla fiera non poche turbolenze per via della crisi politica in corso nella città asiatica da quasi un anno –, tra pochi giorni la capitale mondiale dell’arte contemporanea sarà Los Angeles, con la sua art week capitanata da Frieze. Ma la rassegna britannica che lo scorso anno ha inaugurato il suo avamposto nella Città degli Angeli non è la sola fiera in programma nei prossimi giorni: sono tanti infatti gli appuntamenti da non perdere, e noi abbiamo stilato una lista delle fiere più o meno note da segnare in agenda se vi trovate a Los Angeles.

– Desirée Maida

1. FRIEZE

Paul McCarthy, Daddies Tomato Ketchup @ Frieze Los Angeles, Projects

Dopo il successo dello scorso anno – dovuto anche alla curiosità tipica delle prime volte – Frieze Los Angeles torna nella Città degli Angeli per la sua seconda edizione, in programma dal 14 al 16 febbraio nei mitici studi hollywoodiani della Paramount. Sono oltre 70 le gallerie che parteciperanno alla Frieze LA 2020, suddivise tra Main Section, Frieze Projects e Focus LA, nuova sezione curata da Rita Gonzalez (Capo del Dipartimento di Arte Contemporanea dell’LACMA) che offre una piattaforma agli spazi emergenti con base a Los Angeles di età pari o inferiore a 15 anni. La sezione conterrà 13 gallerie, tra cui i nuovi arrivati ​​di Frieze Los Angeles as-is.la, la Charlie James Gallery, Overduin & Co. e Various Small Fires. Come già avvenuto lo scorso anno, Frieze Projects consisterà in una serie di installazioni curate da Rita Gonzalez e Pilar Tompkins Rivas (direttore del Vincent Price Art Museum) che trasformeranno l’iconico backlot degli studi Paramount in una vetrina artistica all’aperto.

Dal 14 al 16 febbraio
Frieze Los Angeles
Hollywood, Paramount Pictures Studios
www.frieze.com

2. LOS ANGELES ART SHOW

Con giorni di anticipo rispetto all’inaugurazione di Frieze, Los Angeles Art Show fino al 9 febbraio presenta, in occasione del 25esimo anniversario dalla nascita, una nuova sezione: si tratta dell’European Pavilion, di cui fanno parte le gallerie europee, con particolare attenzione a espositori e artisti provenienti da Spagna, Italia e Regno Unito. Il Padiglione celebra la profonda influenza che l’arte europea ha avuto sul mondo, con mostre che mettono in evidenza i vari movimenti e sviluppi stilistici che hanno influenzato l’arte occidentale. All’interno della sezione, è in corso una mostra speciale dedicata agli artisti catalani dal 1900 ad oggi, offrendo così uno sguardo sulla storia dell’arte moderna della regione.

Fino al 9 febbraio
Los Angeles Art Show
LA Convention Center South Hall
1201 South Figueroa Street
www.laartshow.com

3. ART PALM SPRINGS

Art Palm Springs – via Flickr

Dal 13 al 17 febbraio, al Palm Springs Convention Center, sarà la volta di Art Palm Springs, fiera giunta alla sua nona edizione che quest’anno ospita 70 gallerie provenienti da Asia, Europa, Nord e Sud America. Adamar Fine Arts presenterà opere di Alex Katz, Ugo Rondinone e Julian Opie; Eckert Fine Art, le cui opere arrivano dalla collezione di arte americana della fondatrice Jane Coats Eckert, porterà invece lavori di Alexander Calder. Caviar20 presenterà opere di Frank Stella, Helen Frankenthaler e Nan Goldin, mentre Imago Art Gallery – Switzerland Untitled di Cy Twombly, del 1964, proveniente dalla collezione romana del barone Giorgio Franchetti.

Dal 13 al 17 febbraio
Art Palm Springs
Palm Springs Convention Center
277 N Avenida Caballeros
www.art-palmsprings.com

4. FELIX

Felix Art Fair 2020 – foto Facebook

Fondata da Dean Valentine e dai fratelli Al e Mills Morán, Felix si pone l’obiettivo di quella di creare un’esperienza intima “che dia la priorità a conoscenza, collaborazione e comunità”. Con un ritorno al formato fieristico dell’hotel, nello spirito della storica Gramercy International di Los Angeles allo Chateau Marmont, Felix offre a espositori e visitatori un’impostazione meno formale e più “rilassata”, che possa consentire conversazioni più estese tra collezionisti, rivenditori e artisti. Anche quest’anno la fiera si svolgerà all’interno dell’Hollywood Roosevelt Hotel.

Dal 13 al 16 febbraio
Felix
Hollywood Roosevelt Hotel
7000 Hollywood Blvd.
www.felixfair.com

5. ALAC – ART LOS ANGELES CONTEMPORARY

Art Los Angeles Contemporary, Opening Night, 2018. Photo by Michael Underwood

Dopo nove anni a Santa Monica, Art Los Angeles Contemporary ritorna a Hollywood, negli spazi dell’Athletic Club sul Sunset Boulevard. Fondato da Charlie Chaplin nel 1924 e progettato dagli architetti Meyer & Holler, l’Hollywood Athletic, in quei tempi, era l’edificio più alto di Hollywood, oltre a essere luogo di incontro per le celebrità, com Mae West, Groucho Marx, John Ford, Jean Harlow, Howard Hughes, Joan Crawford. ALAC 2020 si svolgerà su due piani del Club, occupandone la sala da ballo con soffitto a volta e gli spazi sportivi, con la presenza di 45 gallerie.

Dal 13 al 16 febbraio
ALAC – Art Los Angeles Contemporary
Hollywood Athletic Club
Sunset Boulevard
www.artlosangelesfair.com

6. SPRING /BREAK ART SHOW

SPRING/BREAK Art Show – foto www.springbreakartshow.com

La fiera nata a New York e dallo scorso anno giunta a Los Angeles si contraddistingue per la scelta di luoghi inusuali in cui fare esporre le gallerie partecipanti, e non sarà da meno nemmeno la prossima edizione californiana: dal 14 al 16 febbraio infatti SPRING / BREAK Art Show troverà casa negli spazi dell’ex magazzino del Terminal Market in Down Town Los Angeles.

Dal 14 al 16 febbraio
SPRING / BREAK Art Show
757 S Alameda Street, DTLA
www.springbreakartshow.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.