Jan Fabre – I Castelli nell’Ora Blu

Milano - 21/09/2018 : 22/12/2018

BUILDING presenta I Castelli nell'Ora Blu, la prima mostra personale mai ospitata a Milano dell’artista, creatore teatrale e autore Jan Fabre.

Informazioni

  • Luogo: BUILDING
  • Indirizzo: via Monte di Pietà, 23, 20121 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 21/09/2018 - al 22/12/2018
  • Vernissage: 21/09/2018 ore 18
  • Autori: Jan Fabre
  • Curatori: Melania Rossi
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

BUILDING presenta I Castelli nell'Ora Blu, la prima mostra personale mai ospitata a Milano dell’artista, creatore teatrale e autore Jan Fabre. La mostra presenta un percorso nell’immaginario più “romantico” e poetico, ma sempre radicale e simbolico, di uno degli artisti più interessanti della scena contemporanea.

Un’opera site-specific temporanea creata appositamente per BUILDING e una selezione di lavori in gran parte inediti creano una mostra tematica in anteprima assoluta, incentrata sui due temi ricorrenti dei castelli e dell’Ora Blu



Teorizzata dal famoso entomologo Jean-Henri Fabre, grande fonte di ispirazione per l'artista belga, l'Ora Blu è quell'attimo fra la notte e il giorno, un momento di totale silenzio in natura.

I castelli, ritratti nel magico momento dell'Ora Blu, sono il luogo della favola romantica per eccellenza, qui metafora artistica e spirituale della mente dell'artista, “cavaliere della disperazione e guerriero della bellezza”.

Fra i soggetti delle opere risalta Tivoli (1990), uno dei lavori che ha consacrato la carriera artistica di Jan Fabre a livello mondiale.

La mostra prosegue nei luoghi sacri della Cappella Portinari e della Basilica di Sant'Eustorgio, dove sono custodite le reliquie dei Magi: proprio i tre Magi sono il soggetto delle tre sculture principali della mostra, in esposizione presso BUILDING.

Tra fiaba e architettura. Jan Fabre a Milano

Building Gallery, Milano ‒ fino al 22 dicembre 2018. In occasione della sua prima personale a Milano, Jan Fabre ha ideato una mostra site specific per la galleria. Ma ampliata anche nei suggestivi spazi della Basilica di Sant’Eustorgio e della Cappella Portinari.