Fotografia Festival Internazionale di Roma 2012

Roma - 20/09/2012 : 28/10/2012

A settembre si svolge l’XI edizione di FOTOGRAFIA Festival Internazionale di Roma che quest’anno ha come tema il lavoro, parola chiave della storia della fotografia, reinterpretato con una grande attenzione alle differenze e ai cambiamenti dei linguaggi della fotografia e del lavoro contemporaneo.

Informazioni

  • Luogo: MATTATOIO
  • Indirizzo: Piazza Orazio Giustiniani 4 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 20/09/2012 - al 28/10/2012
  • Vernissage: 20/09/2012 ore 20
  • Curatori: Marco Delogu
  • Generi: fotografia, collettiva
  • Orari: 16.00—22.00 da martedì a domenica chiuso lunedi; 1 gennaio; 1 maggio; 24, 25 e 31 dicembre (la biglietteria chiude 30 minuti prima)
  • Biglietti: biglietto intero € 5,00 ridotto € 3,00
  • Sito web: http://www.fotografiafestival.it
  • Email: macro@comune.roma.it
  • Uffici stampa: ZETEMA, MARIA BONMASSAR

Comunicato stampa

Il MACRO - Museo d’Arte Contemporanea Roma presenta dal 21 settembre al 28 ottobre 2012 l’IX edizione di FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma, a cura di Marco Delogu.
FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma, in questa nuova versione MACRO, propone un progetto che ne conferma la crescita di prestigio ed il respiro internazionale, promuovendo la fotografia contemporanea nelle sue diverse forme e linguaggi e valorizzando i talenti emergenti con un'attenzione sempre più concreta alle produzioni originali


Tema di questa undicesima edizione è il “lavoro”, parola chiave della storia della fotografia e di questi ultimi anni, reinterpretato mediante una grande attenzione alle differenze e ai cambiamenti dei linguaggi della fotografia e del lavoro contemporaneo.
Il Festival sceglie quindi un tema classico della fotografia documentaristica del Novecento e lo rilancia, con un ritorno alla centralità dell’uomo, facendo sua una sfida che coinvolga nuovi linguaggi e nuove narrazioni in fotografia.
Cosa rimane del lavoro “novecentesco”? e come la sua “visione”, spesso anche mitologica, piena di fatica fisica e grandi masse, si è modificata e in molti casi resiste accanto a lavori più sofisticati, spesso solitari, tecnologici e spesso difficili da trasformarsi in visioni.
E come si sposano visioni vecchie e nuove? Cosa le unisce? Forse in alcune risposte a queste domande passa una visione complessiva del mondo e una visione della fotografia che noi consideriamo lo strumento più efficace per l’analisi della società contemporanea e dei suoi linguaggi.
Ricchissimo il programma di questa edizione, con mostre, incontri, workshop, presentazioni ed eventi, con sede principale al MACRO Testaccio, ma anche al MACRO, in molti Istituti di cultura stranieri, spazi espositivi della Capitale, sia pubblici che privati. E per rendere il festival diffuso e partecipato dal 2011 il Blog di FOTOGRAFIA (blog.fotografiafestival.it) copre con anticipazioni e informazioni gli appuntamenti di rilievo che ruotano intorno al panorama romano durante tutto l’arco dell’anno, creando una piattaforma per la discussione di temi considerati urgenti per la fotografia contemporanea.




PROGRAMMA
MACRO TESTACCIO:
• Una mostra collettiva a cura di Marco Delogu che riunirà intorno al tema del Festival lavori di fotografi internazionali tra cui Josef Koudelka, Chris Killip, Roger Ballen, Simon Roberts, Fosco Maraini, Edgar Martins, Raphael Dallaporta, Florian van Roekel, Nina Poppe e altri.
• L’inedito lavoro su Roma di Paolo Ventura per la X edizione della Commissione Roma, che dal 2003 si rivolge a grandi fotografi internazionali – in passato a Josef Koudelka (2003), Olivo Barbieri (2004), Anders Petersen (2005), Martin Parr (2006), Graciela Iturbide (2007), Gabriele Basilico (2008), Guy Tillim (2009), Tod Papageorge (2010) e Alec Soth (2011) – e chiede loro di ritrarre la città di Roma in totale libertà interpretativa.
Paolo Ventura, dopo aver presentato nella passata edizione del Festival il suo ultimo lavoro Behind the walls, ricostruirà scenari e personaggi per una nuova serie di immagini dedicate alla città di Roma.
• Tre mostre dei curatori esterni nominati attraverso il bando internazionale del 2010: Paul Wombell, Valentina Tanni e Marc Prüst, giunti quest’anno al terzo anno di collaborazione con il festival.
• Lo spazio dedicato alla giovane fotografia italiana che ospiterà una mostra collettiva tesa a valorizzare i talenti della scena contemporanea nazionale a cura di Alessandro Dandini de Sylva.
• La quinta edizione del Premio IILA per la giovane fotografia latinoamericana. In mostra anche il lavoro su Roma del vincitore dell'edizione 2011 Nicolas Sanin, insieme alla proiezione della selezione del vincitore e dei finalisti del Premio IILA 2012.
• Miguel Rio Branco, solo show preparato ad hoc per il festival 2012 in collaborazione con l’Ambasciata del Brasile a Roma
Per la seconda volta ospiti del Festival anche varie librerie internazionali, tra cui Le Bal di Parigi e Dirk Bakker di Amsterdam, che con i loro stand proporranno al pubblico romano libri rari e vere perle dell'editoria fotografica più raffinata. A loro si affiancheranno altre case editrici, riviste indipendenti che si sono distinte in questi anni per la elevata qualità delle loro produzioni. Per riunire tutte queste realtà il Festival si espande anche nella Pelanda del MACRO Testaccio trasformandola in un spazio interamente dedicato all’editoria fotografica.
Inoltre, dopo l'esperienza positiva del 2011, FOTOGRAFIA riaprirà le porte del Festival attraverso Call for Entry 2012, invitando fotografi emergenti provenienti da tutto il mondo a partecipare con un progetto riguardante il tema del "lavoro". I progetti presentati saranno valutati da una giuria internazionale che selezionerà quindici artisti e tra questi il vincitore del premio. I lavori dei fotografi selezionati saranno proiettati durante l’intera durata del Festival all’interno del MACRO Testaccio e menzionati sul catalogo di FOTOGRAFIA 2012.
Infine il Festival dedicherà uno spazio ai grandi esponenti della fotografia internazionale che, attraverso una serie di incontri e conversazioni, esporranno al pubblico le loro riflessioni sulla contemporaneità della fotografia. Dopo il grande successo di pubblico della passata edizione, con oltre 10.000 visitatori durante il solo weekend di apertura al MACRO Testaccio, il Festival intende riportare il mondo della fotografia internazionale a Roma con lecture, presentazioni, book signing ed eventi, mentre i curatori si alterneranno in una serie di appuntamenti per discutere del loro lavoro e dei loro progetti per il Festival.
MACRO:
• Dopo il successo ottenuto al Guggenheim di Berlino e al Wiels di Bruxelles, Riffs, la mostra dell’artista francese di origine marocchina Yto Barrada, a cura di Marie Muracciole, curatrice indipendente, e Friedhelm Hütte, Global Head of Art Deutsche Bank, sarà presentata al MACRO dal 20 settembre all’11 novembre 2012 per poi proseguire al Fotomuseum Winterthur di Zurigo. Yto Barrada è vincitrice del premio “Artist of the Year” di Deutsche Bank per il 2011.
• L’inedito lavoro su Roma di Anders Petersen, prodotto dal MACRO come parte del programma di residenze lanciato nel 2012, che sarà esposto dal 20 settembre al 28 ottobre 2012. A distanza di 7 anni dalla Commissione Roma 2005, il fotografo svedese ritorna nella capitale dopo il successo di “Roma, a diary 2005” per un nuovo lavoro che abbia come soggetto Roma e i romani.
FESTIVAL DIFFUSO:
Naturale prosecuzione del lavoro fatto durante l’anno dal MACRO con la fotografia (l’avvio della collezione con la mostra “FOTOGRAFIA in collezione”, gli incontri di fotografia, le residenze, e lo stretto rapporto con il museo come nel caso della mostra “Neon” che nella tappa romana ha visto la partecipazione di Olivo Barbieri e Tim Davis), la XI edizione vedrà il coinvolgimento dell’intera Città e della sua rete di spazi pubblici e privati fra cui molti istituti di cultura stranieri, quali l’Accademia di Francia a Roma - Villa Medici (con la mostra di Claire Chevrier, curata da Eric de Chassey), l’American Academy in Rome, la Reale Accademia di Spagna, l’Istituto Italo Latino Americano.