Arte Fiera 40 – Lo sguardo delle Gallerie sulla grande arte italiana

Bologna - 28/01/2016 : 28/03/2016

Arte Fiera presenta, per celebrare il suo quarantesimo anniversario, “Arte Fiera 40”, la mostra a cura dei direttori artistici Giorgio Verzotti e Claudio Spadoni e organizzata da BolognaFiere, in collaborazione con Arthemisia Group. La mostra racconta la storia stessa del Salone Internazionale dell’Arte moderna e contemporanea fin dalla fondazione, ripercorrendo i 40 anni passati e offrendo una visione sui 40 futuri rappresentata da 4 giovani artisti scelti in fiera dal comitato organizzatore.

Informazioni

Comunicato stampa

n percorso espositivo in due sedi: “Lo sguardo delle Gallerie sulla grande arte italiana” alla Pinacoteca Nazionale di Bologna - dove è esposta una selezione di capolavori provenienti dalle Gallerie – e “Storia di una Collezione” al MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna - dove è esposta una selezione di opere acquisite da BolognaFiere negli anni – oltre 60 artisti tra cui:
(in Pinacoteca) Burri, Carla Accardi, Afro, Vincenzo Agnetti, Getulio Alviani, Stefano Arienti, Enrico Baj, Pier Paolo Calzolari, Felice Casorati, Enrico Castellani, Gianni Colombo, Enzo Cucchi, Dadamaino, Flavio Favelli, Capogrossi, De Chirico, Nicola De Maria, Filippo De Pisis, Piero Dorazio, Lucio Fontana, Piero Gilardi, Giorgio Griffa, Renato Guttuso, Marcello Jori, Jannis Kounellis, Piero Manzoni, Fausto Melotti, Giorgio Morandi, Ennio Morlotti, Ontani, Mimmo Paladino, Giulio Paolini, Gianni Piacentino, Michelangelo Pistoletto, Concetto Pozzati, Salvo, Alberto Savinio, Mario Schifano, Mario Sironi, Sissi, Ettore Spalletti, Grazia Toderi, Franco Vaccari, Emilio Vedova, Gilberto Zorio; (al MAMbo) Irma Blank, Alighiero Boetti, Francesco Candeloro, Elisabetta Di Maggio, Chiara Dynys, Tano Festa, Pietro Fortuna, Chiara Fumai, Sergio Limonta, Nicola Melinelli, Aldo Mondino, Maria Morganti, Gioberto Noro, Luca Vitone.

Un grande progetto espositivo che vuole restituire la storia dell’arte del nostro Paese nel momento in cui l’arte italiana domina i mercati internazionali. La mostra che sarà realizzata in Pinacoteca celebra i 40 anni di Arte Fiera con una rassegna che, sia pure in estrema sintesi, allinea i maggiori esponenti di quattro decenni di produzione artistica nel nostro Paese da Arte Fiera puntualmente documentata nel corso delle sue edizioni.

Da Bologna è passata tutta l’arte italiana, dal Novecento fino ad oggi, coniugata al suo meglio; il pubblico di Arte Fiera ha potuto verificare anno per anno le tendenze, la loro tenuta, il loro riconoscimento, graduale e costante, in Italia e fuori, l’imporsi di quelli che sono stati col tempo riconosciuti come i protagonisti delle varie stagioni creative.

Questa mostra è il risultato di un lavoro di consultazione oggettiva fra i documenti di Arte Fiera svolto per individuare le presenze più assidue, gli artisti più spesso esposti e per conseguenza anche quelli di maggior successo sul piano delle vendite. Ed è qui che entrano in gioco Gallerie e la prepotente forza del collezionismo privato che, in Italia, è reticolare, insospettabile, invisibile ma efficace e consistente. E soprattutto particolarmente diffuso.

Quello stesso collezionismo che si è - per forza e necessità - sostituito al sistema dei musei e delle istituzioni pubbliche in generale. La mostre intende proporre uno spaccato dell’arte italiana filtrato dal punto di vista del mercato, sapendo bene che il successo economico è uno dei parametri che decretano l’importanza di un’opera d’arte e il ruolo di un artista.

«Ci siamo posti il compito di rispettare l’oggettività degli eventi – dicono i direttori artistici di Arte Fiera Giorgio Verzotti e Claudio Spadoni – unendo nel nostro ruolo di curatori l’esperienza che proviene dalle attività legate all’organizzazione della fiera, e quella della critica militane e del “curatorship” museale».

Il periodo storico preso in esame va dagli anni di Morandi e arriva ai Duemila. Una rassegna di maestri, quindi, di capiscuola o di grandi solitari che arriva alle soglie della contemporaneità. «È d’obbligo un’avvertenza: avvicinandoci all’oggi diventa ovviamente più difficile parlare di maestri, se mai di artisti di riconosciuta qualità che possiamo immaginare diventino i protagonisti del futuro prossimo, ed è in vista di ciò che sono presenti in mostra» aggiungono i curatori.

Proprio per offrire uno sguardo rivolto al futuro, tutte le Gallerie ammesse a questa edizione di Arte Fiera sono state invitate a esporre opere di artisti “Under 40”. Un comitato, formato da curatori e direttori di grandi istituzioni museali e artistiche internazionali, durante la Fiera sceglierà i migliori, le cui opere saranno poi portate in Pinacoteca per affiancare i grandi Maestri. Il comitato sarà composto da Francesco Bonami (curatore), Luca Lo Pinto (curatore Kunsthalle di Vienna), Laura Carlini Fanfogna (direttrice Istituzione Bologna Musei), Giacinto Di Pietrantonio (direttore GAMEC di Bergamo), Hou Hanru (direttore MAXXI di Roma), Andrea Bellini (Direttore Centro d’Arte Contemporanea di Ginevra), Alberto Salvadori (direttore del Museo Marino Marini).

La sezione presente al MAMbo - Museo d’Arte Moderna di Bologna offre invece al grande pubblico una selezione di opere acquisite da BolognaFiere nelle diverse edizioni della Fiera. In questi quarant’anni Arte Fiera si è fatta promotrice della conoscenza e della diffusione dell’arte moderna e contemporanea, italiana ed internazionale. Un tipo di attenzione che si è concretizzata direttamente tramite le acquisizioni che Arte Fiera ha compiuto nel corso delle sue edizioni, fino a costituire una Collezione.

Una selezione che, seppur limitata a maestri italiani indiscussi dei nostri anni Settanta, sarà in mostra affiancata a opere di artisti che hanno cominciato a operare negli anni Novanta e che sono ormai molto noti anche fuori dal nostro Paese. Insieme a loro, esponenti delle nuove generazioni, a ribadire la grande importanza che Arte Fiera ha sempre dedicato alla promozione della ricerca e della sperimentazione, anche dei più giovani. Il progetto nella sua completezza intende raccontare i 40 anni passati della manifestazione offrendo una visione sui 40 futuri.

Le opere e il lascito di Arte Fiera esposti nella mostra saranno raccolte in un prestigioso volume edito da Corraini che grazie ad autorevoli firme racconterà l’evoluzione dell’arte contemporanea italiana, dei collezionisti e dei galleristi, e degli artisti che hanno fatto assieme la storia di Arte Fiera.