Easy as a kiss. Humanizing technology through design

Torino - 04/05/2021 : 10/09/2021

Il Circolo del Design di Torino ospita per la prima volta nei suoi spazi una mostra storica che ripercorre le tappe fondamentali di Interaction Design Institute di Ivrea.

Informazioni

  • Luogo: CIRCOLO DEL DESIGN
  • Indirizzo: via San Francesco da Paola 17 - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 04/05/2021 - al 10/09/2021
  • Vernissage: 04/05/2021 no
  • Curatori: Jan-Christoph Zoels
  • Generi: design, new media
  • Orari: Da lunedì a venerdì, dalle 14 alle 19. L'ingresso è gratuito per i soci del Circolo del Design. Become a member, tesserati al costo di 10 €
  • Uffici stampa: SPIN-TO

Comunicato stampa

La mostra «EASY AS A KISS: humanizing technology through design. Vision, story and impact of Interaction Design Institute Ivrea» è un omaggio alla storia di Interaction Design Institute Ivrea, prodotta dal Circolo del Design di Torino ed esposta presso la sua sede dal 4 maggio al 10 settembre 2021. Questa esposizione, la prima a carattere storico ospitata e prodotta dal Circolo del Design, dà vita al primo archivio, fisico e digitale, dedicato a Interaction Design Institute Ivrea, presentandone e sistematizzandone la storia, i protagonisti, le tappe fondamentali



Nell’anno 2000, in concomitanza col superamento del timore del millennium bug e la diffusione dei primi cellulari che iniziano a modificare le nostre relazioni, veniva fondato Interaction-Ivrea, istituto internazionale che si è dedicato fino al 2005 allo sviluppo e alla diffusione dell’allora nascente disciplina dell’interaction design, dedicata alla progettazione dell’esperienza nell’interazione con servizi, sistemi e dispositivi tecnologici. Una vicenda che all’inizio del millennio ha posto la città eporediese al centro della mappa mondiale dell'innovazione, combinando modelli sperimentali di didattica e avanguardia progettuale con la cultura olivettiana, attraendo talenti da tutto il mondo e fondando un nuovo modello formativo i cui ingredienti erano: una combinazione di competenze umanistiche e scientifiche, sperimentazione libera e aperta, scambio vicendevole di conoscenze e competenze e collaborazione con aziende italiane ed estere. Qui sono nati progetti tutt’ora utilizzati e divenuti universali come Arduino e Processing. Sempre qui si è formata la disciplina che ha reso possibile alcuni servizi che utilizziamo quotidianamente, come il car sharing, i pagamenti tramite app e le prenotazioni di servizi online. La stessa metodologia che ha delineato l’approccio progettuale e gli strumenti che hanno modificato la nostra presenza online, come i pulsanti like, la gestualità delle nostre dita sugli schermi e una codifica d’uso che ci consente di muoverci in modo disinvolto all'interno di tutti i siti web.

La mostra è curata da Jan-Christoph Zoels, partner di Experientia e professore associato di Interaction Design Institute Ivrea. Co-curatori sono invece Gillian Crampton Smith, Direttore di Interaction Design Institute Ivrea e fondatrice di programmi di formazione sull'interaction design alla St Martin's School of Art di Londra e al Royal College of Art, Andrea di Salvo, ricercatore del Politecnico di Torino, e Mark Vanderbeeken, partner di Experientia. La mostra è realizzata con: il contributo di Fondazione CRT, e il patrocinio di Città di Ivrea e Confindustria Canavese, Partner scientifico è il Politecnico di Torino, Partner culturale sono Associazione Archivio Storico Olivetti e IxDA - Interaction Design Association.

Organizzata in sei sezioni, «EASY AS A KISS. Humanizing technology through design. Vision, story and impact of Interaction Design Institute Ivrea» ripercorre la storia e la filosofia della scuola eporediese, le sue influenze internazionali e l’impatto che l’interaction design ha avuto sul territorio piemontese, valorizzando il ruolo fondativo che l’Istituto ha avuto nell’avviare venti anni fa percorsi di ricerca che offrissero nuovi approcci e strumenti per immaginare la relazione tra uomo e tecnologia.

La mostra si apre con la sezione «Facile come un bacio: Umanizzare la tecnologia attraverso il design» e presenta la filosofia progettuale di Interaction-Ivrea, sviluppatasi e praticata nei corsi magistrali e durante le sue attività di ricerca, che si concentrava sia sul “progettare la giusta cosa” (un’invenzione ragionata) sia sul “progettare nel modo giusto” (una realizzazione attenta dell’esperienza interattiva dell’utente). Durante il suo breve vissuto di soli cinque anni e mezzo, Interaction-Ivrea è stato in grado di influenzare l’interaction design e l’istruzione del design in tutto il mondo.

La seconda parte del percorso – «Visione e valori: Sulle spalle dei giganti» – racconta degli importanti accademici e professionisti internazionali provenienti dagli Stati Uniti, dall’Asia e dall’Europa che all’inizio del Duemila portavano il mondo a Ivrea, influenzando i primi anni di sviluppo dell’istituto. In questa sezione sono esposti alcuni oggetti storici come «Ergonomics at Olivetti» di Bruno Scagliola, un libro in due volumi pubblicato nel 1981 che raccoglie di studi sull’ergonomia condotti dalla Olivetti, il poster «Save our Planet, Save Our Cities!» di Buckminster Fuller del 1971, e Programma 101, la macchina di calcolo presentata come «desktop computer» commerciale programmabile e per questo definita da molti come il primo «personal computer» della storia. Disegnata da Mario Bellini e progettata dall'ingegnere Pier Giorgio Perotto, è stata prodotta nel 1965 in 44.000 unità, di cui la maggior parte vendute negli Stati Uniti.

Tema di «Timeline: Mettere le persone al primo posto», terza sezione della mostra, è il percorso temporale che presenta il contesto, le sfide e il progetto, raccontando cosa stava succedendo nel mondo e in Italia e come hanno risposto studenti e docenti. Interaction-Ivrea è stata, infatti, fondata durante il primo crash di internet nel 2000. In quel momento alcune aziende emersero mentre altre fallirono. All’interno di questo nuovo scenario, interaction-Ivrea decise di adattare le tecnologie digitali ai comportamenti, alle necessità e alle problematiche delle persone.

Protagonisti della quarta sezione – «Power of ten: un terreno di gioco per idee visionarie» – sono dieci video inediti prodotti da Circolo del Design che, attraverso le voci di ex-studenti di Interaction Design Institute di Ivrea, raccontano cosa significhi essere interaction designer, ma soprattutto essere cittadini di un mondo connesso. Le dieci interviste ripercorrono, inoltre, la visione, le influenze, il percorso accademico e professionale di questi dieci professionisti che, partendo da Interaction-Ivrea, sono arrivati a ricoprire ruoli chiave in alcune tra le più importanti aziende del settore al mondo, come Microsoft, Hasbro e Facebook.

«The new generation» è il titolo della quinta parte della mostra e si basa su una domanda: quali sono i nuovi volti e le nuove voci che portano avanti l’interaction design? In questa sezione il Circolo del Design mette in mostra i vincitori del concorso studentesco di design “Our Data and Global Wellbeing”, in collaborazione con l’Interaction Design Association (IxDA).

La sesta sezione è «Game changers» ed è dedicata all’impatto che Interaction Design Institute Ivrea ha avuto sul Piemonte. È il risultato di una open call promossa da Circolo del Design che ha portato alla selezione di 20 progetti realizzati facendo ricorso all’interaction design negli ultimi 15 anni: progetti capaci di raccontare i processi di umanizzazione della tecnologia, i metodi dello human-centered design per la gestione della complessità, la focalizzazione progettuale sulla user-experience, la progettazione di un servizio. I 20 progetti, selezionati da Gillian Crampton Smith, Ex Direttrice Interaction Design Institute di Ivrea, Sara Fortunati, Direttrice Circolo del Design, Laura Orestano, Direttrice Social Fare, Andrea Pedrina, Local Leader IxDA Milan&Turin e Interaction Design Lead, e Jan-Christoph Zoels, curatore della mostra «EASY AS A KISS», affrontano tematiche differenti, dalla mobilità ai prodotti di uso quotidiano, dalle campagne di comunicazione al welfare aziendale, e forniscono un quadro ampio e variegato dell’eredità lasciata da Interaction Design Institute di Ivrea.
I 20 Progetti selezionati (in ordine casuale)
1. “Bloomberg — Charting Futures” | Designer: algo.tv & illo.tv | Committente: Bloomberg
2. “Sherlock Bike” | Designer: RED research and design | Committente: Sherlock S.r.l.
3. “Posto giusto per” | Designer: Print Club Torino - applicazione del progetto Graphic Days® Design Lab | Committente: Amministrazione di Settimo Torinese | Partner: Città di Settimo Torinese, Fondazione ECM, Space Tortilla, Informagiovani Città di Torino, Biblioteca | Archimede, Ecomuseo del Freidano, Riccardo Colombo, QuokKattivi, Univer.
4. “Scribit“ | Designer e design studio: Carlo Ratti Associati | Partner: Makr Shakr
5. “BancoSmart: Reshaping the ATM user experience”| Designer: Experientia| Committente: Banca UniCredit
6. “Singapore: Ageing gracefully”| Designer: Experientia | Committente: Design Singapore Council, Ministero delle comunicazioni e dell'informazione di Singapore
7. “ToNite: social innovation and urban regeneration in Turin” | Designer: Experientia Urban Innovative Actions (UE) / Città di Torino | Partner: Experientia,
 Comune di Torino, Anci, EFUS, Espereal Technologies, SocialFare, Torino Wireless
8. #EGIZIO2015 | Designer: TODO | Committente: Compagnia di Sanpaolo per Il Museo Egizio
9. “Cupra kinetic wall” | Designer: TODO | Committente: Seat | Agenzia: 515 | Partner: Leva
10. “Casa Jasmina” | Designer: Officine Innesto | Committente: Casa Jasmina | Partner: Comune di Torino, Toolbox Coworking, Arduino, [email protected], Leroy Merlin, Valcucine.
11. “Ruralhack IoT Workshop” | Designer: Davide Gomba / Alex Giordano | Committente: PidMed / Societing 4.0 | Partner: Officine Innesto
12. “Robo&Bobo” | Designer: Associazione Dear Onlus | Committente: Dear Onlus | Partner: Treti Galaxie
13. “Past-now-soon”| Designer: Urban Lab, Elena Carmagnani, Pietro Palladino, Aurora Meccanica | Committente: Urban Lab | Partner: Città di Torino, Compagnia di San Paolo, Polo del 900, Città metropolitana di Torino, Fondazione CRT, Iren, Lavazza Group.
14. “Edenred app ecosystem“ | Design Studio: Fightbean | Committente: Edenred italia s.r.l
15. “Digiphy” | Designer: Lowie Vermeersch / GRANSTUDIO | Committente e altri soggetti partner: GRANSTUDIO
16. “WEKIT - Wearable Experience for Knowledge Intensive Training“ | Designer:
17. “Dati Umani, Visualizzare per Creare Confronto | Designer Chiara Cerretti | Committente: Visionary Days | Partner: Fabrizio Destro
18. “Lavazza Deséa” | Designer: Florian Seidl / LAVAZZA in-house design | Committente: Luigi Lavazza S.p.A.
19. “Arduino” | Committente: Interaction Design Institute Ivrea | Designer: Massimo Banzi, David Cuartielles, David Mellis, Tom Igoe, Gianluca Martino
20 “Fiat Centoventi” | Designer: Centro Stile Fiat


EASY AS A KISS. Humanizing technology through design. Vision, story and impact of Interaction Design Institute Ivrea
Quando: dal 4 maggio al 10 settembre 2021
Orari di apertura: dal lunedì al venerdì dalle 14.00 alle 19.00
Dove: Circolo del Design, Via San Francesco da Paola 17
Ingresso: riservato ai soci e regolamentato secondo normativa Covid-19. Se non si è in possesso della tessera soci del Circolo del Design, il tesseramento sarà effettuato in loco prima dell'inizio dell'evento.
Tesseramento: € 10

Il Circolo del Design è sostenuto da Fondazione Compagnia di San Paolo e Camera di commercio di Torino (main partner), con il contributo di Città di Torino, Unione Industriale di Torino e CNA Torino, sponsorizzato da Iren e Reale Mutua Assicurazioni.

COLOPHON
Direzione / Direction
Sara Fortunati

Curatore / Curator
Jan-Christoph Zoels

Co-curatori / Co-curators
Gillian Crampton Smith
Andrea Di Salvo
Mark Vanderbeeken

Progetto di allestimento - Grafica
Exhibit - Graphic design
Collettivo AIA

Allestimento / Set up
StudioArredi

Coordinamento / Coordination
Marilivia Minnici

Comunicazione / Communication
Marta Della Giustina

Traduzioni / Translations
Isa Matilde Bonino

Sottotitoli video / Video subtitles
Forward

Ufficio stampa / Press office
Spin-To

Project Finance Manager
Luana Gravina

Amministrazione / Administration Coordination
Aline Nomis


ABOUT CIRCOLO DEL DESIGN
Il Circolo del Design è uno spazio aperto, inclusivo e partecipato. Il Circolo del Design alimenta e promuove la cultura del progetto realizzando progetti d’impatto sul territorio e un programma di attività culturali e di formazione. Con la sua attività il Circolo favorisce le connessioni e l'incontro tra designer, aziende, mondo culturale, pubblica amministrazione e istituzioni. Online e offline, ogni giorno progetta contenuti che sappiano ispirare e lo fa collaborando con professionisti, studenti e visionari appassionati e curiosi.