Le realtà ordinarie

Informazioni Evento

Luogo
PALAZZO DE' TOSCHI
Piazza Minghetti , Bologna, Italia
Date
Dal al

Orari durante ART CITY Bologna 2020

mercoledì 22 e giovedì 23 gennaio, ore 16-19

venerdì 24 gennaio, ore 10-20

sabato 25 gennaio, ore 10-24

domenica 26 gennaio, ore 10-20

Orari

giovedì e venerdì, ore 16-19 | sabato, 11-19

Chiuso domenica, lunedì, martedì e mercoledì

Vernissage
22/01/2020

ore 18,30

Biglietti

ingresso libero

Curatori
Davide Ferri
Generi
arte contemporanea, collettiva
Loading…

Banca di Bologna presenta la mostra Le realtà ordinarie, a cura di Davide Ferri, uno dei Main Project dell’edizione 2020 di ART CITY Bologna.

Comunicato stampa

Banca di Bologna presenta la mostra Le realtà ordinarie, a cura di Davide Ferri, uno dei Main Project dell’edizione 2020 di ART CITY Bologna. La mostra inaugurerà al pubblico martedì 21 gennaio alle ore 18.30 e si potrà visitare fino al 23 febbraio (ingresso libero).

Le realtà ordinarie è una mostra di dipinti, include il lavoro di 12 artisti, ed è pensata per lo spazio del Salone Banca di Bologna di Palazzo de’ Toschi, il cui programma espositivo è arrivato al quinto appuntamento dopo La camera (2016) e le personali di Peter Buggenhout (2017), Erin Shirreff (2018) e Geert Goiris (2019).

Le realtà ordinarie è un’indagine su alcuni aspetti della figurazione del nostro tempo che si svolge a partire da una idea di rappresentazione dell’ordinario in pittura e da una serie di semplici domande: esiste ancora una spinta verso i generi classici? In che modo i pittori possono assecondarla o eventualmente contrastarla? Da cosa deriva la nostra attrazione, apparentemente inesauribile, per soggetti ordinari come nature morte, vasi di fiori, paesaggi, interni domestici…? E perché siamo inclini a considerare la rappresentazione di questi soggetti una zona franca, il luogo di un puro piacere dello sguardo, liberato dal gioco culturale dei rimandi e delle citazioni?

Il progetto prova dunque a tracciare i contorni di un territorio poroso e potenzialmente molto ampio: all’interno vi sono inclusi quadri di genere (o ambigui, frammentari tentativi di aderire al quadro di genere), e dipinti più ibridi, quando non proprio astratti, che partono da piccole epifanie, dall’osservazione di fenomeni e accadimenti minimi e quotidiani.

Le realtà ordinarie è anche una mostra sul tempo, sullo scorrere di un tempo apparentemente uniforme che si dispiega attorno a soggetti e forme riconducibili al reale, che possono essere variati e ripetuti, articolarsi in serie o emergere come elemento eccentrico all’interno della produzione degli artisti invitati.

La mostra rinvia inoltre a una tradizione novecentesca legata al “ritorno all’ordine” – una tendenza che attraversa la pittura italiana dopo la fine della Prima Guerra Mondiale e gli anni più agitati delle Avanguardie – e vuole riflettere sull’ambiguità della parola “ordinario” (etimologicamente: conforme all’ordine), tenendo sullo sfondo la relazione tra lo stato attuale della pittura e i contrasti del momento storico in cui si colloca.

Le realtà ordinarie è infine attraversata, idealmente, da una luce diurna, meridiana, che illumina uniformemente le cose o può trasfigurarle abbagliandole e facendole virare verso l’astrazione, un’astrazione di “colori luce”, che sottende il ricordo di una figura o che può contenere dei richiami all’ordinario per cenni e vaghe presenze.
immagine: Salvo, Arance, 1981, olio su tela, cm 19x24,5.

© Norma Mangione Gallery e Archivio Salvo, Torino. Foto Sebastiano Pellion di Persano