Didattica e musei. Le proposte del MACTE di Termoli

Anche nei mesi estivi gli occhi restano puntati sull’offerta didattica dei musei italiani. Stavolta siamo andati a Termoli, in Molise, per scoprire il servizio educativo del MACTE

Laboratorio Un Mare di Fantasia, MACTE, Termoli 2022
Laboratorio Un Mare di Fantasia, MACTE, Termoli 2022

A illustrare le proposte educative del MACTE di Termoli sono la direttrice Caterina Riva e Amalia Vitale, responsabile del servizio educativo del museo.

Quando e come è nato il Servizio Educativo del Museo di Arte Contemporanea di Termoli?
Il servizio educativo del MACTE è nato insieme al Museo di Arte Contemporanea di Termoli, che ha inaugurato a inizio 2019. La collezione permanente legata al Premio Termoli e le mostre temporanee diventano occasioni per instaurare una relazione educativa con le varie tipologie di pubblico attraverso attività, percorsi didattici e laboratori creativi.

Qual è la metodologia didattica alla base delle vostre proposte?
Il Museo MACTE usa diversi strumenti per offrire percorsi formativi personalizzati alle varie tipologie di visitatori e pubblici. La metodologia didattica utilizzata parte solitamente da una osservazione collettiva e curiosa di opere nel museo per poi favorire una dimensione espressiva, che permette a ogni persona di diventare creatore mediante la manipolazione di vari materiali, ma anche una dimensione relazionale che intreccia pensieri e interessi individuali con quelli degli altri partecipanti. Attraverso modalità di coinvolgimento attivo, ciascun utente diventa non solo un fruitore consapevole, ma anche un potenziale agente di cambiamento.

Quali sono le offerte attualmente disponibili e i destinatari a cui vi rivolgete?
Il servizio educativo del MACTE propone un articolato progetto didattico di visite guidate, laboratori per scuole del territorio di ogni ordine e grado, attività per le famiglie, progetti speciali, percorsi dedicati all’accessibilità culturale e all’inclusione sociale.
I destinatari sono molteplici: scuole dell’infanzia, scuola primaria e secondaria di I e II grado, università, scuola per gli adulti, famiglie, associazioni che lavorano nel sociale e centri culturali, semplici visitatori. Stiamo diventando gradualmente molto attivi sul fronte delle iniziative educative, in occasione della mostra Le 3 ecologie sono stati realizzati ben 57 laboratori!

Laboratorio per famiglie Respira piccolo albero, MACTE, Termoli 2022
Laboratorio per famiglie Respira piccolo albero, MACTE, Termoli 2022

IL PROGRAMMA EDUCATIVO DEL MACTE DI TERMOLI

Ci sono dei filoni di ricerca o di interesse che vi stanno particolarmente a cuore?
Le tematiche di ricerca del MACTE, anche in virtù della mostra Le 3 ecologie, sono incentrate sulla sostenibilità e orientate a iniziative che vorrebbero agevolare l’educazione ambientale e sensibilizzare su pratiche di convivenza, cittadinanza e rispetto, per gli umani ma anche per tutto quello che ci circonda. Poi sfatare il mito persistente che l’arte contemporanea è difficile e per pochi.

Sono previste iniziative durante il periodo estivo o siete già al lavoro sulle novità per il prossimo anno scolastico?
Nei mesi di maggio e giugno, nonostante il cambio della mostra, sono stati ospitati al museo dei progetti creativo-inclusivi, in particolare dei laboratori per le terze classi delle scuole medie e per un gruppo di discenti adulti dalle provenienze svariate, dall’Afghanistan all’Albania, dalla Nigeria alla Russia al Bangladesh.
Si ricomincerà invece a ottobre con le nuove proposte e attività didattiche, in parallelo all’inizio dell’anno scolastico, sempre sviluppate sul doppio canale di valorizzazione delle mostre temporanee e di approfondimento di opere della collezione del Premio Termoli, custodite presso il nostro museo.

Annalisa Trasatti

https://www.fondazionemacte.com/educazione

Dati correlati
Spazio espositivoMACTE - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA TERMOLI
Indirizzovia Giappone - Termoli - Molise
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Annalisa Trasatti
Laureata in Beni culturali con indirizzo storico artistico presso l'Università di Macerata con una tesi sul Panorama della didattica museale marchigiana. Ho curato per dieci anno la rubrica Didattica per un famoso portale d’arte nazionale. Dopo numerose esperienze di tirocinio presso i principali dipartimenti educativi d’italia (MAMbo, Macro ecc.) sono diventata educatrice museale prima, coordinatrice dei servizi poi presso il Museo Tattile Statale Omero di Ancona, specializzandomi in accessibilità ed educazione al patrimonio culturale per disabili visivi. Sono guida turistica dal 2002, attività che mi permette di monitorare costantemente il territorio dove vivo. Pubblicazioni: "L'arte contemporanea e la scoperta dei valori della tattilità", con A. Grassini e A. Sòcrati (Armando editore, 2018); "Il Museo oggi", di L. Cataldo e M. Paraventi (Hoepli, 2006).