Nemanja Cvijanovič – il dolce terrore

Arezzo - 28/02/2015 : 30/05/2015

Nemanja Cvijanovič è un abile manipolatore di segni. Agisce, piuttosto, sulla produzione semiotica come un dispositivo di profanazione. Sa che nell’attuale regime di mediatizzazione (o nelle cosiddette industrie creative) il potere identifica il proprio privilegio non più con la proprietà dei mezzi di produzione ma con il controllo dei processi di significazione.

Informazioni

  • Luogo: FURINI ARTE CONTEMPORANEA
  • Indirizzo: Chiesa della Madonna del Duomo via Oberdan 61, 52100 - Arezzo - Toscana
  • Quando: dal 28/02/2015 - al 30/05/2015
  • Vernissage: 28/02/2015 ore 18,30
  • Autori: Nemanja Cvijanovic
  • Curatori: Marco Scotini
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: martedì-venerdì 15-19,30 / sabato 16-19,30 tel.+39 3487071943 e su appuntamento

Comunicato stampa

FuriniArteContemporanea è orgogliosa di presentare la mostra personale dell’artista croato Nemanja Cvijanovič (Rijeka, 1972), un progetto curato da Marco Scotini che porta negli spazi della galleria nella ex Chiesa della Madonna del Duomo Vecchio di Arezzo un’attenta, perspicace e critica analisi di avvenimenti storici fondamentali che hanno contribuito a creare la società contemporanea.

Nemanja Cvijanovič è un abile manipolatore di segni. Agisce, piuttosto, sulla produzione semiotica come un dispositivo di profanazione

Sa che nell’attuale regime di mediatizzazione (o nelle cosiddette industrie creative) il potere identifica il proprio privilegio non più con la proprietà dei mezzi di produzione ma con il controllo dei processi di significazione.

Iniziato durante la sua residenza al MACRO del 2014, il progetto intende essere però un omaggio al centenario dell’attentato di Sarajevo all’erede al trono dell’Impero austro-ungarico perpetrato dal rivoluzionario serbo Gavrilo Princip. I segni si concatenano, i tempi si sovrappongono: l’apocalisse gioiosa austriaca da un lato; lo scoppio della prima guerra mondiale, dall’altro.

Le maschere del passato non cessano di ritornare, anche se in altri contesti storici: quando le minacce politiche in agguato non sono più le stesse e fortemente mutata è la stessa economia politica del segno.


EN
FuriniArteContemporanea is proud to present the solo show by Croatian artist Nemanja Cvijanovic (Rijeka, 1972), a project curated by Marco Scotini which brings in the gallery space in the ex Chiesa della Madonna del Duomo Vecchio di Arezzo an attentive, perceptive and


incisive analysis of historical fundamental evenements which contributed to build the contemporary society.

Nemanja Cvijanovic is a capable manipulator of signs. He acts, instead, on the semiotic production as a device of profanation. He knows that in the current media coverage regime (or in the so called creative industries) the power identifies the own privilege no more with the means of production ownership but with the processes of signification control.

Started during his residency at MACRO on 2014, however the project intends to be a homage to the centenary of the attack to the Austro-Hungarian Empire throne heir perpetrated by revolutionary Serb Gavrilo Princip in Sarajevo. The signs concatenate, time overlap: on one hand the joyful Austrian apocalypse; on the other the First World War outbreak.

The masks of the past do not cease to return, although in other historical contexts: when the political threats lurking are no more the same and the political economy of the sign is strongly changed.


CV
Selected exhibitions
2014 Occulta, Artist in residence #5, MACRO Museo d'arte contemporanea, Rome, Italy, 2014 Death to Fascism! Yesterday -Today – Tomorrow, Belgrade Cultural Centre, Belgrade, 2013 Extra Large, MACRO Testaccio, Museo d'arte contemporanea, Rome, Italy, 2013 Arte: Affari, Lavoro o perditempo, Furini Arte Contemporanea, Rome, Italy, 2013 Death to Fascism!, Tobačna 001 Cultural Centre, MGML, Ljubljana, SIovenia, 2012 Manifesta 9, The Deep of the Modern, Genk, Belgium, 2012 Progetto Anonimo, Furini Arte Contemporanea, Rome, Italy, 2011 Il Belpaese dell Arte, GAMeC Museum of Modern and Contemporary Art, Bergamo, Italy, 2011 Don’t Fuck with Social Democracy!, ŠKUC Gallery, Ljubljana, Slovenia, 2011 Spomenik sjećanju na ideju o Internacionali, MSU Museum of Contemporary Art, Zagreb, Croatia, 2011 NOT, (with Ivan Moudov), Alberta Pane Gallery, Paris, France, 2010 Sillabario, Nomas Foundation, Rome, Italy, 2010 Post Monument’, XIV Biennale Internazionale di Scultura di Carrara, Carrara, Italy, 2008 Soft Cell, GC.AC, Monfalcone, Italy