Fumetti. Il gatto più psichedelico di tutti i tempi

Lo stupefacente felino Frank torna in libreria in un libro freschissimo di stampa e di idee: “Il congresso degli animali” di Jim Woodring, definito a perfezione da Francis Ford Coppola “un’opera così strana che faccio quasi fatica a descriverla. Senza parole, senza tempo, senza luogo, piena di personaggi ed esperienze senza precedenti, esiste solo nella sua bizzarra realtà”.

Jim Woodring, Il congresso degli animali (Coconino Press, 2017)
Jim Woodring, Il congresso degli animali (Coconino Press, 2017)

Ancora troppo poco conosciuto in Italia, invece oltreatlantico il californiano Jim Woodring (Los Angeles 1952) è un mito contemporaneo. Non è un nome da grande pubblico generalista, ma entusiasma incondizionatamente i critici e soprattutto i colleghi fumettisti. Qualche esempio? Scott McCloud lo definisce senza mezzi termini “probabilmente l’autore di comics più importante della sua generazione”. Di Frank, il suo personaggio principale, gattone essenziale da cartoon un po’ Mickey Mouse e un po’ Felix the Cat, Neil Gaiman dice: “Frank ti porterà in un altro mondo, ti riorganizzerà la coscienza e riprogrammerà quel che hai nella testa. È più economico della realtà virtuale, meno rischioso dei farmaci ricreativi e più divertente che prendere sonno”. E Daniel Clowes, parlando di questo libro in particolare, si sbilancia così: “Senza la minima ombra di iperbole, è un’opera di genio vero da parte di uno dei più grandi autori di tutti i tempi”.

Jim Woodring, Il congresso degli animali
Jim Woodring, Il congresso degli animali

CHI È JIM WOODRING

Hanno ragione tutti. Woodring è un perfetto campione della visionaria controcultura East Coast. Ha cominciato già da bambino a convivere con le allucinazioni, che lui definiva “apparizioni”; e che inevitabilmente avrebbero influenzato in modo pesante anche il suo lavoro futuro. Nel 1979, uscendo da un periodo di alcolismo e sbandamento, ha cominciato a lavorare come storyboarder in uno studio di animazione e nel contempo a dar via all’autoproduzione di una sua antologia personale di comics, illustrazioni oniriche e scrittura libera, l’“autojournal” Jim. Adocchiato dalla Fantagraphics nel 1986 ed entrato così nel giro dell’editoria professionale, ha cominciato a crearsi un pubblico di adepti sempre più devoti, fino a diventare il nome cult che ormai internazionalmente è.
La sua opera grafica, rigorosamente muta, di solito in bianco e nero ma a volte colorata in spettacolari modi sgargianti, è sempre e comunque riconoscibile. I suoi personaggi, tra cui il ritornante gatto Frank, hanno fattezze vagamente antropomorfe ma sono spesso creature polimorfe d’invenzione, in bilico tra attrazione e repulsione, tra Ub Iwerks e Hieronymus Bosch. Le ambientazioni sono sempre immerse in una sorta di realtà parallela, lussureggiante di flora e fauna fantasiosamente difformi, in gran parte bucolica ma anche disseminata di edifici e templi eretti in uno stile orientale un po’ islamico e un po’ induista, tra i quali i personaggi vagano facendo di continuo strani incontri, talvolta gradevoli ma molto più sovente spaventosi e pericolosi. L’effetto ricorrente è quello di un sogno misterioso, parte comprensibile e parte oscuro, nella cui realtà sospesa, ma brulicante di situazioni concatenate, il lettore/spettatore rimane catturato e mesmerizzato. Vere esperienze psichedeliche, coinvolgenti e piuttosto emozionanti.

Jim Woodring, Il congresso degli animali
Jim Woodring, Il congresso degli animali

CHIAMATELO PURE CAPOLAVORO

Pure Il congresso degli animali, suo secondo romanzo grafico lungo, uscito in origine nel 2011, non esce da tali (illimitati, in realtà) confini. Anche qui la linea narrativa è un vagabondaggio sorprendente in una landa bizzarra, generosa di incontri inaspettati. La vaghezza della situazione è controbilanciata, come di consueto, da un disegno strepitosamente accurato e nitido, che si basa su un uso del tutto originale del tratteggio ondulato.
Per la verità, nel singolare universo di Woodring in pratica tutto è curvilineo; rarissime sono le linee rette, pochissimi gli oggetti dotati di spigoli. Eppure al di sotto di tale realtà fenomenica si percepisce una geometria precisa al massimo: una simmetria naturale, fin cosmica, quasi terrificante. L’impressione, stranissima e straniante, è quella di un mondo Art Déco contraddittoriamente morbido e barocco; oltreché, certo, di un cartone animato dolcemente morboso – rinforzando la convinzione, d’accordo con gli autorevoli suoi colleghi di cui sopra, di trovarsi per una volta al cospetto di un deviante, perverso, meraviglioso (si potrà dire?) capolavoro.

– Ferruccio Giromini

Jim Woodring – Il congresso degli animali
Coconino Press/Fandango, Roma 2017
Pagg. 112, € 16
ISBN 9788876183577
fandangoeditore.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ferruccio Giromini
Ferruccio Giromini (Genova 1954) è giornalista dal 1978. Critico e storico dell'immagine, ha esercitato attività di fotografo, illustratore, sceneggiatore, regista televisivo. Ha esposto sue opere in varie mostre e nel 1980 per la Biennale di Venezia. Consulente editoriale, ha diretto collane di libri, cd-rom, video, periodici per numerosi editori. Dal 1979 tiene docenze per istituzioni pubbliche e private, tra cui dal 1984 per il Politecnico G. Byron di Genova, dal 1988 per l'Istituto Europeo di Design di Milano e dal 2020 per l'Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova. Finora ha curato e presentato oltre cinquecento esposizioni e manifestazioni su illustrazione, fumetto, fotografia, cinema d’animazione, arti visive contemporanee, in Italia e nel mondo, e ha fatto parte di oltre centocinquanta giurie, in molti casi in qualità di Presidente. A partire dal 1982 è stato consulente artistico di varie manifestazioni: il Premio Andersen-Baia delle Favole di Sestri Levante, il Festival Internazionale Comics "Babel" di Atene, il Festival Nuvole parlanti-Fumetto in palcoscenico di Genova, il Mondo Mare Festival in Liguria. Per alcuni anni ha condiviso la direzione della mostra internazionale di cinema d'animazione Cartoombria di Perugia. Dal 2007 è direttore artistico del Premio "Sergio Fedriani" di Genova; ha ideato e diretto in Liguria il Festival Fantastiche Terre di Portofino e a Camogli il Premio Skiaffino e la manifestazione Il Porto delle Storie. I suoi ultimi libri: “Res Pubica-De Occulta Lanugine” (Prisma Studio), “Très” (a2mani), “L’amo, la lettura” (Il Canneto).