Silvano Tessarollo – Prima che il gallo canti

Verona - 10/10/2020 : 16/01/2021

Silvano Tessarollo titola Interni le sue installazioni frantumate, anticlassiche, prive di ogni ripiegamento nostalgico. Interni, perché non hanno nulla di monumentale, di solenne, di grandioso, quanto invece un che di declassato, rotto, marginale.

Informazioni

  • Luogo: LA GIARINA ARTE CONTEMPORANEA
  • Indirizzo: Interrato Acqua Morta 82 - Verona - Veneto
  • Quando: dal 10/10/2020 - al 16/01/2021
  • Vernissage: 10/10/2020 ore 17
  • Autori: Silvano Tessarollo
  • Curatori: Luigi Meneghelli
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: DAL MARTEDÌ AL SABATO 15.30 – 19.30 (E SU APPUNTAMENTO)

Comunicato stampa

Scorci abbandonati dopo una catastrofe, resti fatiscenti e deserti di qualche periferia urbana consumata dalla polvere del tempo: teatri tristi, liturgie funerarie, architetture metafisiche. Silvano Tessarollo titola Interni le sue installazioni frantumate, anticlassiche, prive di ogni ripiegamento nostalgico. Interni, perché non hanno nulla di monumentale, di solenne, di grandioso, quanto invece un che di declassato, rotto, marginale. L'artista non intende cioè ingabbiare le sue drammaturgie dentro forme risolte e chiuse, ma costruire creazioni non compiute, aperte, mutilate. Anche perché, come ha detto Anselm Kiefer, “tutto ciò che facciamo tiene già in sé radicalmente la sua stessa negazione”

Ogni oggetto resta in vita, ma la vita si è irrimediabilmente allontanata da esso.
Ebbene, Tessarollo sembra lavorare proprio su ciò che si allontana e si dilegua; anzi, sembra dare corpo proprio alla sparizione. Non sono infatti gli interni/bagni la messa in scena di un ordine prossimo a naufragare nel nulla? E non sono le gigantesche superfici in resina (coperte di cera, cenere, colori industriali, stoffe consunte) autentiche installazioni del disastro? Ma è ogni singolo elemento, qui, a richiamare un oscuro, illimitato inferno: l'aspetto abietto delle impalcature orizzontali (metà basamento/metà sepolcro), gli accessori per il bagno invariabilmente profanati, pareti e pavimenti assenti o sfondati, quasi a svelare fondamenta occulte. È come se tutto tendesse verso quel luogo dove le immagini si annullano o si mescolano in una metamorfosi infinita e inaccessibile.
Si tratta di cinque lavori realizzati nel 2007 e custoditi in casse “segrete”. Forse per garantire la loro integrità o forse per celare il loro inconfessato e febbrile mistero. Fino a qualche anno prima Tessarollo si era ingegnato attorno ai suoi “Mitici pupazzi” sempre indaffarati in faccende paradossali, come i protagonisti dei cartoon da cui provenivano. Essi si mostravano eccessivi, irriverenti, sconclusionati, ma pure corrotti, imperfetti, incompiuti. Anch'essi cioè, in qualche modo, già ostaggio di quella rovina abissale in cui sono immerse le spoglie desolate degli Interni (o anche le opere dei cicli di Umano è il nostro cielo e di Dies Irae, tutte realizzate nel giro di anni che vanno dal 2004 al 2009). Anzi, i pupazzi li ritroviamo “in carne e ossa”, anche tra questi relitti di mondo, con i loro tratti appesantiti o consumati, i loro colori vistosi, le loro pose caricaturali; maiali scuoiati, teste dilaniate di cani, pennuti ridotti a scheletri danzanti (da cui viene il titolo ironico della mostra Prima che il gallo canti). È vero, sono solo comparse, attori marginali, ma introducono in scena un'atmosfera di sospese ambiguità, tra il tragico e il comico, tra l'ilare e l'inquieto. È come se Tessarollo saggiasse di continuo lo spessore del dramma con l'acido della derisione o attraverso la comicità cercasse di guardare più a lungo il sole accecante del Niente.
A compendio (o annuncio) di tutto, due grandi dipinti su carta (Studio per interno 1 e Studio per interno 5, del 2005): vere acrobazie di oli e cere che fondono figurazione e lirismo. Superfici che sembrano deflagrare, dando l'idea di un moto ascendente, quasi plastico. Collegano lo spirituale e il barbarico, il buio e l'accensione. Si potrebbe quasi dire che siamo di fronte ad un'immagine informale, abitata da energie sotterranee, da vortici che includono ogni elemento, da cataclismi gestuali che conducono verso dimensioni oscure. Infatti niente è più riconoscibile con chiarezza, nessun limite è più rispettato. Così anche i dipinti finiscono per veicolare una trama di linee sfregiate, spezzate. Mimano, in un certo senso, la struttura esplosa degli Interni. Solo che il concetto di processo dissolutivo in essi è portato alla massima potenza. Sta prima e dopo che la distruzione si compia. Forse rivela la distruzione stessa.
La mostra sarà visitabile seguendo le seguenti disposizioni: indossare la mascherina, utilizzare il disinfettante per le mani all'ingresso e mantenere la distanza sociale di un metro. L’entrata è consentita ad un massimo di 6 persone alla volta. E’ gradita la prenotazione all’indirizzo [email protected]

Prima che il gallo canti. La mostra di Silvano Tessarollo a...

La guerra e la bestialità dell’uomo nel farla: è lo sfondo dei lavori di Silvano Tessarollo in mostra alla galleria La Giarina di Verona. Insieme alla solitudine e alla disperazione che ne conseguono.