Mika Tajima – Ulterior

Milano - 20/11/2018 : 16/01/2019

Ulterior allude a un corpo gigantesco condizionato da infrastrutture e forze invisibili. La mostra instaura un rapporto molto concreto tra i lavori di Mika Tajima, le sculture Pranayama e i dipinti Negative Entropy e Art d’Ameublement, e l’esperienza psichica e fisica del potere e del controllo.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA FRANCESCA MININI
  • Indirizzo: Via Massimiano 25 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 20/11/2018 - al 16/01/2019
  • Vernissage: 20/11/2018 ore 19
  • Autori: Mika Tajima
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Tuesday - Saturday 11 - 19

Comunicato stampa

Ulterior allude a un corpo gigantesco condizionato da infrastrutture e forze invisibili. La mostra instaura un rapporto molto concreto tra i lavori di Mika Tajima, le sculture Pranayama e i dipinti Negative Entropy e Art d’Ameublement, e l’esperienza psichica e fisica del potere e del controllo. Nella sua pratica, Tajima esamina le tecnologie che regolano e influenzano il corpo, e oggi più che mai prendono di mira i nostri sensi, le nostre emozioni, la nostra psiche

In quest’epoca di soggezione all’imperativo della tecnologia, riconosciamo, resistiamo e ci sottomettiamo a diverse forme e sistemi di controllo: un precario equilibrio tra accettazione, rifiuto e ricerca di una via di fuga.

Le sculture Pranayama, monoliti in legno scolpito e forme marmoree di maschere, traforati dai getti cromati delle Jacuzzi, sembrano mediare tra due spazi separati, agendo come membrane, filtri o portali tra l’immediato e ciò che sta oltre. Il disegno degli ugelli dorati sui monoliti ricalca la disposizione sui meridiani dei punti di agopuntura, che controllano e rilasciano i flussi di energia nel corpo umano. Le sculture perforate sottintendono una vasta e astratta fuoriuscita nello spazio espositivo sottoforma di una specie di ventilazione forzata. Questa esalazione è contrastata dall’impressione della forma corporea intagliata nel duro legno. Sul piano della scultura si determina una tensione tra il corpo e l’invisibile.

Il marmo di Pranayama è scolpito nella forma di una maschera respiratoria e forato da un singolo ugello cromato. Derivata da un dispositivo di protezione per filtrare l’aria dell’ambiente, la forma calcificata appare come un blocco protesico tra il sé e il mondo esterno. Nella pratica ayurvedica, il termine “pranayama” allude al controllo della respirazione e alla regolazione della forza vitale dell’individuo.

I tessuti astratti di Negative Entropy ribadiscono i sistemi, le condutture e i flussi energetici che circolano nella mostra Ulterior. Sono ritratti acustici di produzioni materiali che non si vedono nel quotidiano ma sono fondamentali per il nostro mondo fisico: flussi di dati in una infrastruttura di cloud computing, dispositivi nano-medici in un laboratorio di biotecnologie, grossi quantitativi di energia emessi da un generatore a fusione al plasma. Questi lavori sono trasmutazioni delle registrazioni audio realizzate dal vivo in questi ambienti: dall’informazione sonora all’oggetto materiale. Ciò che viene catturato, e normalmente resta nascosto, viene intessuto nel materiale stesso.

I dipinti ambientali Art d’Ameublement sono gradienti di vernice aerografata sospesi in teche di acrilico trasparente. Rilasciati da un contenitore in pressione, i pigmenti emessi vengono catturati nella superficie interna del quadro in modo da creare un oggetto simile a uno specchio, che al tempo stesso riflette uno spazio esterno e rivela il proprio sostegno interno. I sottotitoli di questi quadri sono isole deserte: posti irraggiungibili e inconoscibili.



Mika Tajima (nata nel 1975 a Los Angeles) vive e lavora a New York.

Tra le sue mostre personali recenti, citiamo Æther (Borusan Contemporary, Istanbul), TOUCHLESS (Taro Nasu, Tokyo), AIR (Raster Gallery, Varsavia), After Life (Wadsworth Atheneum Museum of Art, Hartford), Meridian (Gold) (Sculpture Center, New York), Emotion Commune (Protocinema, Istanbul). Tra le mostre collettive a cui ha partecipato ci sono Programmed Rules, Codes, and Choreographies in Art, 1965-2018 (Whitney Musuem of American Art), COLORI (Castello di Rivoli e GAM, Torino), All Watched Over by Machines of Loving Grace (Palais de Tokyo, Parigi), Roppongi Crossing (Mori Art Center, Tokyo) e altre. Ha ricevuto il premio New York Artadia nel 2017.

FRANCESCA MININI: CARLA ACCARDI | GHADA AMER | ARMANDO ANDRADE TUDELA | BECKY BEASLEY | RICCARDO BERETTA | MATTHIAS BITZER | ARMIN BOEHM | DANIEL BUREN | JAN DE COCK | ELENA DAMIANI | FLAVIO FAVELLI | GIULIO FRIGO | DAN GRAHAM | ALI KAZMA | RUNO LAGOMARSINO | DEBORAH LIGORIO | LANDON METZ | SIMON DYBBROE MØLLER | RICCARDO PREVIDI | MANDLA REUTER | ALICE RONCHI | FRANCESCO SIMETI

Ridefinire il reale. Mika Tajima a Milano

Galleria Francesca Minini, Milano ‒ fino al 12 gennaio 2019. Risemantizzare il reale è l’obiettivo di Mika Tajima, in mostra presso la galleria milanese di Francesca Minini.