Davide Bramante – The Old New World

Polignano a Mare - 16/03/2019 : 05/05/2019

La Galleria Ventoblu, spazio espositivo dedicato all’arte contemporanea, si apre alla fotografia. L’occasione è la mostra “The Old New World”, personale di Davide Bramante (Siracusa, 1970), artista famoso per le sue fotografie di grande formato che ritraggono città e architetture, suoi soggetti d’elezione da più di 20 anni.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA VENTOBLU
  • Indirizzo: Via Conversano 14 - Polignano a Mare - Puglia
  • Quando: dal 16/03/2019 - al 05/05/2019
  • Vernissage: 16/03/2019 ore 19
  • Autori: Davide Bramante
  • Generi: fotografia, arte contemporanea, personale
  • Orari: In mostra dal 16 marzo al 5 maggio 2019 Opening: sabato 16 marzo, ore 19-22 da lunedì a sabato 17-21; domenica 11-13.30

Comunicato stampa

La Galleria Ventoblu, spazio espositivo dedicato all’arte contemporanea, si apre alla fotografia. L’occasione è la mostra “The Old New World”, personale di Davide Bramante (Siracusa, 1970), artista famoso per le sue fotografie di grande formato che ritraggono città e architetture, suoi soggetti d’elezione da più di 20 anni. Dopo il successo delle recente esposizione a lui dedicata nei giorni di Arte Fiera 2019, Davide Bramante presenta in galleria 12 opere fotografiche inedite, tutte di medio e grande formato, esito di un progetto da lui realizzato per questa occasione espositiva

Si tratta di un lavoro che l’artista ha sviluppato in Puglia nel novembre del 2018, una serie di immagini che traggono ispirazione dal genius loci scattate tra Bari, Conversano e Polignano a Mare. «Di volta in volta, costruisco un progetto site-specific in base a ciò che sento prima di raggiungere il luogo del lavoro e poi mi lascio “emozionare” da tutti ciò che seduce il mio sguardo: un’architettura, un frammento, il paesaggio, la sua storia... Non mi riferisco soltanto ai luoghi, ma anche alle storie ai racconti e alle persone che incontro durante il work in progress», racconta l’artista.
Il lavoro di Davide Bramante è oggi riconosciuto a livello internazionale: ciò che caratterizza queste opere, in mostra dal 16 marzo al 5 maggio, è l’uso di quella personalissima cifra stilistica che ha reso il suo linguaggio immediatamente riconoscibile. Tutte le fotografie sono state infatti realizzate con la tecnica delle esposizioni multiple in fase di ripresa (da 4 a 9 scatti), non digitali. Per realizzare le sue «photos» – come lui stesso ama definirle -, l’artista utilizza fotocamere analogiche reflex e pellicole 35 mm (200 iso). «Le photos sono il frutto di ciò che amo e conosco di più: i viaggi, la storia dell’arte, l’architettura e la fotografia. Mi affascina l’idea di poter condensare queste passioni in una sola immagine di grande impatto visivo», spiega Bramante. «Tutto avviene per sovrapposizioni spaziali e temporali, un po’ come accade nel cinema con il montaggio. Non è solo un fatto tecnico, ma il modo migliore per esprimere un’idea». Il suo universo creativo, che propone un viaggio per immagini nelle più belle città d’Europa e del mondo, è rappresentato in mostra da un’accurata selezione di lavori storici.
Ad affiancare le opere realizzate per questa personale, ecco 4 photos di grande formato (130x180 cm) dedicate rispettivamente a New York, Parigi, San Pietroburgo e Firenze, soggetti tratti da alcune delle serie più iconiche realizzate dall’artista. Perché Davide Bramante ama mettere in posa le città? «Penso che la scenografia non sia altro che una finzione che si serve della realtà, la mia arte fotografica è praticamente la stessa cosa. Quando cerco di definire le differenze tra un fotografo e un artista fotografo, racconto che il primo fotografa la realtà così come è, mentre il secondo ne crea un’altra, parallela e allo stesso tempo irreale e immaginifica. Simile ai nostri ricordi, simile ai nostri sogni...».
Con questa rassegna la Galleria Ventoblu amplia la sua indagine sulle arti visive del nostro tempo. Le opere di Bramante, i cui riferimenti spaziano dalla fotografia all’architettura al cinema, con un gusto per la sperimentazione su grandi formati e supporti inaspettati, si pongono in
sintonia con una dimensione internazionale del contemporaneo, che sempre più spesso punta sulla contaminazione e il dialogo con altre discipline. Accompagna la mostra una brochure con testi di Sonia S. Braga, storica dell’arte e giornalista, corredata da un’intervista con l’autore, Davide Bramante.

WWW.VENTO-BLU.COM


Nota biografica
Davide Bramante, classe 1970, è nato a Siracusa, in Sicilia, dove oggi vive e lavora. Si è diplomato in Scenografia all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, e nel 1991 ha avviato la sua carriera artistica nel mondo della fotografia. Realizza anche video e installazioni, muovendosi in un ambito multidisciplinare. Per tredici anni, fino al 1999, ha vissuto tra Torino, Bologna, Roma, Milano e New York. Ha all’attivo mostre collettive e personali in tutto il mondo, in gallerie pubbliche e provate. Ha partecipato alle più importanti fiere d’arte contemporanea, da Art Basel a Miart, da Scope Miami a Paris Photo. (www.davidebramante.com)