Oltre il Limite

Trento - 08/11/2014 : 08/12/2014

Oltre il Limite. Viaggio ai confini della conoscenza, la prima grande mostra aperta al MUSE Museo delle Scienze di Trento, prodotta in collaborazione con INFN Istituto nazionale di Fisica Nucleare con la partecipazione dell’ Agenzia Spaziale Italiana: un grande viaggio alla scoperta dell'universo e dei suoi misteri, attraverso exhibit interattivi, allestimenti, video e tecniche multimediali.

Informazioni

  • Luogo: MUSE - MUSEO DELLE SCIENZE
  • Indirizzo: Corso del Lavoro e della Scienza 3, 38122 - Trento - Trentino Alto Adige
  • Quando: dal 08/11/2014 - al 08/12/2014
  • Vernissage: 08/11/2014
  • Generi: documentaria, didattica
  • Uffici stampa: OMNIA RELATIONS

Comunicato stampa

Due eventi quasi contemporanei ci portano ai confini della realtà. Il prossimo 8 novembre sarà inaugurata la prima grande mostra del MUSE, "Oltre il Limite", dedicata all'universo e ai suoi misteri. Due giorni prima, il 6 novembre, uscirà nelle sale la pellicola di fantascienza "Interstellar", ultimo film di Nolan. Arte e Scienza sono alleate nel permettere di avventurarci dove nessuno si è mai spinto prima d'ora.


"Tutti pronti a salutare il nostro sistema solare? La nostra galassia? Si parte!" Così il protagonista di "Interstellar", l'ultimo film di Christopher Nolan, parla all'equipaggio della sua astronave, lanciata verso l'ignoto

Ma si rivolge anche a noi, primi spettatori della pellicola in uscita nei cinema italiani il 6 novembre, che cambierà il nostro modo di immaginare il cosmo: avvalendosi della consulenza di Kip Thorne, uno dei maggiori esperti mondiali di fisica teorica e relatività, ci porterà dentro buchi neri e tunnel spazio-temporali. L'uscita del film è quasi contemporanea all'inaugurazione dell' 8 novembre di Oltre il Limite. Viaggio ai confini della conoscenza, la prima grande mostra aperta al MUSE Museo delle Scienze di Trento, prodotta in collaborazione con INFN Istituto nazionale di Fisica Nucleare con la partecipazione dell’ Agenzia Spaziale Italiana: un grande viaggio alla scoperta dell'universo e dei suoi misteri, attraverso exhibit interattivi, allestimenti, video e tecniche multimediali.

L'arte e la scienza non sono mai state così vicine. Se Interstellar promette di essere il film dal taglio scientifico più aderente alla realtà dai tempi di "2001 Odissea nello spazio", la mostra "Oltre il Limite" ci permette di esplorare l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo, trasformando i dati scientifici in nostro possesso in un'esperienza a tutto tondo, che coinvolge tutti i sensi.
Cosa potremmo vedere se potessimo avvicinarci a un buco nero? Come si presenterebbe ai nostri occhi un wormhole, un tunnel che mette in comunicazione due regioni lontane dell'universo? Sono domande che fanno sognare. L'immaginazione, sorretta dallo studio e dall'analisi dei dati, ci consente ormai di spingerci dove nessuno è mai arrivato prima, in un territorio remoto dove le leggi della fisica vengono totalmente stravolte.

La mostra Oltre il limite è suddivisa in più aree tematiche che riflettono l'approccio multidisciplinare che caratterizza il MUSE: è una finestra che si apre sul big bang e l'espansione dell'universo, l'infinitamente piccolo e l'infinitamente grande, le relazioni tra energia e materia, i limiti della mente e della tecnologia scientifica, la natura del tempo e molto altro. La complessità dei contenuti viene efficacemente tradotta in un'esperienza affascinante e al contempo comprensibile, attraverso l'utilizzo di video, exhibit interattivi, esperienze multimediali e installazioni. Incontri, conferenze e laboratori coinvolgeranno ulteriormente il pubblico. L’uomo con la potenza del suo ragionamento e la sua capacità di immaginazione è in grado di esplorare e raccontare questo percorso a cavallo del limite, che è il percorso della ricerca scientifica.

"Oltre il limite. Viaggio ai confini della conoscenza" è promossa dal Muse e dall'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, con la partecipazione dell'Agenzia Spaziale Italiana e con la collaborazione dell'Università di Trento e della Fondazione Bruno Kessler. Sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, la mostra ha ottenuto il Patrocinio della Provincia autonoma di Trento, del Comune di Trento e dell'Agenzia Spaziale Italiana.