Fulvio Morella – Fiat Lux

Milano - 14/02/2022 : 21/02/2022

All'Istituto dei Ciechi di Milano i quadri scultura di Fulvio Morella raccontano la libertà oltre i limiti in occasione della Giornata Nazionale del Braille.

Informazioni

  • Luogo: ISTITUTO DEI CIECHI
  • Indirizzo: Via Vivaio 7 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 14/02/2022 - al 21/02/2022
  • Vernissage: 14/02/2022 ore 15
  • Autori: Fulvio Morella
  • Curatori: Sabino Maria Frassà
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Aperta da lunedì 14 a lunedì 21 febbraio ore 15:00 - 19:00 (ultimo ingresso 18:30)

Comunicato stampa

All'Istituto dei Ciechi di Milano dal 14 al 21 febbraio, Giornata nazionale del braille, Cramum presenta la mostra FIAT LUX di Fulvio Morella a cura di Sabino Maria Frassà. L’artista da anni lavora al progetto Blind Wood in cui unisce il legno tornito con il metallo e il braille, quest'ultimo impiegato non solo quale forma di scrittura ma anche per la sua inedita valenza estetica. Il risultato sono quadri scultura che vanno “visti” con mani e occhi e che indagano il significato dell'essere liberi oltre e al di là dei limiti

L'allestimento si sviluppa intorno a questa impostazione olistica e multisensoriale: le opere, che devono anche essere toccate, sono quindi affisse a un'altezza inferiore al fine di facilitarne la fruizione tattile, oltre che visiva.
Tutte le opere in mostra devono essere toccate per essere comprese. A prima vista i quadri scultura di Fulvio Morella possono sembrare astratti, ma in realtà non lo sono: essi interpretano in modo geometrico forme tratte dalla quotidianità (il volo degli uccelli, una goccia d’acqua o una pastiglia). Il senso di tali immagini è rivelato attraverso scritte braille che decorano tutte le opere. L'artista ci interroga così su chi alla fine sia in grado di comprendere veramente le opere: le persone che sanno leggere il braille o chi possiede il senso della vista? La verità è che ognuno di noi percepisce e comprende la realtà in modo diverso e parziale. Soltanto se ci confrontiamo e ci aiutiamo - ognuno con le proprie unicità – siamo in grado di capire il vero senso delle opere e del mondo in cui viviamo. E' quindi l'invito ad aiutarsi reciprocamente a costituire la luce nell’oscurità a cui si riferisce l'artista con il titolo della mostra "FIAT LUX" (Sia fatta luce). Fulvio Morella spiega infatti che "le persone non hanno limiti. Ognuno di noi è dotato di una piccola luce che deve imparare a condividere con gli altri per illuminare insieme il Mondo".
La mostra FIAT LUX è così anche un’acuta riflessione sul rapporto tra libertà e limite. Non a caso la prima opera in mostra rende omaggio a Louis Braille che duecento anni fa donò con il suo alfabeto la possibilità di leggere e scrivere alle persone cieche o ipovedenti. Quest’opera, che porta il nome della mostra, rappresenta un occhio chiuso che riesce comunque a vedere grazie al braille. L’artista riflette in questo modo su come il poter comunicare – leggere e scrivere – sia la vera libertà degli esseri umani. Tale tema si ritrova anche nelle opere Ali di gabbiano e Medicina. Se il collegamento tra libertà e volo è esplicito, più celato risulta quello con la “medicina”. Non tutti infatti sanno che l’Italia è stato il primo Paese a prevedere che le scatole dei medicinali avessero scritte in braille già nel 1992.

Un’altra sezione di opere in mostra è dedicata agli sforzi necessari per essere liberi: l’imparare a vivere insieme e il senso di libertà sono i temi dell’opera Stormo, mentre la difficoltà di distinguere nella vita cosa sia importante è alla base dell’opera Batea. In particolare questo quadro scultura è dedicato a Dante a settecento anni dalla sua scomparsa ed è centrale nel percorso dell’artista, dal momento che è stata eseguita durante il primo lockdown. In braille è riportata la scritta “E quindi uscimmo a riveder le stelle” a significare che, dopo le difficoltà, torneremo a essere liberi. L’impegno e la costanza necessarie per essere liberi sono anche i temi centrali delle opere successive: in Grammofono l’artista racconta la necessità di ascoltare gli altri prima di imparare a suonare insieme, mentre in Goccia l’acqua che scava lentamente la pietra è metafora stessa dell’esistenza umana. Questa sezione non poteva che completarsi con il sommo elogio alla pazienza necessaria per vivere insieme liberamente e protagonista dell’opera Orologio infinito.

La mostra si conclude con due opere – Specchio Cieco e Io (autoritratto) – attraverso le quali l’artista ci invita a riflettere su come la libertà sia qualcosa di intimo e profondo, ben al di là delle apparenze.
Fulvio Morella, nato in Valtellina nel 1971, è l’artista che ha portato la tornitura del legno nell’arte contemporanea. Si può dire che sia cresciuto con il legno: fin dall'infanzia ha imparato ad amare questa nobile materia nella falegnameria del padre, che produceva per lo più infissi e che Morella ha affiancato fin da ragazzo. Dalla fine degli anni '90 Morella lascia le tecniche della lavorazione del legno imparate in famiglia per approcciare la tornitura del legno, alla base di tutte le sue opere. Il suo obiettivo è non solo scardinare l'idea di tornitura intesa come tecnica per la realizzazione di oggetti di design "rustici", ma superare il confine tra arte e design. La creatività non ha né forme né confini prestabiliti.

Fulvio Morella è stato inviato a presentare al Fuorisalone 2020 il suo progetto "Deep Oval”. Sempre nel 2020 Ventura Project lo ha selezionato per il 1° Dezeen Virtual Festival con il progetto "Square the Circle". Nel 2021 Sotheby's e Il Volo Onlus hanno selezionato anche una sua opera (insieme a quelle di maestri del calibro di Cattelan, Di Fabio e Isgrò) per la decima edizione dell'asta benefica "Scusate il disturbo" a Milano. A settembre 2021 le sue opere sono state esposte nella mostra (LA) NATURA (E’) MORTA? a Villa Mirabello di Milano al fianco di grandi maestri dell'arte come David LaChapelle. Michele De Lucchi e Ingar Krauss.

Nel 2021 è anche protagonista della mostra PARS CONSTRUENS ancora aperta al Gaggenau DesignElementi di Milano.