Matera educational. Quando i giovani parlano ai loro coetanei

Ecco quali sono i progetti sviluppati nel quadro protocollo d’intesa siglato fra il MIUR – Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e la Fondazione Matera Basilicata 2019

Il MIUR – Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha siglato un protocollo d’intesa con la Fondazione Matera Basilicata 2019. Obiettivo: coinvolgere le scuole nelle iniziative organizzate dalla Capitale Europea della Cultura, ma al tempo stesso rivolgere i valori della candidatura al proprio territorio di provenienza. È nato così, fra gli altri, il progetto Dalle scuole per le scuole, volto a immaginare percorsi culturali intorno a cinque aree tematiche: archeologia e civiltà classica, natura e sport, tecnologia e scienza, enogastronomia ed economia del territorio, storia e letteratura. D’altro canto, le scuole lucane hanno ideato ventitré percorsi per le scuole del restante territorio italiano.
Il settore education di Matera 2019 sta sviluppando inoltre un programma ad alta e diretta partecipazione con gli studenti: si chiama Blogsters2019 e si compone principalmente di brevi video pubblicati sul canale YouTube di Matera 2019. Fra le categorie in cui sono suddivise queste piccole autoproduzioni, Percorsi, Storie, Future digs, Fatti. Ancora più interessante l’indagine compiuta dagli adolescenti per gli adolescenti intitolata Qual è la tua idea di #openfuture, e il ciclo Chiacchiere d’oltreconfine, interviste collettive con personaggi quali Vinicio Capossela, Paolo Giordano, Eraldo Affinati e Gué Pequeno. Mai come qui vale il detto: stay tuned!

– Marco Enrico Giacomelli

education.matera-basilicata2019.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Augé, Bourriaud, Deleuze, Groys e Revel. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Nel 2018 ha curato la X edizione della Via del Sale in dieci paesi dell'Alta Langa e della Val Bormida. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV e Ca' Foscari di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna Critical Writing alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.