Q.I. Vedo – MariaAdele Del Vecchio

Napoli - 24/07/2014 : 07/08/2014

L’opera, realizzata ad hoc per il Quartiere Intelligente, è un manifesto visivo, un’immagine appartenente fissa che ribalta lo spazio della città portando il mare nel centro storico e soprattutto gemellando due aree urbane accomunate da un vuoto lasciato dall’uomo: l’area di Montesanto, ed in particolare quella dove sorge il Q.I., e quella di Bagnoli che ancora soffrono dell’immobilismo delle autorità.

Informazioni

Comunicato stampa

Q.I

VEDO
a cura di Adriana Rispoli

Quartiere Intelligente/Scale di Montesanto
24 luglio – 7 agosto 2014
dalle 20.30 alle 24
MariaAdele Del Vecchio
Blue
2014
3.30 h
Courtesy Supportico Lopez, Berlino

Il lavoro di Maria Adele Del Vecchio incrocia la tensione estetica a quella relazionale caratterizzandosi attraverso la produzione di opere che possono sia essere "azioni" sul territorio - come la performance "Qui sembra ancora possibile", avvenuta nel 2011 nel Parco del Pineto di Roma - che oggetti o progetti in cui utilizza un linguaggio spesso simbolico che lascia trasparire l’eco di un autobiografismo e di un costante interrogarsi e interrogare i segni della realtà. In entrambi i casi, palesemente o velatamente, l'opera chiede allo spettatore di "prendere posizione", di farsi coinvolgere, di iniziare un percorso di crescita della propria coscienza e consapevolezza.

Blue
L’opera, realizzata ad hoc per il Quartiere Intelligente, è un manifesto visivo, un’immagine appartenente fissa che ribalta lo spazio della città portando il mare nel centro storico e soprattutto gemellando due aree urbane accomunate da un vuoto lasciato dall’uomo: l’area di Montesanto, ed in particolare quella dove sorge il Q.I., e quella di Bagnoli che ancora soffrono dell’immobilismo delle autorità. Lontano da una facile polemica politica, Blue - aggettivo che in inglese oltre a riferirsi al colore qualifica la sensazione di depressione - è piuttosto un malinconico saluto dell’artista all’estate e alla città di Napoli, una tautologia, cioè un'affermazione vera perché veri sono gli elementi che la compongono, che sincronizza temporalmente il centro storico con l’area post industriale.
Maria Adele Del Vecchio (1976, Caserta), vive e lavora a Roma. Ha frequentato nel 2005/06 la Staedelschule di Francoforte, e nel 2003la Fondazione Antonio Ratti di Como. Tra le ultime mostre personali ricordiamo Tonite let's all make love in London, Supportico Lopez, Berlino, 2014, Qui sembra ancora possibile, a cura di Maria Rosa Sossai, Parco del Pineto, Roma, 2011, No end is limited, a cura di Stefania Palumbo, Galleria Enrico Fornello, Prato 2008; tra le collettive: Viaggio al termine della parola, a cura di Antonello Tolve, Galleria Tiziana Di Caro, Salerno, Se il dubbio nello spazio è dello spazio, a cura di Maria Adele Del Vecchio e Nemanja Cvijanovic, Museo MACRO, Roma,2014, Die Dritte Dimension, Frutta Gallery, Roma2013.

Q.I. VEDO a cura di Adriana Rispoli e sotto il “matronato” della Fondazione Donnaregina per le Arti Contemporanee, è il format visivo del Quartiere Intelligente in cui artisti contemporanei interpretano con il linguaggio video i temi dell’ambiente, dell’ecosostenibilita' e del rapporto uomo-natura proiettando messaggi visivi su un muro monumentale trasformato in schermo permanente. Sfruttando le strategie del main stream pubblicitario, Q.I.VEDO è un progetto d'arte pubblica che mira a coinvolgere un audience passeggero, variegato, in transito, con lo scopo ultimo di sensibilizzarlo alla bellezza e alla importanza dell'ambiente.
Blue di Maria Adele del Vecchio è il 5° appuntamento di Q.I. vedo dopo i MASBEDO, Filippo Berta, Moio&Sivelli e Giovanni Giaretta
Si ringrazia per la collaborazione Tiziana Di Caro, Eli Cortiñas e il Club Katiuscia di Napoli.