Punjabi girl

Firenze - 03/09/2012 : 15/09/2012

Punjabi Girl è il racconto intimo, dal privato della casa paterna, dei preparativi e delle incertezze di una ragazza hindu che sta per diventare donna; una cronistoria necessariamente frammentaria ma ricca di dettagli, che descrive il lungo cerimoniale con cui la giovane donna si appresta a lasciare la casa dei genitori per entrare a far parte della famiglia dello sposo.

Informazioni

  • Luogo: CIRCOLO A.S. AURORA
  • Indirizzo: Piazza Torquato Tasso - Firenze - Toscana
  • Quando: dal 03/09/2012 - al 15/09/2012
  • Vernissage: 03/09/2012 ore 19.30
  • Autori: Postcards from Beirut, Gea Brown
  • Generi: fotografia, performance – happening, musica

Comunicato stampa

Postcards from Beirut + Gea Brown
Punjabi girl

FONO | 6
fotografia: Postcards from Beirut
live sound mix: Gea Brown

Lunedì 3 settembre 2012
Circolo Aurora, Firenze
h 19.30: aperitivo e dj set
h 22.00: Punjabi girl, videoproiezione e live set

La mostra resterà aperta fino al 15 settembre 2012




3 Settembre 2010. Rimma sta per sposarsi. Siamo ad Amritsar, la città più importante dello stato indiano del Punjab, presso il confine con il Pakistan



PfB ha l'onere-onore di assistere ai preparativi e al matrimonio di Rimma vivendo, per circa due settimane, nella casa del padre della sposa. Un rituale induista con un programma denso di festeggiamenti, cerimonie propiziatorie, canti, cambi d'abito e consessi familiari, lungo circa una settimana.

Punjabi Girl è il racconto intimo, dal privato della casa paterna, dei preparativi e delle incertezze di una ragazza hindu che sta per diventare donna; una cronistoria necessariamente frammentaria ma ricca di dettagli, che descrive il lungo cerimoniale con cui la giovane donna si appresta a lasciare la casa dei genitori per entrare a far parte della famiglia dello sposo.

PfB osserva, al di là dell'obbiettivo della macchina fotografica. Lo fa con occhi curiosi, attenti e culturalmente distanti, irretito nel duplice ruolo di ospite e prigioniero, accolto con tutti gli onori e le premure nel cuore della casa della sposa, ma obbligato a sottostare a un rigido sistema di norme, convenzioni e costumi sociali.

L'ospitalità in Punjab è uno sport estremo, impossibile rifiutare un pasto, uscire di casa non accompagnati da un membro della famiglia, non partecipare ai rituali, vestire all'europea.
PfB


Lunedì 3 settembre 2012
h 19.30: aperitivo e dj set
h 22.00: Punjabi girl, videoproiezione e live set

La mostra resterà aperta fino al 15 settembre 2012

Circolo Aurora
Viale Vasco Pratolini 2 (angolo Piazza Tasso)
tel 055 224059
[email protected]

______________________________________________________

FONO - live sound mix on videos and photos
Dialoghi serrati tra suoni e immagini, in un ciclo di serate in cui il lavoro di artisti e fotografi trova una dimensione sonora attraverso live set che ne seguono passo passo gli sviluppi, nei video o nelle serie fotografiche.
Sonorizzazioni, selezione degli artisti e presentazione dei lavori esposti a cura di Gea Brown.

http://www.site-sync.com/artistsgeabrown.htm
______________________________________________________

Postcards from Beirut è un side project formato nel 2009 da Elisabetta Mori e Rocco Poiago, già parte del collettivo Liquid Cat (www.liquidcat.org), che hanno deciso di intraprendere una propria impresa artistica.
Hanno esposto e operato, tra gli altri, a: BJCEM Biennale a Skopje, Macedonia, Museo Marino Marini, Centro di Cultura Contemporanea Strozzina a Firenze, Museion a Bolzano, Fondazione Lanfranco Baldi, Pelago.

Postcards from Beirut è un court-bouillon artistico in continua ebollizione. I suoi ingredienti comprendono: Goyangi soju, fosfori e coni, audio e video, bombe postatomiche, onde radio, raggi gamma, lattice e vinile, soda caustica, sarcasmo q.b.
Postcards from Beirut è indicato per: noia, reumatismi, virus, apatia.

http://www.postcardsfrombeirut.org
http://postcardsfrombeirut.wordpress.com
[email protected]