Muore a 71 anni Massimo Simonetti, tra i fondatori della fiera ArtVerona

Ripercorriamo la carriera di Massimo Simonetti, co-fondatore (e per un periodo anche direttore artistico) di ArtVerona ed ex socio della Galleria dello Scudo, scomparso nel giorno del suo 71esimo compleanno

Massimo Simonetti
Massimo Simonetti

È scomparso nel giorno del suo compleanno, a 71 anni, Massimo Simonetti, co-fondatore insieme a Danilo Vignati di ArtVerona, di cui è stato anche direttore artistico dal 2005 al 2013. “Sono stati dieci anni di collaborazione fitta e proficua”, lo ricorda Danilo Vignati, “in cui la conoscenza del mercato dell’arte e il suo ruolo di mediazione sono stati fondamentali per poter realizzare fin da subito una manifestazione di qualità”.

MASSIMO SIMONETTI. GLI INIZI ALLA GALLERIA LO SCUDO

Nato a Milano nel 1949, Massimo Simonetti nel 1974 arriva a Verona, iniziando a lavorare con Massimo Di Carlo: da questo incontro inizia l’avventura della Galleria dello Scudo, fondata nel dicembre del 1968 dai genitori di Simonetti e da Bruno Kovarich, e di cui Massimo Simonetti sarà socio fino al 1998, dando vita a una importantissima serie di mostre: Lucio Fontana nel 1974, Giorgio Morandi nel 1976, Giuseppe Capogrossi nei primi anni Ottanta, Boccioni a Venezia nel 1983-84. Con la mostra De Chirico, gli anni Venti del 1985 per la prima volta una galleria privata produceva una mostra museale insieme a una istituzione pubblica, la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, Palazzo Forti diretta da Giorgio Cortenova, mostra che poi a Palazzo Reale a Milano portò 90 mila visitatori in un mese. Risale al 1987-88 la mostra Realismo magico, e al 1990 Boccioni 1912. Materia; nel 1994 Marino Marini; nel 1996 Fausto Melotti, nel 1997 Morandi ultimo. Nel 1998, De Chirico, gli anni Trenta è stata l’ultima mostra che Simonetti curò insieme a Di Carlo prima di lasciare la galleria. “Con Massimo ho condiviso trent’anni della mia vita e la mole dei ricordi è enorme”, racconta Massimo Di Carlo“La notizia della sua scomparsa mi lascia sgomento come se mi fossero tornati addosso, come una diga che si rompe, tutti i momenti condivisi con lui”.

LA NASCITA DI ARTVERONA

L’occasione che ha portato alla nascita di ArtVerona risale al 2003, anno dell’incontro tra Massimo Simonetti e l’imprenditore Danilo Vignati, dando inizio a un’avventura che ha portato, nel corso degli anni, alla crescita di ArtVerona, rendendola una manifestazione credibile e autorevole e oramai un appuntamento di punta del calendario fieristico italiano e non solo. “A Massimo devo molto della mia professionalità, con lui per dieci anni ho lavorato a stretto gomito, visitando ogni anno eventi e fiere e finendo la sera a raccontarci storie di arte e vita nelle trattorie che piacevano a noi”, racconta Sara Benedetti, event manager di ArtVerona. “È stato lui ad introdurmi e ad aprirmi le porte di questo mondo, con saggezza e garbo”.

– Desirée Maida

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.