Morto il fumettista danese Kurt Westergaard, autore di vignette satiriche su Maometto

l fumettista era noto per aver disegnato, nel 2005, una vignetta rappresentante Maometto con un turbante a forma di bomba. Il disegno scatenò proteste a Copenaghen e in molti paesi musulmani, gettando la Danimarca in una grave crisi diplomatica internazionale

Kurt Westergaard

È morto a 86 anni Kurt Westergaard, fumettista danese noto per aver disegnato, nel 2005, una caricatura del profeta Maometto che ha scatenato proteste e atti di violenza in Danimarca e in diversi paesi islamici, oltre ad aver costretto l’artista, fino alla sua morte, a vivere sotto la protezione di guardie del corpo e in indirizzi segreti. Come annunciato dalla famiglia ai media, Westergaard è morto nel sonno, dopo una lunga malattia.

KURT WESTERGAARD E I FUMETTI SU MAOMETTO

Nato nel 1935 nel villaggio di Døstrup, nell’area del Mariagerfjord nello Jutland, Westergaard ha lavorato per anni come insegnante per poi approdare, agli inizi degli anni Ottanta, alla redazione di Jyllands-Posten – tra i principali quotidiani danesi – come fumettista. Nel 2005, un suo fumetto su Maometto, rappresentato con un turbante a forma di bomba, scatenò manifestazioni a Copenaghen e proteste da parte degli ambasciatori musulmani in Danimarca, e poi una serie di rivolte – anche molto violente – in numerosi paesi islamici, gettando il paese europeo in una profonda crisi politica internazionale. Lo stesso Westergaard è stato vittima di questa temperie: nel 2010 la polizia danese ha arrestato un somalo armato di coltello che aveva tentato di introdursi a casa sua per ucciderlo. Una climax di violenze, quella legata alla satira occidentale sull’islam, che ha portato nel 2015 all’attentato, a Parigi, alla redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo che, nel 2012, aveva ristampato le vignette pubblicate su Jyllands-Posten.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.