Lo streetwear protagonista a MAZE. Sfilate, talk e brand internazionali per il fashion trend più cool del momento

Informazioni

  • Luogo: EX BORSA VALORI
  • Indirizzo: Piazza Valdo Fusi - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 08/09/2017 - al 11/09/2017
  • Vernissage: 08/09/2017 ore 12
  • Generi: performance – happening, incontro – conferenza, serata – evento, inaugurazione, musica, fashion, urban art, festival
  • Orari: h.10.00-22.00 area Piazza Valdo Fusi e spazi Ex Borsa Valori Locali partner: Jazz Club, Piazzale Valdo Fusi: h. 22.00-02.00 Rham (ex Bellagio), Via G. Pomba 7: h. 22.00-02.00
  • Biglietti: Ingresso MAZE h.10.00-22.00: Piazzale Valdo Fusi gratuito spazi Ex Borsa Valori 10/15 € pagamento tramite Satispay Locali: Jazz Club, Piazzale Valdo Fusi: h. 22.00-02.00 eventi a pagamento Big Club, Corso Brescia 28: h. 22.00-02.00 eventi a pagamento
  • Sito web: http://www.maze.events/it

Comunicato stampa

Da venerdì 8 a lunedì 11 settembre Torino ospita il primo festival interamente dedicato al mondo della streetculture: MAZE


Realizzato con il patrocinio del Comune di Torino, della Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di Torino, dell’Ascom Confcommercio con il contributo dei main partners Urban, Point Break, HUB Style e Satispay e in collaborazione con Casa OZ, il Festival è ideato e creato dall’Associazione Interculturale Multiethnic Media, nata nel 2007 per sostenere il dialogo tra le diverse culture della società contemporanea della città ed è realizzato in collaborazione con STUDIO2fashion Events, struttura che opera da quasi trent’anni nel settore della moda internazionale.
Piazzale Valdo Fusi e gli spazi dell'Ex Borsa Valori di Torino sono il quartier generale di sfilate, esibizioni, contest, conferenze, esposizioni artistiche, laboratori e workshop dedicati alle espressioni contemporanee della cultura urbana. Primo evento italiano sulla streetculture internazionale, MAZE ha un focus specifico sullo street fashion, considerato a pieno titolo uno dei trend più cool del momento. La moda è infatti protagonista trasversale di tutte le giornate con i fashion shows e con la presenza di alcuni tra i brand più interessanti dello streetwear italiano e mondiale come Vans. Nato dalla surf and skate culture di Los Angeles tra la fine degli Anni ’70 e l’inizio degli Anni ‘80, è il mix di diversi stili e approfondimenti culturali: West Coast mood, snowboard & mountain sport, fotografia, musica sperimentale, design, ma anche la sub-culture urbana degli Eighties con i graffiti e l’hip hop. Simbolo della streetculture, più di altri trend crea un senso di appartenenza e di identificazione perché comunica in modo semplice e spontaneo chi si è, ma soprattutto da dove si proviene. Negli Anni ’90 si impone nel fashion system internazionale dettando tendenze e regole di mercato e dal 2000 ad oggi ha catturato l’attenzione di brand del calibro di Fendi, Prada, Gucci e Louis Vuitton che hanno iniziano a produrre linee dedicate.
All’evento torinese il fashion ha il suo apice venerdì 8 settembre. Si inizia alle ore 12.00, negli spazi dell’Ex Borsa Valori, per proseguire, alle ore 18.00, con un talk in cui Domenico Romeo, street artist e direttore creativo del rinomato brand di streetwear Off White conversa con Mattia Ruffolo I-D Vice Italia testata online, leader nel settore, che si occupa di tendenze di street fashion e lifestyle. Domenico Romeo parla dell’evoluzione dello streetwear e della sua caratteristica fluidità, in continua trasformazione. Analizza come le identità originali dei brand vengano reinterpretate dai consumatori portando alla nascita di nuovi trend che spesso si intrecciano con musica, discipline sportive e lifestyle. Prendendo ad esempio le esperienze di marchi iconici come Stone Island, Off-White e Supreme spiega il significato di streetwear e di come alcune tendenze (spesso provocatorie e sub-culturali) nate in maniera spontanea abbiano ispirato e continuino ad essere terreno fertile per un mercato che oggi fattura decine di miliardi di dollari.
Alle ore 19.00, nella stessa location, sfilano i designer emergenti israeliani Holyland Civilians, collettivo emerso dopo la partecipazione alla quinta edizione della Gindi Tel Aviv Fashion Week, che sta suscitando grande interesse nel settore.
A seguire, in passerella tutti i brand che espongono nell’area fair durante i quattro giorni: dai big internazionali come Fila, Fred Perry, Kappa, Superga, K-Way e New Era agli italiani If Bags, Bad Deal, Dena lab, Nilox, Overdrive.
Dalle ore 21.00 l’evento aperitivo a cura di Fred Perry con la sonorizzazione di Broke One, dj house di fama internazionale, e a partire dalle ore 23.00 MAZE si sposta al Rham (ex Bellagio) per una serata in collaborazione con Snobiety, nuovo format one-night dedicato alla black music.
Sabato 9 alle ore 14.00, sempre all’Ex Borsa Valori, Franco Pagetti – fotoreporter e fashion photographer per Vogue Italia, L’Uomo Vogue e altre testate del gruppo Condé Nast oltre che autore della campagna Fall-Winter 2016-2017 di Dolce&Gabbana – tiene invece una lecture, co-presentata dall’ Istituto Europeo di Design, sull’etica della fotografia nella moda e nella cultura moderna.
Lunedì 11 alle ore 11.00, nella stessa location, Carlo Rivetti – presidente di Stone Island, uno dei brand più influenti ed innovativi nell'ambiente fashion internazionale – è ospite di un incontro esclusivo, riservato a buyers e press solo su invito, che lo vede conversare sulla propria esperienza e visione del fashion contemporaneo.












APPROFONDIMENTI
Domenico Romeo
Nato e cresciuto a Palmi (RC) e attualmente di base a Milano, è artista, graphic designer e art director attivo nell’industria della moda e delle arti grafiche. Vanta collaborazioni con brand del calibro di NikeLab, Hood By Hair per il quale ha ricoperto il ruolo di Graphic Designer, Off-White c/o Virgil Abloh dove da qualche anno è Head Graphic Designer. Il background nella street-art e la passione per le varie sottoculture emergono nel suo lavoro, un’intricata rete di contenuti che incontrano l’interesse dell’audience contemporaneo. Come artista incentra la sua ricerca sul nuovo segno calligrafico astratto, come esigenza di un linguaggio diverso dove niente viene esplicitato, ma tutto potrebbe essere sentito. Il suo lavoro si basa sulla necessità di parlare a se stesso. Le lettere si accatastano componendo lunghe frasi e talvolta disegnano silhouette di oggetti o di animali. Il tutto immerso in geometrie galattiche appartenenti ad universi altri ed interiori.
Segno, gesto, flusso. Queste tre parole, sulla homepage di Domenico Romeo, racchiudono il senso della sua estetica e nel pronunciarle tutte e tre, consecutivamente, si ricrea davanti agli occhi la ripetizione di caratteri neri su fondo bianco che caratterizzano il suo linguaggio. I muri di Domenico Romeo parlano di spiritualità, di contrapposizione tra luce e buio, di una ricerca personale e intima che segue il ritmo di una danza. Un rito liberatorio, una formula magica, una litania estetica e mistica che parte dal segno.
www.domenicoromeo.tumblr.com

Franco Pagetti
Nato a Varese nel 1950, dopo aver studiato chimica a Milano lavora presso l’Università di Chimica della città. Nel 1980 abbandona il settore per dedicarsi alla fotografia di moda, dapprima come assistente a New York e a Parigi, poi collaborando con Vogue Italia, L’Uomo Vogue e altre testate del gruppo Condé Nast. Si occupa parallelamente di reportage fotogiornalistico, pubblicità e moda fino 1997 anno in cui si dedica esclusivamente al fotogiornalismo. I suoi reportage sui conflitti nel mondo, che lo hanno visto prigioniero in Afghanistan, fanno di lui uno dei fotografi di guerra più importanti dei nostri tempi e vengono pubblicati dai più prestigiosi magazine e quotidiani internazionali: Time, Newsweek, The New York Times, The New Yorker, Stern, Le Figaro, Paris Match, The Times of London. La sua recente collaborazione con Dolce & Gabbana, per scattare l’ultima collezione dell’iconico fashion brand a Capri, ha suscitato l’interesse delle maggiori testate internazionali quali New York Times, Telegraph, Internazionale.


Carlo Rivetti
È presidente di Stone Island, uno dei brand più influenti ed innovativi nell' ambiente fashion internazionale, in continuo dialogo con la modernità senza mai perdere la propria identità e visione dagli anni 80 ad oggi. Un marchio adottato dalle sottoculture di tutto il mondo che si sono riconosciute nel particolare stile “casual”, sempre molto raffinato ed alla ricerca di nuove soluzioni tecniche e stilistiche. Oggi Stone Island è il brand favorito da rap star internazionali come Drake e Travis Scott. “Stoney”, com’è stata ribattezzata dai numerosissimi fan inglesi, può vantare collaborazioni con alcuni tra i brand più iconici al mondo, da NikeLab a Supreme, e si presenta oggi come una delle realtà più solide sul panorama internazionale.


Holyland Civilians
Coppia nel lavoro e nella vita, fin dagli anni dello Shenkar dove si sono diplomati nel 2010, due figli insieme, gli Holyland Civilians hanno lavorato tre anni come designer di scarpe per United Nude prima di aprire uno studio a Giaffa. Proprio da questo microcosmo a sud di Tel Aviv, dove più che altrove ebrei, musulmani e cristiani vivono gli uni accanto agli altri, viene il nome del brand. “Non è una questione politica, è più un sogno, una speranza, che abbiamo trasposto con umorismo e leggerezza in uno stile streetwear”.
www.holylandcivilians.com



Broke One
Dj di fama internazionale dopo una serie di pubblicazioni sull'etichetta Bmkltsch Rcrds di Amsterdam, Broke One ha viaggiato nel continente europeo come dj, portando le sue cosmiche vibrazioni di tarda notte in tutto il mondo da Oslo a Varsavia e Napoli. Ha collaborato nella realizzazione di remix per artisti come Steve Strip, Urulu, Little Freaky Things and When Saints Go Machine.

Nasce a Torino Maze, il primo festival di street culture internazionale...

Puntata zero a Torino di un nuovo format che riunisce le discipline della street culture sotto il tema comune della moda. Quattro giorni tra gare di skate, breakdance, writing e sfilate di marchi urban in pieno centro.