Francesca Della Toffola – Incursioni

Seriate - 13/11/2011 : 03/12/2011

Incursioni-il ritmo del pensiero. La cultura letteraria e' la base su cui la fotografa trevigiana costruisce le sue immagini che, in qualche modo, divengono misura quasi cartesiana del racconto.

Informazioni

  • Luogo: SALA VIRGILIO CARBONARI
  • Indirizzo: Piazza Angiolo Alebardi 1 - Seriate - Lombardia
  • Quando: dal 13/11/2011 - al 03/12/2011
  • Vernissage: 13/11/2011 ore 10.30 Presentazione della mostra a cura di Roberto Mutti nella Biblioteca Civica Giacinto Gambirasio
  • Autori: Francesca Della Toffola
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: da mercoledì a sabato dalle 16 alle 19 - domenica 10,30-12 / 16-19
  • Biglietti: ingresso libero
  • Email: g.clivati@tin.it

Comunicato stampa

Dal 13 Novembre al 3 dicembre presso la sala espositiva comunale “Virgilio Carbonari” sarà possibile visitare la mostra “Incursioni -Il ritmo del pensiero” di Francesca della Toffola, giovane fotografa trevigiana che nel recente decennio si è progressivamente messa in mostra sia a livello nazionale che internazionale.
Le fotografie di Della Toffola si caratterizzano per la qualità della ricerca.
L’artista, infatti, usa la fotografia quale mezzo per focalizzare un pensiero che fa della relazione corpo –spazio – tempo il territorio d’indagine


La cultura letteraria è la base solida su cui Francesca Della Toffola, laureata in lettere, costruisce le sue immagini che, in qualche modo, divengono misura quasi cartesiana del racconto.
L’uso del colore, sobrio e “tonale”, dà alle immagini dell’autrice, un forte sapore lirico .
La mostra consta di oltre cinquanta immagini ed è suddivisa in cinque “sezioni” realizzate negli ultimi anni e così titolate: Stanze (2005); Pelle a pelle, seguendo le tracce del tempo (2006); Immobili evasioni dalla scatola del rigurgito emotivo (2007); Appesi all’attimo (2008); Accerchiati incanti (2011).
L’esposizione curata dall’Associazione Seriatese Arti Visive in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Seriate, dispone di un catalogo (n° 117) che contiene un contributo critico di Roberto Mutti ed è a disposizione gratuitamente per i visitatori della mostra.