Istituzioni culturali, “considerate la vostra semenza”

Lo scorso intervento di Irene Sanesi era dedicato alla missione, regina nuda delle istituzioni culturali, per sottolineare come spesso si dimentichi le finalità per cui una determinata impresa è nata e ha trovato sostenitori motivati nei fondatori. Ma facciamo ancora un passo indietro e andiamo alla costituzione dell’istituzione: perché, cosa, chi? E soprattutto: come?

Gazzetta Ufficiale
Gazzetta Ufficiale

 

Essere una fondazione è cosa ben diversa dall’associazione o dal comitato, passando dalle diverse casistiche intermedie come le fondazioni di partecipazione, o da fattispecie giuridiche ancora sperimentali quali le fondazioni di comunità. Eppure l’esperienza ci racconta di imprese culturali il cui habitus giuridico non sempre è stato oggetto di una scelta meditata. Scelta che andava e va fatta facendosi le semplici domande: perché, cosa, chi, e che non è mai saggio sia fatta seguendo le tendenze del momento. Se infatti l’interpretazione della giurisprudenza e lo studio di casi stranieri conducono a interessanti evoluzioni (si pensi ai trust), è anche vero che il nostro codice civile è estremamente parco nell’elencare nel titolo I le forme per realizzare una precisa finalità senza che lo scopo sia il lucro, distinte appunto dalle società del titolo V, per cui vi è alla base un contratto con lo scopo di dividerne gli utili e viene svolta un’attività commerciale.
Così una fondazione può nascere su impulso anche di un singolo che mette a disposizione un fondo e un patrimonio che dovranno essere gestiti e valorizzati in maniera da creare valore, mentre un’associazione si forma per la volontà di una pluralità di soggetti che condividono una progettualità e si organizzano per realizzarla. Nel primo caso è bene tener presente che il fondo/patrimonio è la ragion d’essere dell’istituzione culturale, prima ancora delle attività a corredo e, conseguentemente, lo statuto avrà il compito di individuare bene lo scopo prima di elencare le molteplici cose da fare o che si possono fare. Quante fondazioni in Italia sembrano aver confuso o semplicemente dimenticato il perché della loro esistenza affaccendate dal “fare”, tanto qualsiasi attività è ben riconducibile nella generica ma onnipresente (!) articolazione residuale che tutto accoglie. E qui non ci riferiamo al lucro o al commerciale. Prima ancora del riconoscimento della personalità giuridica, viatico insostituibile per le imprese – in questo caso le associazioni, visto che per le fondazioni è ex lege – che “vogliono fare sul serio”, prima dell’autonomia patrimoniale e finanziaria, prima dei regolamenti e delle buone pratiche, prima della contabilità, vi è una questione di senso da affrontare.

Irene Sanesi

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #19

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Irene Sanesi
Dottore commercialista e revisore legale. Socio fondatore e partner di BBS-pro Ballerini Sanesi professionisti associati e di BBS-Lombard con sedi a Prato e Milano. Opera in particolare nell’ambito dell’economia gestione e fiscalità del Terzo Settore con particolare riferimento alla cultura, settore nel quale pubblica e svolge attività di consulenza, apprendimento organizzativo e formazione per soggetti privati e pubblici. È esperta di fundraising per la cultura per cui cura campagne di raccolta fondi, occupandosi di formazione mentoring e consulenza per imprese culturali e creative ed in particolare per i musei. Fra le sue pubblicazioni: L’economia del museo (Egea, 2002), Creatività cultura creazione di valore. Incanto economy (Franco Angeli, 2011), Il valore del museo (Franco Angeli, 2014), “Il problema delle risorse: incentivi fiscali e fundraising” in Il pubblico ha sempre ragione? Presente e futuro delle politiche culturali (a cura di Filippo Cavazzoni, IBL, ottobre 2018), Buona ventura. Lezioni italiane di storia economica per imprenditori del futuro (Il Mulino, 2018). Su Artribune Magazine è presente la sua rubrica “Gestionalia”. Scrive per Il Giornale delle fondazioni e Arteconomy. Per il CNDCEC (Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili) è componente del Gruppo di lavoro Economia e Cultura. Dal 2011 al 2018 ha presieduto per l’UNGDCEC (Unione Nazionale Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili) la commissione Economia della Cultura. Presidente dell’Opera di Santa Croce di Firenze. Presidente della Fondazione per le arti contemporanee in Toscana (il soggetto gestore del Centro per l'arte contemporanea L. Pecci Prato). Dal 2008 al 2016 è stata vice-presidente della Fondazione Istituto Internazionale di Storia Economica F. Datini. Tesoriere economo dell’Accademia delle Arti del Disegno. Economo della Diocesi di Prato. Membro del GAV (Gruppo Auto Valutazione) Università degli Studi di Firenze, Facoltà di Economia.