Gauguin. Racconti dal paradiso

Milano - 27/10/2015 : 21/02/2016

Il progetto consta di circa 70 opere, capolavori pittorici e scultorei, comprensivi di artefatti polinesiani e immagini di documentazione dei diversi luoghi visitati dall'artista.

Informazioni

  • Luogo: MUDEC - MUSEO DELLE CULTURE
  • Indirizzo: Via Tortona 56 20144 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 27/10/2015 - al 21/02/2016
  • Vernissage: 27/10/2015 ore 20 solo su invito
  • Autori: Paul Gauguin
  • Curatori: Line Clausen Pedersen, Flemming Friborg
  • Generi: personale, arte moderna
  • Orari: lunedì 14.30-19.30 martedì / mercoledì venerdì / domenica 09.30-19.30 giovedì e sabato 9.30-22.30 24 dicembre - 09:30-14:00 25 dicembre - 14:30-19:30 26 dicembre - 09:30-22:30 31 dicembre - 09:30-14:00 1 gennaio - 14:30-19:30 6 gennaio - 09:30-19:30
  • Biglietti: Visitatori individuali 12,00 € Intero 10,00 € Ridotto 8,00 € Ridotto speciale Gruppi 10,00 € Gruppi adulti 6,00 € Gruppi scuole 3,00 € Scuola infanzia (3-6 anni)
  • Email: michipress.mb@gmail.com
  • Uffici stampa: 24 ORE CULTURA – GRUPPO 24 ORE

Comunicato stampa

Dal 28 ottobre 2015 il Museo delle Culture di Milano ospiterà la mostra Gauguin. Racconti dal paradiso, prodotta da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 Ore in collaborazione con Ny Carlsberg Glyptotek, promossa dal Comune di Milano-Cultura e da 24 ORE Cultura è curata da Line Clausen Pedersen e Flemming Friborg, rispettivamente curatrice del Dipartimento di Arte Francese e Direttore della Ny Carlsberg Glyptotek di Copenhagen



Circa 70 opere opere esposte, provenienti da 12 musei e collezioni private internazionali, insieme ad artefatti e immagini documentative dei luoghi visitati dall’artista, permetteranno di riconoscere e analizzare le fonti figurative dell’arte di Paul Gauguin, che spaziano dall’arte popolare della Bretagna francese, all’arte dell’antico Egitto, da quella peruviana delle culture Inca passando per la cambogiana e la javanese, fino ad arrivare all’arte, alla vita e alla cultura polinesiana.

E’ proprio attraverso il confronto tra alcuni capolavori dell’artista e le sue fonti d’ispirazione che la mostra si prefigge di dimostrare il suo approccio peculiare e originale al “primitivismo”.