Franco Sarnari – Sull’amore

Scicli - 03/08/2013 : 22/09/2013

Le 40 tele, alcune di ritorno dalla personale di ottobre scorso in Washington D.C., “racchiudono la più poetica espressione dell’amore, per la donna, per il corpo femminile, per la luce che modella i corpi e per i gesti di un’intimità toccante”, scrive Antonio Sarnari, figlio dell’autore e curatore della mostra.

Informazioni

Comunicato stampa

“Sarnari - Sull’amore”, un “percorso d’amore per Scicli”, è l’esposizione d’arte che si inaugura sabato prossimo 3 agosto alle Quam, nella via Mormino Penna di Scicli (Sito UNESCO). Le 40 tele, alcune di ritorno dalla personale di ottobre scorso in Washington D.C., “racchiudono la più poetica espressione dell’amore, per la donna, per il corpo femminile, per la luce che modella i corpi e per i gesti di un’intimità toccante”, scrive Antonio Sarnari, figlio dell’autore e curatore della mostra. La mostra, patrocinata dal Comune di Scicli, ha un allestimento multimediale, con video e immagini della vita e del lavoro dell’artista

Il catalogo, con presentazione critica è di Lorenzo Canova, propone tracce critiche dei maggiori critici italiani, tra quelli che hanno amato e scritto dei “Frammenti” e dei quadri Sull’Amore di Sarnari, tra questi Guido Giuffrè, Marco Goldin, Lorenza Trucchi Vittorio Sgarbi e tanti altri. Il solo ciclo di pitture in mostra copre praticamente cinquant’anni di ricerca dell’autore. Quam presenta uno dei propri progetti più appassionati, che collega la galleria ai circuiti internazionali, per il tramite di un grandissimo autore, qual è Franco Sarnari. Un lavoro, quello di Tecnica Mista, che ha portato gli artisti del “Gruppo di Scicli” a New York in settembre scorso, che ha organizzato la mostra di Franco Sarnari all’Italian Cultural Institute in Washington D.C.. Autore che in questi giorni è in mostra al Pacific Design Center di Los Angeles, sempre a cura di Tecnica Mista, lo studio di cura e organizzazione di eventi d’arte, con sede presso Quam, nel centro storico di Scicli.

Franco Sarnari, nato a Roma il 3.3.33, è uno dei più significativi pittori italiani del secondo Novecento. Schivo dei salotti romani degli anni Sessanta, si trasferisce in Sicilia, a Scicli, dove risiede da più di quarant’anni. È presente, tra le altre, nelle collezioni d’arte del Senato della Repubblica e del Museo Regionale di Sicilia. È stato invitato con una sala personale alla Biennale di Venezia del 1988, e nuovamente nel 2011. Electa, Marsilio, Linea d’Ombra, Silvana Editoriale hanno curato edizioni monografiche, antologiche o dedicate ad alcuni cicli pittorici, di Franco Sarnari.

Scicli, cittadina culturalmente molto vivace, si dimostra, ancora una volta, patria siciliana dell’arte. Negli stessi giorni estivi, si segnalano presentazioni di libri, residenze d’artista e mostre d’arte contemporanea, percorsi di cicloturismo ed eventi musicali di grande pubblico. Luoghi, eventi e notti, frequentate dai personaggi della cronaca mondana, e dai tanti turisti esteri, che l’amano per i colori, per il paesaggio e per la genuinità delle persone.