Celsauro Ceccobelli – Ex Machina. Moto perpetuo

Spoleto - 05/03/2016 : 25/04/2016

Mostra personale

Informazioni

  • Luogo: CHIESA MADONNA DEL POZZO
  • Indirizzo: Porta Monterone Spoleto - Spoleto - Umbria
  • Quando: dal 05/03/2016 - al 25/04/2016
  • Vernissage: 05/03/2016 ore 17,30
  • Autori: Celsauro Ceccobelli
  • Curatori: Davide Silvioli
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Installazione visibile ad orario continuato, giorno e notte fino al 25 aprile 2016

Comunicato stampa

OPUS & LIGHT” anno XIX° MADONNA del POZZO / Porta Monterone SPOLETO, 5 marzo - 25 aprile 2016
Progetto: STUDIO A'87 - in collaborazione con Palazzo Collicola Arti Visive e con il patrocinio dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Spoleto



CELSAURO CECCOBELLI ”Ex Machina - Moto perpetuo”

Inaugurazione: Porta Monterone SPOLETO / sabato 5 marzo 2016 ore 17:30

Installazione visibile ad orario continuato, giorno e notte fino al 25 aprile 2016



Testo e cura di Davide Silvioli

L'accezione contemporanea di scultura risulta sempre più dinamica e onnicomprensiva, andando quindi a includere, oltre a realizzazioni più tradizionali, anche opere o operazioni artistiche obiettivamente tridimensionali quali costruzioni, installazioni spaziali e interventi ambientali. A ciò si aggiunge un rinnovato spirito speculativo circa le sue modalità significanti con la sperimentazione di materiali nuovi e di diversa natura, convertiti dunque a media tecnici capaci di offrire inediti spunti estetici e di ricerca. Tale attenzione nei confronti del materiale, analizzato non solo nella sue qualità fisico-oggettuali ma, soprattutto, nella sua identità funzionale e fenomenologica, rivestendo un'importante centralità, è leggibile nell'opera Moto Perpetuo di Celsauro Ceccobelli. Si riscontra, pertanto, una forte sensibilità riguardo i dispositivi esecutivi del manufatto – parti di vecchi motocicli dismessi - che arriva ad acquisire, così, un rigenerato valore semantico e comunicativo. Il materiale, l'oggetto e la macchina – consegnati a nuova vita – vengono a coincidere in un unica coniugazione artistica dotata di un'aura vagamente tingueliniana, pur mantenendo, allo stesso tempo, una propria indipendenza generativa. Nelle sue fattezze formali industriali e meccaniche, la scultura suggerisce un accattivante parallelismo con i Complessi Plastici Motorumoristi di Fortunato Depero ma, a ben vedere, con esiti diversi poiché le creazioni di quest'ultimo davano all'osservatore l'impressione di ammirare un oggetto innegabilmente avveniristico, mentre al cospetto del lavoro di Celsauro sembra quasi di trovarci di fronte a un insolito reperto archeologico, in grado di trasmettere un disorientante fascino storico. Oltrepassando ora le peculiarità tautologiche, vediamo come la scultura esplicita la propria ragion d'essere anche attraverso capacità che potrebbero essere definite come funzionali, anche se tuttavia non ottemperano ad alcun fine utilitaristico. Si fa riferimento al fatto che, grazie all'alimentazione a corrente elettrica, l'insieme si completa con l'accensione di una lampadina e con la diffusione acustica di un motivo musicale anch'esso realizzato dall'artista e denotabile per l'eclettismo di cui è esempio, particolare commistione in una sola traccia di strumenti e sonorità disparate, in cui è l'eco del rumore di un motore a essere protagonista, rimandando alla natura genealogica dell'intera composizione. Per questa modalità eterodossa di concepire il suono, per il ruolo e il peso comunicativo di cui esso si arricchisce, sorge spontanea la correlazione con le ricerche in campo acustico di Luigi Russolo, ideatore e artefice grazie ai suoi Intonarumori, di una musica costituita da rumori anziché da suoni tradizionali. Tali caratteristiche, sottolineandone la complessità, mette in evidenza la pluralità metodologica con cui l'opera narra sé stessa, istituendo simultaneamente una critica nichilistica nei confronti delle moderne prescrizioni di “utilità” e “funzionalità”.