Nevercrew – Frequency Spectrum

Torino - 05/02/2015 : 14/03/2015

Dopo Milano e Dublino, dove hanno decorato le nuove sedi europee di Facebook, il duo di street-artists svizzeri NEVERCREW arriva a Torino, negli spazi della galleria Square23, con “Frequency spectrum”, la loro riflessione su percezione e comunicazione, tra realtà e surrealtà.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA SQUARE23
  • Indirizzo: Via San Massimo 45, 10123 - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 05/02/2015 - al 14/03/2015
  • Vernissage: 05/02/2015 ore 18,30
  • Autori: Nevercrew
  • Generi: arte contemporanea, personale, urban art
  • Orari: lunedì – sabato 11-20, o su appuntamento
  • Email: savoldi.press@gmail.com

Comunicato stampa

Dopo Milano e Dublino, dove hanno decorato le nuove sedi europee di Facebook, il duo di street-artists svizzeri NEVERCREW arriva a Torino, negli spazi della galleria Square23, con “Frequency spectrum”, la loro riflessione su percezione e comunicazione, tra realtà e surrealtà.

Pablo Togni e Christian Rebecchi più che “duo” sono “uno”. Lavorano insieme dal 1996 uniti dall’interesse comune per la pittura e la street art. Hanno esposto e partecipato a progetti internazionali e festival a Belgrado, Il Cairo, Amburgo, Monaco, Zurigo, Lugano


Il loro lavoro è caratterizzato da alcuni concetti chiave, come il meccanismo, la composizione, la sezione, le parti, la memoria, la scelta, i rapporti, i contrasti, l’esplorazione, la surrealtà. Il tutto viene collegato insieme, fuso in composizioni viventi e che mutano proprio perché vive, evolvendosi nel tempo e nello spazio.
Combinare linguaggi diversi è la loro cifra stilistica: catene di montaggio, esseri organici e ingranaggi meccanici, mostri marini, “strutture viventi” si intersecano nei loro lavori proprio come gli stili che utilizzano, tra sintesi grafica e iperrealismo spray.
Le loro strutture sono modelli di sistemi viventi, delle visioni d’insieme rese percepibili nella loro totalità e nella loro struttura tramite l’utilizzo della “sezione” che permette di vederle per come sono al loro interno, nel caso di un meccanismo o degli spazi di una casa o della struttura di un essere vivente. Il rapporto tra le parti e con la memoria viene esteso alla realtà intera, al luogo e allo spettatore, lasciando a quest’ultimo la possibilità di completare il meccanismo con la sua personale esperienza, con la sua storia e quindi con le sue molteplici interpretazioni.
In “Frequency Spectrum”, in particolare, l’attenzione si concentra su percezione e comunicazione, sulla loro differenza ed interazione costante.


BIO
Pablo Togni nasce nel 1979 a Bellinzona, Svizzera. Christian Rebecchi nasce nel 1980 a Lugano, Svizzera. Entrambi frequentano il Liceo Artistico C.S.I.A. di Lugano ed in seguito il corso di Pittura del professor Nicola Salvatore all’Accademia di Bella Arti di Brera a Milano, diplomandosi nel 2005.
Dal 1996 lavorano insieme e danno vita al duo artistico NEVERCREW, iniziando ad avvicinarsi alla street art (che in quel periodo era vista ancora unicamente sotto il nome di "graffiti") con un approccio principalmente pittorico e tramite altre forme espressive quali la scultura, la grafica, l'illustrazione, la fotografia ed il video, iniziando da subito a dipingere in tutto il Canton Ticino. In questi primi anni partecipano all'esposizione di graffiti "Dalla Strada" al Museo Cantonale d'Arte Moderna di Bellinzona (CH), dipingono nelle carceri pretoriali di Bellinzona (CH), sono selezionati come "giovani disegnatori ticinesi" nell'ambito dell'evento "Innovafumetto" a Lugano (CH) e partecipano ad alcune esposizioni tra Milano e Como (Italia) durante i corsi all'Accademia di Belle Arti.
Dal 2004 si concentrano ulteriormente sulla pittura e, pur continuando a lavorare con la bomboletta spray, cercano di unire l’esperienza e lo spirito dei murales, della street art e della grafica, con le ricerche espressive fatte negli anni dell’accademia. Per alcuni anni lavorano per diverse società (come Costa Crociere, la Radiotelevisione della Svizzera Italiana RSI SSR-SRG, Kuoni-Shoestring,...) e dicasteri cittadini.
Dal 2008 estendono nuovamente il raggio delle loro creazioni artistiche, ritornando a lavorare sia nelle bidimensionalità sia nella tridimensionalità. I lavori principali di questi anni sono il dipinto "Octopus" nello Skatepark di Lugano (CH), la performance live durante la "Volvo Art Session" alla stazione centrale di Zurigo (CH), e l’art direction del film “Tutti Giù” di Niccolò Castelli (ImagoFilm Lugano, CH).
Sempre come artisti indipendenti, dal 2010 avviano una nuova ricerca personale a cui decidono di dedicare sempre maggiore tempo: un linguaggio più determinato a livello concettuale, ma non forzatamente dal punto di vista tecnico e visivo, che prende forma principalmente nelle loro “sezioni” e nelle “strutture viventi”. Con una serie di questi lavori nel 2012 partecipano ad ArtYou Urban Art Basel (CH) e nello stesso anno realizzano il grande dipinto murale "Magenta" a Lugano (CH).
Nel 2013 vincono il premio "Artista dell'anno - 2012" della Fondazione Bally per la Cultura, vengono invitati a far parte della selezione internazionale "Stroke Curated" durante la Stroke Urban Art Fair di Monaco (DE), realizzano l'installazione interattiva "Tin Can Phone Project" a Lugano (nata dal precedente “Funnel Project”, 2012) e una delle loro immagini è scelta per una stampa in serie limitata come regalo ufficiale agli ospiti del Festival del Film Locarno. Nello stesso anno vengono realizzate due esposizioni personali a Lugano (CH): la prima presso la "Limonaia" di Villa Saroli (Museo d'Arte Lugano), dove presentano l'installazione "Part of the Process", e la seconda presso Ego Gallery, dove presentano diverse opere ed installazioni inedite, frutto del loro percorso recente.
Nel 2014 NEVERCREW realizza le opere all'interno dei nuovi spazi di Facebook a Milano (I) e a Dublino (IRE) e partecipa a diversi progetti internazionali e festival artistici: Amburgo (DE), Belgrado (Serbia), il Cairo (Egitto), Winterthur (CH), Zurigo (CH).