Un romanzo illustrato su Hokusai. Intervista all’autrice

Mariapaola Pesce, in arte Mapi, è scrittrice, formatrice, coach. A giugno è uscito “Il grande viaggio di Naoki”, edito in Italia da Jaca Book. Il romanzo è illustrato da quindici stampe di Hokusai accompagnate dai disegni di Bruno Pilorget.

Mariapaola Pesce aka Mapi & Bruno Pilorget – Il grande viaggio di Naoki (Jaca Book, Milano 2019)
Mariapaola Pesce aka Mapi & Bruno Pilorget – Il grande viaggio di Naoki (Jaca Book, Milano 2019)

La particolarità del libro è sicuramente lo sviluppo di una trama a partire da opere non pensate in origine per avere una continuità narrativa. Com’è nata l’idea di questo progetto editoriale?
In realtà l’idea è nata in maniera piuttosto fortuita. Nel dicembre del 2016 ho visitato la mostra di Hokusai, Hiroshige e Utamaro mentre mi trovavo a Milano. Guardando la sezione delle cascate, ho avuto la sensazione che mi stessero raccontando qualche cosa, come se custodissero un segreto che avevano deciso di rivelare a qualcuno, e io fossi al posto giusto nel momento giusto. Ne ho parlato con Davide Calì, autore di libri per ragazzi, fumetti e art director dell’agenzia Book on a Tree. Il progetto gli è piaciuto, e così è iniziata l’avventura. Ci ho lavorato sopra l’estate successiva, e di giorno in giorno sono venute fuori storie, personaggi, percorsi e antiche leggende, come quella dell’uomo mutato in cascata per la troppa avidità.

Cosa ti ha spinto verso la scelta del grande maestro giapponese?
Hokusai era un autore unico: un innovatore e allo stesso tempo amante della tradizione. Aveva il coraggio di osare. Non ha mai smesso di studiare, per perfezionarsi, cosa che per un artista secondo me è essenziale. I suoi carnet di studi sono ancora meglio di alcune sue tavole, e mi dispiace che conosciamo spesso solo quelle che sono finite stampate su lenzuola e salviette da cucina!

Il libro è ricco di riferimenti alla tradizione giapponese, a partire dai nomi dei protagonisti. Come si è svolto il lavoro di ricerca?
All’inizio mi sono lasciata travolgere dalla voglia di conoscere: ogni spunto ne apriva altri cento, vagavo da una pagina all’altra in rete, con una specie di bramosia senza criterio. Poi, per fortuna, è subentrata un po’ di razionalità, qualche consiglio opportuno, la storia ha cominciato a delinearsi e ho iniziato a concentrami su quello che davvero mi serviva, per esempio la geografia del Giappone, il clima per far seguire al protagonista Koichi un percorso sensato, e la biografia di Hokusai per poter disseminare il racconto di riferimenti a lui e alla sua vita.

Mariapaola Pesce aka Mapi & Bruno Pilorget – Il grande viaggio di Naoki (Jaca Book, Milano 2019). Copertina
Mariapaola Pesce aka Mapi & Bruno Pilorget – Il grande viaggio di Naoki (Jaca Book, Milano 2019). Copertina

Credi che il libro possa o debba avere una funzione anche didattica?
Io ci ho messo dentro alcun spunti su cui credo si possa riflettere: il coraggio, la magnanimità, la possibilità di ignorare vincoli gerarchici ed essere chi si vuole. Non vorrei che venisse calato come un “manuale”, ma proposto come un gioco di scoperta di sé. In realtà sto lavorando proprio sulla creazione di un gioco da fare con i personaggi, e su un laboratorio che parte dall’idea del Carnet de voyage!

Tu sei un’autrice di albi illustrati, principalmente per bambini e ragazzi. Che ruolo pensi possa avere l’arte all’interno di questo settore editoriale?
Ti racconto un episodio: pochi giorni fa ero a un piccolo festival che ho organizzato in montagna, e seguivo il laboratorio di disegno che teneva una bravissima illustratrice. Erano presenti i bambini e – come spesso accade – i genitori. Una mamma, innamorata di suo figlio, lo ha corretto per tutto il tempo, perché colorasse nei bordi del disegno, perché cancellasse uno sbaffo di matita. Io, nei panni del piccolino, avrei smesso di disegnare. Anzi, l’ho già fatto: non disegno perché non mi piace quello che disegno perché mi hanno sempre corretto. L’arte è tanto di più: è seguire percorsi non tracciati, ascoltare la propria voce, dare legittimità alla propria creatività. Questo è il messaggio che secondo me può uscire dai libri che parlano d’arte: segui la tua via, per strana che possa sembrare, perché il disegno finale appartiene a te!

‒ Daniele Movarelli

Mariapaola Pesce aka Mapi & Bruno Pilorget – Il grande viaggio di Naoki
Jaca Book, Milano 2019
Pagg. 96, € 15
ISBN 9788816574656
www.jacabook.it

Dati correlati
AutoreKatsushika Hokusai
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Daniele Movarelli
Daniele Movarelli è nato a Roma nel 1980. Creativo pubblicitario, ha contributo alla nascita del guerriglia marketing in Italia ed è autore di albi illustrati e prime letture. Ha pubblicato articoli su Random e Wired, sciarade su Atlas Magazine, racconti su Lahar Magazine e Medium. Per bambini e ragazzi sono usciti "Quellilà" (EDT 2017), "Il Signor Fortunato" (EDT 2018), "SuperCarlo" (Eli La Spiga 2018), "Troppo elefante" (Eli La Spiga 2018), "008 Missione Vacanze" (Biancoenero edizioni 2019).