Giorgio Griffa – A B C D E

Milano - 20/04/2016 : 20/04/2016

Marina Giaveri presenta “A, B, C, D, E”, il libro d’artista di Giorgio Griffa dedicato a Paul Valéry, edito da Colophonarte.

Informazioni

  • Luogo: ARTCURIAL
  • Indirizzo: Palazzo Crespi, Corso Venezia 22 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 20/04/2016 - al 20/04/2016
  • Vernissage: 20/04/2016 ore 18,30
  • Autori: Giorgio Griffa
  • Generi: presentazione, incontro – conferenza
  • Biglietti: ingresso libero fino a esaurimento posti
  • Uffici stampa: PAOLA C. MANFREDI STUDIO

Comunicato stampa

Milano – La sede italiana della prima casa d’aste francese Artcurial, diretta da Gioia Sardagna Ferrari, prosegue la collaborazione con la casa editrice Colophon Edizioni - fondata e diretta da Egidio Fiorin – per la presentazione di pregiati libri d’artista



Mercoledì 20 aprile 2016, dalle ore 18.30, Marina Giaveri, docente dell’Università degli Studi di Torino e membro dell’Accademia delle Scienze di Torino, insieme a Egidio Fiorin, direttore e fondatore di Colophonarte, presenta il libro d’artista di Giorgio Griffa, “A, B, C, D, E” dedicato agli omonimi componimenti di Paul Valéry (1871 – 1945), per il quale ha curato le traduzioni inedite dopo aver riportato alla luce il progetto editoriale mai compiuto dal poeta francese.

Il maestro Giorgio Griffa è stato invitato da Egidio Fiorin a interpretare i testi autografi di Valéry e ha così prodotto per ogni esemplare una composizione di lettere e colori su tela a bandera che si struttura come un susseguirsi di elementi primari potenzialmente infinito e si lega intimamente alla storia di questo insieme letterario e alla logica per la quale è stato concepito.

Ognuno dei componimenti di Valéry, infatti, descrive un’ora del giorno, narrando la giornata tipica di un personaggio nel quale potremmo riconoscere il poeta francese: un uomo che come lui ha dedicato la propria vita alla riflessione, dalla notte che precede il risveglio sino alla notte successiva che conduce al sonno.

A partire dal 1925, Paul Valéry compone una serie di 24 testi scritti in prosa-poesia che lui stesso in più occasioni definisce salmi: questi si susseguono iniziando con una diversa lettera secondo l’ordine progressivo dell’alfabeto latino.
L’opera gli viene commissionata dal suo editore che aveva in progetto di realizzare un volume di 24 componimenti abbinati ad altrettante capo lettere disegnate da un non meglio noto pittore catalano. Gli scritti avrebbero dovuto essere caratterizzati dalla presenza dell’iniziale istoriata. Il progetto, mai portato a termine da Valéry che vi ha lavorato lungo tutto il corso delle sua esistenza, è stato riportato alla luce da Marina Giaveri che ne ha curato la traduzione.

Grazie all’incontro tra Giorgio Griffa ed Egidio Fiorin il progetto dell’ambizioso editore è finalmente portato a compimento: “A, B, C, D, E” è infatti solo il primo volume di un’opera molto più estesa, che presto si concretizzerà con la pubblicazione di un secondo volume concertato da Colophon Edizioni al quale Giorgio Griffa ha aderito con grande entusiasmo, producendo delle vere e proprie traduzioni visive del susseguirsi ciclico delle lettere dell’alfabeto e delle ore del giorno.

SCHEDA EDITORIALE:
A, B, C, D, E
Paul Valéry – Giorgio Griffa
Colophonarte, 2014

Testi di Paul Valéry in lingua originale
Traduzione a cura di Marina Giaveri
Prefazione a cura di Marina Giaveri.
Una variazione su tela bandera di Giorgio Griffa per ogni esemplare.
Contenitore in legno realizzato da Fabio Reolon.

28 pagine.
40 x 30 cm
Testi in francese e italiano.
Garamond c. 14, composti da Rodolfo Cambi
Puro cotone Amatruda di Amalfi, 200 g
Legatura di Sandro Francescon
Tipoteca Italiana Fondazione


MARINA GIAVERI
Maria Teresa Marina Giaveri è docente all'Università degli Studi di Torino (Dottorato di Scienze Umanistiche), membro dell'Accademia delle Scienze di Torino, Chevalier des Palmes Académiques. Vice-presidente del Pen Club italiano. Già docente di Lingua e Letteratura Francese (Università di Milano, Pisa, Messina, Napoli) ha partecipato alla formazione della rete di studiosi della nascente critica genetica, ora "Institut des Textes et des Manuscrits" (Paris, CNRS); ha poi operato a lungo a Parigi come professore "invité" (CNRS, Sorbonne). Nel 1997, Professore Ordinario di Lingua e Letteratura Francese, ha optato per la cattedra di Letterature Comparate (insieme con altri quattro colleghi, Professori Ordinari di Italiano, Filologia romanza, Anglistica ed Estetica), per consentire la formazione in Italia dello specifico Settore disciplinare. La sua produzione scientifica è dedicata in parte alla Letteratura Francese - dal giovanile libro su L'"Album de Vers Anciens" di Paul Valéry (Padova 1971), all'edizione, traduzione e commento genetico del Cimetière Marin (Milano 1984) agli studi su Baudelaire, Flaubert, Camus, Beauvoir - in parte ai rapporti fra culture (soprattutto Oriente/Occidente) e all'interazione fra linguaggi artistici ( cfr. Il corteggio di Diana (Pisa 1998). Nella sua vastissima produzione di critico e di traduttore, si segnalano i Meridiani Mondadori dedicati a Colette (2000) e a Valéry (2014).


GIORGIO GRIFFA
Giorgio Griffa (Torino, 1936) è tra i principali e più originali esponenti della pittura analitica. Nel 1968, Griffa abbandona la pittura figurativa e inizia a portare sulla tela quei segni elementari che caratterizzano il suo lavoro. Dipinge principalmente con colori acrilici a base acquosa su tela grezza (iuta, canapa, cotone e lino) non preparata, né montata su telaio, che viene poi fissata direttamente alla parete. Quando non sono esposte le sue opere vengono ripiegate e impilate, con la formazione di conseguenti pieghe che creano una "griglia" che soggiace alla pittura. In linea con l'idea che la pittura sia un "costante non finito", molte delle sue opere mostrano infatti un deliberato punto di sospensione. La sua produzione artistica si articola sugli elementi tradizionali della pittura e include anche acquarelli e incisioni.

**********


Artcurial – Fondata nel 2002, Artcurial ha riaffermato la sua posizione quale principale casa d’aste francese con un fatturato di 191 M€ nel 2015, raddoppiando il volume di vendite negli ultimi 5 anni. Artcurial si è inoltre confermata leader di mercato per i fumetti in Europa, per le automobili da collezione in Europa continentale, per i gioielli e gli orologi in Francia e a Monaco, e infine per i dipinti Old Master a Parigi. Grazie a una forte propensione internazionale Artcurial mantiene la sua presenza all’estero con uffici a Milano, Vienna, Monaco di Baviera, Bruxelles, Pechino e Tel Aviv, oltre che a organizzare mostre itineranti negli Stati Uniti e in Asia. A luglio 2015 Artcurial ha aperto una nuova sede a Monaco, concentrando nel Principato le attività di vendita dei dipartimenti dedicati al lusso: gioielleria, orologi e Hermès Vintage; a ottobre 2015 si è inoltre tenuta la prima asta di Artcurial a Hong Kong, avvenimento che prevede un più ampio processo di espansione sul mercato asiatico.
Gioia Sardagna Ferrari dirige la sede italiana di Artcurial, inaugurata nel 2012, con uffici a Milano, Palazzo Crespi in Corso Venezia 22. Obiettivo della presenza in Italia è proporre mostre in anteprima delle aste di prestigio di Parigi (in aprile e in novembre) e mostre temporanee di collezioni private di grande rilevanza, altrimenti non visibili dal pubblico; promuovere giornate di Expertise gratuite, con il coinvolgimento degli esperti dei 26 dipartimenti di cui la casa d’aste si occupa e creare momenti di approfondimento, con incontri e conferenze aperti al pubblico, come i cicli “Collezionismi” e “Aperitivi Culturali”.
La presenza continuativa e permanente in Italia di Artcurial consente anche di stabilire più stretti legami con i numerosi clienti italiani che ogni estate e, da gennaio 2016 anche di inverno, si danno appuntamento a Montecarlo, in occasione delle aste di gioielli e orologi.