Franco Dagani – Mit Mondjak Neked

Brescia - 08/02/2020 : 21/03/2020

La mostra curata da Olivia Corsini e intitolata MIT MONDJAK NEKED intende presentare al pubblico il lavoro dell'artista bresciano Franco Dagani.

Informazioni

  • Luogo: UALUBA.ORG
  • Indirizzo: via Tosio 1G - Brescia - Lombardia
  • Quando: dal 08/02/2020 - al 21/03/2020
  • Vernissage: 08/02/2020 ore 18,30
  • Autori: Franco Dagani
  • Curatori: Olivia Corsini
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: h.15-18,30 sabato / in settimana su appuntamento

Comunicato stampa

Quante volte un angelo cade ci chiede David Bowie nella sua Blackstar. La mostra MIT MONDJAK NEKED, letteralmente dall'Ungherese CHE TI DEVO DIRE, risponde a Bowie facendo cadere un intero cielo.

Dagani ci mostra cosa avviene quando una costellazione di forme pure si rompe. Come racconta la curatrice della mostra nasce un nuovo cielo in cui “la legge morale si unisce al cielo stellato e insieme diventano altro”.
La sezione aurea ora è imperfetta. La storia dell’arte è arte passata, non ci aiuta e annega in una valigia inapribile. Le parole si fondono e le pagine non girano


Anche il sole è caduto e sostiene una fisiologica che non apriamo più. Nemmeno le piante ci riportano alla vita, imprigionate o moltiplicate in doppi che negano il singolo.
Resta il nero e che diventa una coperta lapidaria che palesa un lutto e paralizza il tempo.
Non sarà sempre facile interpretare impronte autobiografiche trasformate in opere d’arte, ma è proprio nello spazio interpretativo soggettivamente declinabile che agisce il lavoro di Dagani.
La sua poetica è quella del non definito, dello sfuocato, del pezzo mancante, dell’idea che non diventa atto ma resta in potenza, riuscendo paradossalmente in questo modo a lanciare messaggi chiari, finiti e chiusi, in contorni questa volta netti, come i contorni della croce che chiude (o apre?) la mostra in cui assenza e presenza di luce, palesano la loro bellezza, in una forma ora perfetta, conclusa, concludente.

Ancora una volta l’artista, che per anni ha affiancato alla sua carriera artistica iniziata all’Accademia di Belle Arti di Bologna il lavoro di insegnante, ci da una lezione su come gestire un lutto, su come comunicare senza le parole che troppo spesso rischiano di ridurre concetti ed emozioni in sterili definizioni, lasciando spazio a segni non immediatamente decodificabili.
Presentandosi senza esserci, lasciando spazio con eleganza a contingenze autobiografiche e assenze definitive, il cielo crollato di Dagani è anche il nostro cielo.

La mostra sarà visitabile fino al 21 marzo 2020.
Il catalogo, edito dalla casa editrice indipendente omonima, contiene i testi di Olivia Corsini e il contributo di Katalin Aknai.

Olivia Corsini