Bahamut? è una domanda che poniamo agli artisti in mostra riguardo a come si pongono rispetto a questa definizione dicotomica di mito: contemporaneità o riscoperta di un sapere antico di comunicazione con la Terra?

Informazioni

Comunicato stampa

BAHAMUT?

CURRENT
Via Sant’Agnese 12, Milano
Studi Festival 14:00 – 17:00
Dal 15/03 al 19/04


“Dio creò la terra, ma la terra non aveva sostegno, e così sotto la terra creò un angelo. Ma l’angelo non aveva
sostegno, e così sotto i piedi dell’angelo creò una rupe fatta di rubino, ma la rupe non aveva sostegno e così
sotto la rupe creò un toro con quattromila occhi, orecchie, nasi, bocche, lingue e piedi

Ma il toro non aveva
sostegno, e così sotto il toro creò un pesce chiamato Bahamut, e sotto il pese mise l’acqua, e sotto l’acqua
mise oscurità, e la scienza umana non vede oltre quel punto”.

(Il libro degli esseri immaginari, Jorge Luis Borges)


Uno dei lap-top più diffusi al mondo esibisce frontalmente l'immagine di una mela appena morsa; sui piedi
portiamo scarpe il cui simbolo ricalca le ali di una dea greca; VENUS è il nome dei rasoi che le ragazze
attente usano per assicurarsi gambe lisce e attraenti.
Nell'epoca della “tecnica dispiegata” in cui la tecnologia corre incontro a ogni bisogno, gli dei e le credenze
ancestrali riescono a malapena a sbarcare il lunario con lavoretti succedanei: piccoli orpelli a decoro di una
sapienza ben più consapevole e solida, che con tutto il diritto si prende gioco di un passato di riti e paure.
Anche se gli dei hanno abbandonato l'Olimpo (così mostrano le foto satellitari sul monte), sembra ancora ben
presente all'interno dell'uomo un certo comportamento “rituale”: come scrive Wittgenstein, l’uomo è un “animale cerimoniale”, il mito gli è necessario in quanto soddisfa un desiderio perché o ne anticipa o ne sostituisce, simbolicamente, la realizzazione, e il mito va inteso non tanto come primitiva risposta alla natura ma come proiezione della simbolizzazione, un evento ideale. Ma nell’era della tecnica sempre più spesso la prassi è quella di un rito senza mito.
Eppure nelle code infinite, che partono all'alba dei fortunati acquirenti dell'ultimo modello di telefono; nelle
maschere cerimoniali di V per Vendetta; nel culto del VIP possiamo scorgere forse una nuova mitologia. Un
rito con mito, in effetti, fatto di dei “dalla vita breve”, che coincide più o meno coi cicli di vita del prodotto.
Il mito è uno strumento di marketing, molto efficacie perché fa leva sull'inconscio dell'uomo (gli archetipi)
così come nella sua necessità mai colmata di trovare un fine per sé come per ciò che ci circonda. E se il mito
antico era un dialogo con la natura, questo mito del contemporaneo instaura il dialogo tra l'uomo e la società
del consumo di massa, in cui la ritualità serve a riconciliarlo con la necessità del modello sociale di
comprare, consumare, distruggere, comprare.
Bahamut? è una domanda che poniamo agli artisti in mostra riguardo a come si pongono rispetto a questa
definizione dicotomica di mito: contemporaneità o riscoperta di un sapere antico di comunicazione con la
Terra?
La stessa storia di Bahamut incarna l'indagine della mostra. Nella cosmologia araba è ciò che si trova al
fondo del sapere umano, è una ricerca incessante verso la profondità che discopre un mondo sempre più
meraviglioso. E allo stesso tempo il pesce ancestrale si è del tutto adattato al nuovo mestiere del mito d'oggi:
chi cerca Bahamut su Google trova immagini di draghi protagonisti di videogiochi (primo tra tutti Final
Fantasy) e di articoli da collezione.
Il compito degli artisti in mostra è raccontare il proprio punto d'equilibrio tra il pesce è il drago.

Artisti: Davide Dicorato, Tania Fiaccadori, Stefano Filipponi, Jacopo Martinotti, Carlo Miele, Salvatore Ricci




CURRENT è una piattaforma aperta creata da artisti e curatori. ha base in uno spazio indipendente a Milano dove sperimentare ed esporre l’arte contemporanea.
CURRENT è un artist-run space aperto alla collaborazione con altri progetti italiani e internazionali.
Progetto nato dalla collaborazione di Alessandro Azzoni, Ruben de Sousa, Tania Fiaccadori, Carlo Miele, Francesco Pieraccini e Marcella Toscani.