Pedro Cano – IX Mediterranei

Ragusa - 28/02/2014 : 29/03/2014

Al Museo della Cattedrale di Ragusa, presso Palazzo Garofalo, in mostra le opere di Pedro Cano. Memorie di viaggio attorno al Mediterraneo, sipario invisibile e protagonista della storia.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO DELLA CATTEDRALE - PALAZZO GAROFALO
  • Indirizzo: Corso Italia 87 - Ragusa - Sicilia
  • Quando: dal 28/02/2014 - al 29/03/2014
  • Vernissage: 28/02/2014 ore 18,30
  • Autori: Pedro Cano
  • Curatori: Saro Spata, Mariella Guastella
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da Martedì a Domenica 10,30-12,30 / 17,30-19,30
  • Biglietti: ingresso libero
  • Patrocini: Promosso da: Associazione Culturale “Promotrice delle Arti – Angelo Campo”, Comune di Ragusa e Fundacion Pedro Cano

Comunicato stampa

Nell'Ottobre 2011 la Città di Ragusa ha insignito il pittore spagnolo Pedro Cano della cittadinanza onoraria in quanto riconosciuto “ambasciatore culturale” della città barocca,dove Pedro ormai è di casa e dove, qualche anno fa, ha tenuto un seminario di pittura dal vero con la partecipazione di corsisti da tutto il mondo

Per sigillare questo rapporto di grande stima con l'artista spagnolo la città siciliana ospiterà dal 28 febbraio al 29 marzo 2014 IX Mediterranei una grande mostra di 54 opere ad acquerello frutto di un lungo lavoro dell'artista dedicata al Mediterraneo, rappresentato attraverso nove luoghi, tre isole - Maiorca, Patmos, Sicilia - e sei città Alessandria, Cartagena, Istanbul, Napoli, Spalato, Venezia.
La mostra, che aprirà i battenti venerdì 28 febbraio alle ore 18.00, a cura di Saro Spata e Mariella Guastella, promossa dall'Associazione Culturale “Promotrice delle Arti – Angelo Campo” con la compartecipazione del Comune di Ragusa ed il sostegno di Reale Mutua Assicurazioni, Sac, Immobiliare Europa, Le Stanze del Sole, Taberna 5 sensi, Camera del Commercio e Fundacion Pedro Cano, è un viaggio personale ed affettivo tra le memorie ed i ricordi del “girovagare” di Pedro Cano dalla Turchia all'Egitto e dalla Grecia sino alle Baleali.Il Mediterraneo è un sipario invisibile. Non appare, benché sia protagonista/creatore dei luoghi.I colori, le tradizioni, le atmosfere, la storia ed i segreti del Mare Nostrum, culla di antiche civiltà, sono contenuti di un'espressione artistica ma soprattutto sono bagaglio di un viaggio dell'anima dell'artista stesso.Dopo i 33.000 visitatori a Giugno del 2012 al Museo del Teatro Romano di Cartagena, oltre 50.000 ai Musei di Traiano a Roma e circa 20.000 alla Fondazione Benetton di Treviso anche la città di Ragusa si prepara ad ospitare questo evento di grande importanza, che ha suscitato ovunque successo e meraviglia.Molti gli appuntamenti che si susseguiranno per tutta la settimana successiva all'inaugurazione.Lo stesso Pedro Cano accompagnerà i visitatori in percorsi guidati sabato 1 e 8 Marzo, con uno spazio dedicato anche ai più piccoli in cui il maestro mostrerà ai bambini delle scuole elementari l'arte del colore e delle forme; infine terrà un corso gratuito di acquerello per adulti

Pedro Cano nasce nell'Agosto del 1944 a Blanca (Spagna)Studia all'Accademia San Fernando di Madrid e nel 1969 si trasferisce a Roma.all'Accademia di Belle Arti, dopo aver vinto il Prix de Rome all'Accademia di Spagna.Da qui comincia la sua carriera che lo vedrà esporre in alcune tra le più grandi città del mondo, da Madrid a Beirut, a Lisbona, Amsterdam, Parigi, New York, Toronto, Bogotà, Salisburgo.I suoi recenti lavori sono un ciclo di grandi carte sui muri di Roma, 55 acquerelli sulle 55 città di Italo Calvino.Del 2008 è la serie “Identità in transito” alle Terme di Diocleziano a Roma e poi a Firenze a Palazzo Vecchio.Dall'11 Novembre 2011 è stata istituita a Blanca la Fondazione Pedro Cano.Nel mese di Luglio 2012 riceve, da Papa Benedetto XVI, la nomina di Accademico Ordinario nella Pontificia Insigne Accademia di Belle Arti e Letteratura dei Virtuosi al PantheonDa Giugno 2013 un suo autoritratto è stato collocato agli Uffizi nel Complesso Vasariano tra la collezione di autoritratti.