La noia indotta da mesi e mesi di isolamenti per la pandemia è stata sinora alla base di infiniti atti artistici, in Italia e nel mondo. Ma molti di questi, diciamolo, sono risultati altrettanto noiosi. Questo no.

Lucrezia Viperina (Roma, 1996) è il nome – un po’ “d’arte” e un po’ no – di una giovane intraprendente produttrice d’immagini (“artista” è un termine che ormai ci sta venendo un po’ a noia, appunto) che si muove perlopiù tra Roma e Milano. Uscita da poco dallo IED, ha già inanellato collaborazioni creative in numerose direzioni, specialmente con utilizzi pubblicitari o variamente promozionali.
Si può andare a cercarla tra Laboutik a Londra, l’outlet Fidenza Village, l’EP Anime Music for Hentai Moments del rapper Mauro Bizzie, la collezione di moda Always Pose, e via così. Citiamo qualche esempio, perché davvero vale la pena di impegnarsi nella caccia al tesoro. Vale la pena, perché il design di Lucrezia Viperina è esplosivamente innovativo, che bellezza!, diverso da tutto. Infine qualcuno che crea davvero, che non si adagia sul facile, sul già visto, sul prevedibile. Qui c’è fantasia autonoma: tutta ciccia, che quasi non ci si spera più.

Lucrezia Viperina, Anime Music
Lucrezia Viperina, Anime Music

IL FUTURISMO ANTERIORE DI LUCREZIA VIPERINA

Si scopre, grazie a lei, una inedita coniugazione del post-cubismo, in resa non banalmente rettilinea ma anche molto curvilinea. Le sue forme si contorcono in ordinatissimo caos, copulando tra loro ma staccandosi decise le une dalle altre grazie a un senso acceso del colore. E, talvolta stese piatte e talvolta suggerite in proiezioni ortogonali, riescono a mescolare illusoriamente 2D e 3D con effetti stordenti. Se geometrie sono, e lo sono, si direbbero non euclidee.
È un design assolutamente contemporaneo, che in passato si sarebbe potuto dire futurista e che al presente si potrebbe definire futurista anteriore. Di sicuro, è una visione decisa, non molle né apatica. Che – è questo il bello – è cresciuta e si è definita nitidamente proprio durante (grazie a?) il lungo periodo molle e apatico del lockdown. Tutto tempo per maturare.

Lucrezia Viperina, Sicilia Food Porn
Lucrezia Viperina, Sicilia Food Porn

VIPERINA E LE CARNI ANNOIATE

Lo conferma un singolare prodotto di Lucrezia Viperina incoraggiato e dato alle stampe (signorilmente serigrafiche) dalla premiata bottega delle maceratesi Strane Dizioni. Bored Meats si presenta con l’inchino come una variopinta fisarmonica: 10 solide pagine continue in “leporello” stampato con sei passaggi di colore e in tiratura limitata. Oggettino preziosino. Dove le carni annoiate bored meats non sono bored fleshes, perché stanno lì immobili, poco vive, come su un bancone refrigerato di reparto macelleria, in stolida attesa che succeda qualcosa.
Nella sua infinita quarantena, la nostra Viperina ha vissuto tutto ciò sulla propria pelle, anzi nella propria carne: “Inizialmente a casa, un silenzio piuttosto pesante, spinoso. (…) Un altro giorno a casa: mi tolgo i vestiti, ho caldo. (…) Un altro giorno a casa: ho mangiato troppo. (…) Un altro giorno a casa: centro estetico fai da te. (…) Un altro giorno a casa: e comunque sono indietro. (…)”. È così che, con volontà risoluta di riscatto dal piattume, la ragazza si sveglia, si erge e si ridisegna muovendosi dalla monotonia alla salvifica pluritonia: con scelti colori acidi, buon peso di autoironia e senso mirabilmente oltraggioso della composizione. Per una volta, diciamolo: grazie, lockdown! (Scusate, non stiamo esagerando.)

– Ferruccio Giromini

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ferruccio Giromini
Ferruccio Giromini (Genova 1954) è giornalista dal 1978. Critico e storico dell'immagine, ha esercitato attività di fotografo, illustratore, sceneggiatore, regista televisivo. Ha esposto sue opere in varie mostre e nel 1980 per la Biennale di Venezia. Consulente editoriale, ha diretto collane di libri, cd-rom, video, periodici per numerosi editori. Dal 1979 tiene docenze per istituzioni pubbliche e private, tra cui dal 1984 per il Politecnico G. Byron di Genova, dal 1988 per l'Istituto Europeo di Design di Milano e dal 2020 per l'Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova. Finora ha curato e presentato oltre cinquecento esposizioni e manifestazioni su illustrazione, fumetto, fotografia, cinema d’animazione, arti visive contemporanee, in Italia e nel mondo, e ha fatto parte di oltre centocinquanta giurie, in molti casi in qualità di Presidente. A partire dal 1982 è stato consulente artistico di varie manifestazioni: il Premio Andersen-Baia delle Favole di Sestri Levante, il Festival Internazionale Comics "Babel" di Atene, il Festival Nuvole parlanti-Fumetto in palcoscenico di Genova, il Mondo Mare Festival in Liguria. Per alcuni anni ha condiviso la direzione della mostra internazionale di cinema d'animazione Cartoombria di Perugia. Dal 2007 è direttore artistico del Premio "Sergio Fedriani" di Genova; ha ideato e diretto in Liguria il Festival Fantastiche Terre di Portofino e a Camogli il Premio Skiaffino e la manifestazione Il Porto delle Storie. I suoi ultimi libri: “Res Pubica-De Occulta Lanugine” (Prisma Studio), “Très” (a2mani), “L’amo, la lettura” (Il Canneto).