Racconti Scapigliati

Pavia - 17/03/2016 : 05/06/2016

La mostra presenta un’accurata selezione di opere e documenti dei maggiori esponenti della Scapigliatura, tra cui alcune prime edizioni, lettere, locandine teatrali, libretti d’opera, giornali letterari ed umoristici.

Informazioni

  • Luogo: BIBLIOTECA BONETTA
  • Indirizzo: Piazza Petrarca 2 - Pavia - Lombardia
  • Quando: dal 17/03/2016 - al 05/06/2016
  • Vernissage: 17/03/2016 ore 18
  • Generi: documentaria, disegno e grafica
  • Orari: lunedì, martedì, giovedì, venerdì 13-19; mercoledì e sabato 8-13
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa


In contemporanea con l’importante esposizione “Tranquillo Cremona e la Scapigliatura”, protagonista nelle Scuderie del Castello Visconteo di Pavia fino al 5 giugno 2016, la Biblioteca Civica Bonetta di Pavia organizza Racconti Scapigliati, che inaugura giovedì 17 marzo 2016 (ore 18) negli spazi della Biblioteca


La mostra presenta fino al 5 giugno 2016 un’accurata selezione di opere e documenti dei maggiori esponenti della Scapigliatura, tra cui alcune prime edizioni, lettere, locandine teatrali, libretti d’opera, giornali letterari ed umoristici, e 35 tavole sciolte allegate alla biografia di Tranquillo Cremona scritta da Giulio Pisa e pubblicata a Milano dalla casa editrice Baldini & Castoldi nel 1899 (l’opera potrà essere consultata, su richiesta).

Presso la Biblioteca Civica Bonetta sono conservati la prima edizione del romanzo-manifesto del movimento scapigliato, cui diede il nome, La scapigliatura e il 6 febbraio (un dramma in famiglia). Romanzo contemporaneo di Cletto Arrighi e il romanzo d’esordio di Carlo Righetti (di cui Cletto Arrighi è pseudonimo) Gli ultimi coriandoli. Romanzo contemporaneo. Oltre alla prima edizione di Cento Anni. Romanzo ciclico di Giuseppe Rovani, e a una serie di opere di Carlo Dossi, del quale è esposto anche il documento che attesta la sua adesione alla “Società Pavese di Storia Patria”.
In mostra sono poi le locandine delle opere liriche scritte da Arrigo Boito, Mefistofele e La Gioconda, rappresentate a fine ‘800 al Teatro Fraschini, insieme ad alcuni giornali come Lo Spirito folletto, che si avvalse della collaborazione anche di Tranquillo Cremona, alla Cronaca Grigia, settimanale diretto da Cletto Arrighi e a Si vede o non si vede o La Nuova Lanterna Magica, strenna popolare politico – letteraria del 1863, dove Cletto Arrighi pubblica Milano Contemporanea.