Francesco Jodice – Rivoluzioni

Firenze - 19/02/2022 : 09/04/2022

In mostra una installazione specifica che Francesco Jodice ha ideato per lo spazio non profit di Firenze.

Informazioni

  • Luogo: BASE - PROGETTI PER L'ARTE
  • Indirizzo: Via Di San Niccolò 18R - Firenze - Toscana
  • Quando: dal 19/02/2022 - al 09/04/2022
  • Vernissage: 19/02/2022 ore 17
  • Autori: Francesco Jodice
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

La visita alla mostra è contingentata e fruibile previa esibizione di Green Pass nel rispetto delle norme di sicurezza anti Covid-19. L'artista e il collettivo di Base saranno a disposizione durante l'inaugurazione.

Base / Progetti per l'arte presenta sabato 19 febbraio 2022, dalle ore 17:00 alle ore 20:00, il progetto dal titolo Rivoluzioni con una installazione specifica che Francesco Jodice ha ideato per lo spazio non profit di Firenze.

La mostra è costituita da un film della durata di venticinque minuti ottenuto dall'incedere da parte dell'artista nell’uso dell’archival footage

La narrazione video è messa fortemente in dialogo con la presenza sulla parete di uno statement legato a un evento storico avvenuto presumibilmente nel 1989, ovvero l'anno della caduta del muro di Berlino, ma anche dell'uscita della teoria di fine della storia di Francis Fukuyama; oltre alla presenza impattante di una parete brulicante di immagini di soggetti che si mettono in mostra per un pubblico assente e che possono essere interpretati come una folla, una comunità, ma anche come tante individualità autonome che vivono esclusivamente in “presa diretta”.

Il video presentato da Jodice si colloca a metà strada tra un docufiction e un film sperimentale usando materiali video preesistenti, ma anche tra l'installazione video o l'opera concettuale a tesi. Le immagini che si alternano vanno da quelle di galassie distanti dalla nostra a quelle di personaggi di pellicole anni '30 coinvolti in un melanconico interrogarsi sul loro destino, fino a quelle di esibizionismo di vari soggetti di filmati anni '80 che sembrano impegnati a testimoniare la propria esistenza prima di tutto a sé stessi. L'intento di Jodice nell'associare queste immagini prodotte al tempo dei medium analogici non è quello di criticare e far implodere dall'interno la società dello spettacolo 2.0 dell'attuale globalizzazione digitalizzata. Bensì è il tentativo di creare una sospensione di giudizio con cui poter analizzare perché siamo giunti ad un'assenza di aspettativa per il futuro proprio dopo che l'essere umano sembra aver conquistato i mezzi per condividere e rendere democratico tutto il sapere possibile.

L'artista nello spiegare il sistema narrativo destabilizzante della sonda spaziale lanciata nel 1989 per proporre il video come un documento oggettivo aggiunge che: “era necessario per suggerire che la Storia è in una fase di stallo, se non terminata, e che tutto ciò che ci accade è un loop, una replica di brani di vite già vissute tra fiction e realtà. Proprio con questo video del 2019 si chiude la trilogia di film dedicata al Secolo Americano avviata con Atlante (2015) e proseguita con la videoinstallazione American Recordings (2015)”. Sempre l’autore precisa che “la narrazione filmica porta alle estreme conseguenze la mia ossessione per il montaggio di video di repertorio anche se si presenta come l’improbabile filmato originario inviato da una sonda, Kaiju 2, che aveva l’obiettivo di “vedere” e filmare cosa c'era oltre il bordo di un buco nero. Ma le immagini che “ci giungono” e che dovrebbero rappresentare l’altra faccia dell’universo conosciuto non sono altro che un riflesso di noi stessi e delle nostre convenzioni culturali.”

Francesco Jodice (Napoli, 1967; vive e lavora a Milano) utilizza da sempre la fotografia e il montaggio video per indagare i mutamenti del paesaggio sociale contemporaneo, con particolare attenzione ai fenomeni di antropologia urbana e alla produzione di nuovi processi di partecipazione. Attitudine che lo ha portato ad essere tra i fondatori dei collettivi Multiplicity e Zapruder oltre che ad insegnare alla Naba di Milano. Tra i suoi progetti principali ci sono l’atlante fotografico What We Want, un osservatorio sulle modificazioni del paesaggio in quanto proiezione dei desideri collettivi, l’archivio di pedinamenti urbani The Secret Traces, mentre la trilogia sul secolo americano esplora i possibili scenari futuri dell’Occidente. Tra le sue molte partecipazioni a mostre internazionali sono da ricordare: FutuRuins, Palazzo Fortuny, Venezia, 2018; La Terra Inquieta, Triennale di Milano, 2017; AILATI. Biennale di Architettura, Padiglione Italia, Venezia, 2010; How to Live Together, XXVII Bienal de São Paulo, 2006; dOCUMENTA11 (Multiplicity), Kassel, 2002. Tra le recenti mostre personali è necessario citare: What We Want, Museu Nacional dos Coches, Lisbona, 2020; Panorama, Fotomuseum Winterthur, Winterthur, 2017; American Recordings, Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Torino, 2015.

BASE / Progetti per l’arte è un’idea di artisti per altri artisti. BASE è un luogo unico per la pratica dell’arte in Italia, la cui attività iniziata nel 1998, viene curata da un collettivo di artisti che vivono e operano in Toscana e che si fanno promotori di presentare a Firenze alcuni aspetti, tra i più interessanti dell’arte del duemila. BASE è un dialogo sulla contemporaneità aperto ad un confronto internazionale. Attualmente fanno parte del collettivo di BASE / Progetti per l’arte: Mario Airò, Marco Bagnoli, Massimo Bartolini, Vittorio Cavallini, Yuki Ichihashi, Paolo Masi, Massimo Nannucci, Maurizio Nannucci, Paolo Parisi, Remo Salvadori, Enrico Vezzi. Fino adesso si sono tenute a BASE mostre di Sol Lewitt, Marco Bagnoli, Alfredo Pirri, Cesare Pietroiusti, Jan Vercruysse, Niele Toroni, Michael Galasso, Luca Pancrazzi, John Nixon & Marco Fusinato, Heimo Zobernig, Ingo Springenschmid, Paolo Masi & Pier Luigi Tazzi, Antonio Muntadas, Robert Barry, Luca Vitone, Gino De Dominicis, Liliana Moro, Claude Closky, Remo Salvadori, Pietro Sanguineti, Liam Gillick, Massimo Bartolini, Mario Airò, Eva Marisaldi, Rainer Ganahl, François Morellet, Bernhard Rüdiger, Nedko Solakov e Slava Nakovska, Olaf Nicolai, Giuliano Scabia, Kinkaleri, Steve Piccolo & Gak Sato, Rirkrit Tiravanija, Matt Mullican, Michel Verjux, Elisabetta Benassi, Pedro Cabrita Reis, Pietro Riparbelli, Simone Berti, Jeppe Hein, Gerwald Rockenschaub, Jonathan Monk, Peter Kogler, Carsten Nicolai, Surasi Kusulwong, Franz West, Tino Sehgal, Nico Dockx, Grazia Toderi, Armin Linke, Davide Bertocchi, Pierre Bismuth, Olivier Mosset, Stefano Arienti, Erwin Wurm, Thomas Bayrle, Hans Schabus, Maurizio Mochetti, Lawrence Weiner, BASETALKS(!) (Gum Studio, Brown Project Space, 26cc, Sottobosco, Trastevere 259), Amedeo Martegani, Gianni Caravaggio, Piero Golia, David Tremlett, Franco Vaccari, RADICALTOOLS (UFO, Gianni Pettena, Archizoom, Zziggurat, Remo Buti, 9999, Superstudio), Koo Jeong-A, Christian Jankowski, Giuseppe Gabellone, Martin Creed, Ken Lum, BASEOPEN (Margherita Moscardini, Francesco Fonassi, Giuseppe Stampone, Giulio Delvé, Gaia Geraci, Marcello Spada, Jacopo Miliani, Riccardo Giacconi, Jaya Cozzani/Marco Andrea Magni/Agostino Osio), Jirí Kovanda, Nicole Miller, Luca Trevisani, Richard Long, Roman Ondak, Ryan Gander, Gerhard Merz, Ian Kiaer, vedovamazzei, Karin Sander, Francesco Arena, Michael Snow, Cesare Viel, Patrick Tuttofuoco, Jose Dávila, Deimantas Narkevičius, che hanno presentato progetti inediti pensati per lo spazio di BASE. Prossime mostre: Stephen Willats, Loris Gréaud, Mai-Thu Perret, Dara Birnbaum, Simon Fujiwara, Ceal Floyer, Rosa Barba, Gabriel Kuri, Saadane Afif, Cerith Wyn Evans ....

Nei giorni precedenti all'inaugurazione della mostra di Francesco Jodice è ancora visibile, fino al 9 febbraio 2022, la mostra The Fifer di Deimantas Narkevičius.

BASE / Progetti per l’arte, Via di San Niccolò 18r, 50125 Firenze, è uno spazio non profit la cui attività, coordinata da Lorenzo Bruni, è promossa e sostenuta dagli artisti fondatori con il contributo del Comune di Firenze e dell’Associazione BASExBASE.