William Kentridge – Partie du Royaume de Naples

Napoli - 14/12/2012 : 14/12/2012

Sarà possibile ammirare l’arazzo Partie du Royaume de Naples contenant la Basilicate et la Calabre (Partie du Royaume de Naples contenant la Basilicate et la Calabre) della serie Strade della Città, esposto in permanenza in una delle prestigiose sale del Museo di Capodimonte per gentile concessione di William Kentridge e Lia Rumma.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO DI CAPODIMONTE
  • Indirizzo: Via Di Miano 2 - Napoli - Campania
  • Quando: dal 14/12/2012 - al 14/12/2012
  • Vernissage: 14/12/2012 no. ore 8.30 apertura
  • Autori: William Kentridge
  • Generi: arte contemporanea
  • Orari: tutti i giorni h 8.30-19.30; la biglietteria chiude un'ora prima; chiuso il mercoledì
  • Biglietti: Biglietti -€ 7,50 intero -€ 6,50 dalle ore 14.00 in poi -€ 3,75 ridotto -€ 5 noleggio audioguida Possessori Artecard: -€ 3,75 intero -€ 3,50 noleggio audioguida gratuito: per i cittadini della Unione Europea sotto i 18 e sopra i 65 anni ** il costo dell'ingresso e gli orari possono variare con esposizioni in corso**
  • Sito web: http://www.liarumma.it
  • Email: sspsae-na.capodimonte@beniculturali.it

Comunicato stampa

Dal giorno 14 dicembre 2012, a memoria di una mostra così straordinaria e irripetibile, sarà possibile ammirare l'arazzo Partie du Royaume de Naples contenant la Basilicate et la Calabre (Partie du Royaume de Naples contenant la Basilicate et la Calabre) della serie Strade della Città, esposto in permanenza in una delle prestigiose sale del Museo di Capodimonte per gentile concessione di William Kentridge e Lia Rumma



Completano la mostra mosaici ispirati alla tradizione musiva pompeiana e arazzi sul cui sfondo emergono scene di vita della strada e di vita pubblica a testimonianza di grandi progetti di opere infrastrutturali realizzati come la Bonifica dei Quartieri Bassi di Napoli o la Ferrovia Metropolitana (1881-84), pensata da Lamont Young e mai realizzata. Insomma, un ritratto della città e della sua storia, delle sue straordinarie potenzialità e delle sue utopie.