Da Genova ai Mari del Sud. A Palazzo Ducale in mostra Hugo Pratt e il suo Corto Maltese

“Hugo Pratt da Genova ai Mari del Sud” è il titolo della mostra che, dal 15 ottobre 2021 al 20 marzo 2022, ripercorre le storie più celebri di Corto Maltese, l’avventuriero marinaio nato dalla mente creativa del fumettista italiano

Forse non tutti sanno che Corto Maltese – il celebre eroe dei mari nato dalla mente creativa di uno dei maestri indiscussi del fumetto italiano, Hugo Pratt (Rimini, 1927 – Losanna, 1995) – è “originario” di Genova. La prima storia dell’avventuriero marinaio – Una ballata del mare salato, cult indiscusso per gli appassionati del genere – è stata infatti pubblicata nel 1967 sul primo numero di Sgt. Kirk, rivista a fumetti edita dal genovese Fiorenzo Ivaldi. Per celebrare questo speciale legame tra il capoluogo ligure e Corto Maltese, Palazzo Ducale inaugurerà, il prossimo 15 ottobre, Hugo Pratt da Genova ai Mari del Sud, mostra che attraverso 200 opere originali tra tavole e acquerelli ripercorre le tappe dell’universo di Pratt. Ribelli, indipendentisti, indiani, donne volitive, i boschi e le praterie di Wheeling e Ticonderoga, l’Africa de Gli Scorpioni del deserto, In un cielo lontano ed Etiopiche: l’esposizione è un viaggio per immagini in cui sarà possibile avventurarsi fino al 20 marzo 2022. Ecco intanto alcune delle opere in mostra.

– Desirée Maida

Genova // dal 15 ottobre 2021 al 20 marzo 2022
Hugo Pratt da Genova ai Mari del Sud
Palazzo Ducale
Piazza Matteotti 9
https://palazzoducale.genova.it/
 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.