Silvia Hell – A Form of History

Brescia - 17/11/2011 : 14/01/2012

“A Form of History” è la prima mostra personale di Silvia Hell nei nuovi spazi di AplusB contemporary art a Brescia. I lavori esposti, prodotti appositamente per questo progetto, condurranno lo spettatore all'interno della speculare e sistematica lettura dello spazio vissuto negli ultimi 150 anni da alcuni stati europei attraverso la mediazione di forme enigmatiche e del tutto inedite.

Informazioni

  • Luogo: A+B GALLERY
  • Indirizzo: Corsetto Sant'Agata 22 - Brescia - Brescia - Lombardia
  • Quando: dal 17/11/2011 - al 14/01/2012
  • Vernissage: 17/11/2011 ore 18.30
  • Autori: Silvia Hell
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: venerdì - sabato 14/19 e su appuntamento

Comunicato stampa

“A Form of History” è la prima mostra personale di Silvia Hell nei nuovi spazi di AplusB contemporary art a Brescia. I lavori esposti, prodotti appositamente per questo progetto, condurranno lo spettatore all'interno della speculare e sistematica lettura dello spazio vissuto negli ultimi 150 anni da alcuni stati europei attraverso la mediazione di forme enigmatiche e del tutto inedite.

I lavori che compongono “A Form of History” nascono da un unico approccio metodologico il cui esito è composto da stampe fotografiche e sculture

La natura descrittiva delle opere nasce dalla registrazione di dati tratti dall'atlante storico, in particolare i dati riguardanti la variazione dell'estensione territoriale negli ultimi 150 di alcuni stati europei, tra cui naturalmente l'Italia. Ciò che definisce lo scheletro delle forme che animano la mostra è lo schema che nasce all'interno del piano cartesiano, dove sull'asse delle x si tiene in considerazione lo spazio (ossia l'estensione territoriale) e sull'asse della y il tempo (ossia la data in cui avvengono le variazioni territoriali). Ad ogni variazione territoriale avvenuta nel corso del tempo l'artista ha tracciato una linea la cui lunghezza è proporzionata al dato registrato sull'atlante storico.

Le tracce emerse sul piano cartesiano diventano punto di partenza, campo determinato dai dati dal quale Silvia Hell è partita per dare corpo a figure sia piane che tridimensionali. Ciò che unisce gli elementi dello scheletro sono ulteriori regole che determinano ogni elemento visivo, come ad esempio la gradazione del colore, anch'esso derivato da un dato: il colore della bandiera, trasformato in negativo dall'artista. Il lavoro di finitura, e quindi di congiunzione dei punti tracciato sul piano, fa emergere una forma in potenza, qualcosa che prende vitalità nascondendo, ma facendo intuire, ogni elemento che definisce la regola.

“A Form of History” mette in discussione il linguaggio codificato della cartografia, ed in particolare la sua presunta corrispondenza alla configurazione spaziale reale, e quindi al territorio. La nuova metodologia rappresentativa ci fa entrare in un mondo nuovo, attiva una nuova cartografia mentale, e quindi ci conduce ad una fuga dalla consuetudine. L'artista ha creato un dispositivo in cui lo spettatore costruisce un personale territorio in cui la non omogeneità con i segni codificati produce l'assenza di confini, di centri e prospettive prestabilite.

(immagine: A Form of History / Markgraf, 2011, c-print montata su alluminio, cm 110x90)

Silvia Hell, Bolzano, 1983. Vive e lavora a Milano.
Mostre personali: 2011, A Form of History, AplusB, Brescia, I; 2010, Lineal, Placentia Arte, Piacenza, I; 2009 Dèjà vu, Micro – Microspazio disponibile, Firenze, I. Mostre Collettive: 2011 The crisis of confidence, a cura di Marta Barbieri e Lino Baldini, Placentia Arte, Piacenza, I; Imagine and Create. 33 opere per 33 artisti, Artra, Milano, I; Arte nell'arte, artisti dalle galleria di Brescia, Museo Santa Giulia, Brescia, I; Prague Biennale 5, diretto da Helena Kontova e Giancarlo Politi e a cura di Nicola Trezzi, in The crisis of confidence, a cura di Marta Barbieri e Lino Baldini, Praga, CZ. Mediamorfosi 2.0 ACT_02, a cura di Gabriele Perretta, Sudlab, Portici (NA), I. 2010: Half Square. Half Crazy, a cura di Antonio Grulli e Marco Bruzzone, VIR Viafarini-in-residence, MiIano, I. Kings Zine #1, a cura di Kings e Guia Cortassa, Assab One, Milano, I. Carta da parati NoNoProject, Motel Lucie, Milano, I. 2009 Loli, Maximal festival, Milano, I. Loli, Festival del Ticino, Casorate Sempione (VA), I. 2008 Premio Guido Pajetta, Ex chiesa di San Carpoforo, Milano, I. 2006 Bellissima, schegge di cultura visiva, a cura di Andrea del Guercio, Circolo Filologico Milanese, Milano, I. 2005 Salon Primo, Palazzo della Permanente, Milano, I. A.R.G.A.M., Galleria dʼarte Michelangelo, Roma, I. Premio Nazionale delle Arti, Museo degli strumenti musicali, Roma, I. Accademie inContro, Palazzo del Podestà, Rimini, IT. 2004 Arte e industria, Triennale di Milano, Milano, I.