L’Atlante – Giuseppe Gonella

Arco - 07/06/2014 : 22/06/2014

Prosegue con un nuovo lavoro dell'artista Giuseppe Gonella, Mente locale, il progetto espositivo di Der Blitz 2014 L'atlante, in corso alla Galleria Civica G. Segantini di Arco e inaugurato lo scorso 18 maggio.

Informazioni

Comunicato stampa

Sabato 7 giugno 2014 alle 18, lo spazio arcense del MAG dedicato al contemporaneo nell'Alto Garda si alimenterà di un nuovo intervento, che andrà a sostituire nella prima sala della Galleria il lavoro di Silvia Giambrone Ciò che non siamo, ciò che non vogliamo, mentre nelle altre due sale rimarranno ancora visibili fino al 22 giugno l'installazione Futures di Jacopo Mazzonelli e il progetto di Alessandra Prandin con gli artisti Melik Ohanian, Alberto Scodro e Cristian Chironi Real Track



Il progetto di Giuseppe Gonella Mente Locale presenta un corpus di lavori inediti appositamente concepiti per Der Blitz, frutto dell’ultimo anno di attività e di ricerca dell’artista durante la sua residenza a Berlino. L’iconografia di questo nuovo corpus di lavori si presenta come una sorta di traduzione visiva della condizione umana contemporanea e dei suoi stati emotivi contrastanti. Attraverso il progetto pittorico l’artista mette in atto un’indagine sulla dimensione di istantaneità e di imprevedibilità dei nostri processi esperienziali e percettivi, affidando al fare pittorico una narrazione al limite del visionario. Forme e figure sospese, margini, soglie, segni, frammenti di colore nei quali lo spazio e tutto ciò che lo abita quasi implodono su sé stessi, come se la pittura avesse cancellato la forza gravitazionale e avesse rarefatto, insieme ai luoghi che conosciamo, anche lo spessore mnemonico e i consueti processi cognitivi attraverso i quali ne attuiamo un riconoscimento e ne tentiamo una rappresentazione. Tale pratica di spaesamento, che avviene tanto sul piano emotivo quanto su quello più strettamente legato alla composizione, in uno spazio pittorico che in Gonella è quasi multisensoriale, conserva tuttavia una possibilità di costante reintegrazione, realizzandosi come una sorta di orizzonte continuo il cui equilibrio risulti paradossalmente stabile nella sua precarietà, e del quale solo l’esperienza diviene il vero centro gravitazionale, l’unità di misura alla quale affidarne una possibile pretesa di verità.

In occasione delle inaugurazioni che si terranno presso la Galleria Civica G. Segantini di Arco ogni qual volta verrà abitata da un nuovo progetto, per avvicinare il pubblico ai lavori e trovare nuove chiavi di lettura, saranno organizzate visite guidate per adulti e attività per i bambini nel cortile, che si animerà durante le serate del 07.06 alle 18.00, 27.06 alle 18.00, 18.07 alle 21.00, 08.08 alle 21.00 e 13.09 alle 18.00.

Con L'atlante si è aperto alla Galleria Civica G. Segantini di Arco un progetto che, fra maggio e ottobre, vedrà alternarsi al suo interno i lavori di sei giovani artisti, tre spazi indipendenti e tre giovani curatori italiani.
L'invito, rivolto a dodici giovani professionisti dell'arte, si contestualizza in una serie di esposizioni a turnazione e comprende l'incoraggiamento affinché le proposte siano in grado di dare risalto al nucleo di ricerca su cui poggiano.
L'atlante prova a mettersi in asse con alcune fra le ricerche artistiche più interessanti del panorama italiano, tenta di reggerne le costellazioni e le propone al pubblico.
Le dodici realtà emergenti della scena contemporanea italiana presenteranno, attraverso mostre personali e collettive che si susseguiranno da maggio a ottobre, una serie di progetti in grado di attrarre i nuclei più rilevanti della loro ricerca.
Con L'atlante, Der Blitz si pone nei confronti delle ricerche invitate come un catalizzatore: più che favorire la sperimentazione, ne accelera i processi fondanti cercando di portare in evidenza il valore generativo che contengono.

Der Blitz nasce nel 2013 come progetto di sostegno per la cultura contemporanea sul territorio dell'Alto Garda. Der Blitz 2014 raccoglie l'eredità del progetto pilota del 2013 e ne amplia la portata complessiva proponendo l'esplorazione di alcuni fra i territori culturali dell'arte contemporanea, attraverso tre tappe che si dispiegheranno durante l'anno tra Arco, Riva del Garda e Canale di Tenno.