La Kunsthalle più bella del mondo XIII

Como - 06/10/2011 : 06/10/2011

Il tredicesimo incontro de la Kunsthalle più bella del mondo avrà per tema dell’incontro sarà l’analisi delle caratteristiche dei due modelli di istituzioni d’arte più importanti in Germania: la Kunsthalle e il Kunstverein.

Informazioni

Comunicato stampa

Kunsthalle e Kunstverein: il modello tedesco

Tredicesimo incontro
THE MOST BEAUTIFUL KUNSTHALLE IN THE WORLD
Un progetto per il Centro delle Arti Contemporanee di Como

6 ottobre 2011, ore 18
Fondazione Antonio Ratti - Villa Sucota, Como

Il tredicesimo incontro de la Kunsthalle più bella del mondo si terrà giovedì 6 ottobre alle ore 18 presso la Fondazione Antonio Ratti.
Tema dell’incontro sarà l’analisi delle caratteristiche dei due modelli di istituzioni d’arte più importanti in Germania: la Kunsthalle e il Kunstverein



Dopo gli incontri dedicati ad alcune importanti realtà europee, e un altro dedicato in particolare ai FRAC francesi, la Kunsthalle più bella del mondo prosegue con un’analisi delle diverse forme istituzionali che il sistema dell’arte contemporanea assume nel mondo.

La Kunsthalle è un luogo istituzionale che ospita e produce mostre d'arte temporanee e non possiede una collezione permanente, il Kunstverein è invece un'associazione artistica costituita da gruppi, in alcuni casi estremamente vasti, di appassionati, collezionisti, e dagli stessi artisti.
Questi due modelli d‘istituzione sono al centro del dibattito per un confronto sistematico delle differenze tra una sala espositiva e un club d'arte, al fine di esaminare le esigenze del mondo dell'arte di oggi.

La Kunsthalle è soltanto uno spazio espositivo temporaneo?
Il Kunstverein ha come proprio fine quello di costruire un rapporto stabile tra le pratiche sperimentali dell’arte e la comunità locale degli associati? Esiste una specifica identità della Kunsthalle, oltre alla sua funzione? Quali sono i limiti di un’organizzazione gestita da un club di appartenenza'? Possono alcuni aspetti importanti di questi modelli di spazi espositivi dare un contributo per il ripensamento e la riconfigurazione degli spazi per l'arte?
Per rispondere ad alcune di queste domande, la Fondazione Antonio Ratti ha invitato Peter Pakesch, Nicolaus Schafhausen e Stephan Berg, che con le loro esperienze e attività forniranno una panoramica su questi due modelli.

Peter Pakesch, è direttore generale del Joanneum Universal Museum in Graz.
Dopo aver gestito per quasi un decennio la sua galleria personale a Vienna, è stato uno dei fondatori del Kunstverein di Graz, che ha diretto fino al 1988. Successivamente ha lavorato come curatore freelance per la National Gallery di Praga, e nel 1996 è stato nominato direttore della Kunsthalle di Basilea.

Nicolaus Schafhausen, dal 2006 al 2011 ha diretto il Witte de With Centre for Contemporary Art di Rotterdam. E' stato direttore fondatore del progetto "European Kunsthalle” e direttore artistico presso il Künstlerhaus di Stoccarda. Dal 1999 al 2005 ha diretto il Kunstverein di Francoforte. E’ stato anche il curatore del padiglione tedesco per la 52 ª (2007) e la 53 ª (2009) Biennale di Venezia.

Stephan Berg, dal 2008 dirige il Kunstmuseum di Bonn, dopo aver lasciato il Kunstverein di Hannover che aveva diretto dal 2001.
Dal 2004 Stephan Berg è visiting professor alla Hochschule für Bildende Künste di Braunschweig.

La Kunsthalle più bella del mondo è un progetto concepito dalla Fondazione Antonio Ratti e dalla Camera di Commercio di Como (nell’ambito dell’iniziativa Laboratorio Como), con la collaborazione del Corso di Laurea magistrale in Arti Visive dell’Università IUAV di Venezia e del Centro ASK dell’ Università Bocconi di Milano, con

































































l’obiettivo della elaborazione di un programma originale per un futuro Centro delle Arti Contemporanee nel capoluogo lariano.
Laboratorio Como è un progetto della Camera di Commercio, avviato già da qualche anno, che rappresenta un momento di esplorazione ed analisi delle molteplici interconnessioni che uniscono
crescita economica, innovazione, sviluppo urbano, cultura, creatività, valutando il ruolo che Como e il suo territorio possono assumere
nell’attuale contesto evolutivo generale. La responsabilità scientifica del progetto. La Kunsthalle più bella del mondo è di Marco De Michelis, Direttore della Fondazione Antonio Ratti, con il coordinamento di Filipa Ramos.

Tutti i materiali via via prodotti costituiranno un archivio aperto, consultabile sul sito della Fondazione Antonio Ratti: www.fondazioneratti.org e su quello di Laboratorio Como www.laboratoriocomo.it.

Prossimi incontri

XIV. Sulla riva del lago
4 Novembre 2011, ore 18
Rudolf Sagmeister (Kunsthaus Bregenz)
Chiara Parisi (Centre international d’art et du paysage de Vassivière)
Marco Franciolli (Museo Cantonale Lugano)

XV. Curating the Most Beautiful Kunsthalle in the World
29 Novembre 2011
Giornata di discussione dedicata alla figura del curatore, alle trasformazioni e al destino della sua funzione.
La discussione sarà articolata in tre sezioni:
10:00 Introduzione: Marco De Michelis/Filipa Ramos (FAR Como)
Keynote Speaker: Maria Lind (direttore, Tensta Konsthall, Spånga)
11:00 - 13:00
1. Il canone
Teresa Gleadowe (curatore e scrittore, London)
Bruce Altshuler (direttore, museum studies program, NYU)
Christian Rattemeyer (curatore, MoMA New York)
14:30 - 16:30
2. La mostra
Jens Hoffmann (direttore, CCA Wattis, San Francisco)
Celine Condorelli (artista; curatore, Eastside Projects, Birmingham)
Raimundas Malašauskas (curatore indipendente, Paris)
17:00 - 18:30
3. Le istituzioni
Marta Kuzma (direttore, OCA, Oslo)
Chus Martínez (capo dipartmento, Documenta 13, Kassel)
Dirk Snauwaert (direttore artistico, Wiels Bruxelles)

XVI. Expanded exhibitions: cataloghi, libri, riviste, siti...
21 Dicembre 2011, ore 18
Keynote speaker: Maria Fusco (Goldsmiths College, London)
David Velasco (Artforum)
Julieta Aranda (e-flux)