Sì, viaggiare… 4 libri per muoversi, non solo fisicamente

L’estate è tempo di viaggi più o meno lunghi e più o meno avventurosi. Qui vi diamo 4 consigli: un viaggio più prossimale, uno piuttosto distante, uno in un mondo particolare e l’altro spirituale (e volendo anche fisico). Intanto preparate lo zaino.

1. VIAGGIO IN ARMENIA

Christian Oxenius – A Contemporary Art Experience (Skira)

Nel 2017 si è svolta la prima Triennale d’arte contemporanea armena, curata da Adelina von Fürstenberg. Insieme al catalogo è stato pubblicato questo racconto – fra letteratura di viaggio e critica d’arte – di Christian Oxenius, degno omaggio al Monte Analogo di René Daumal, a cui era dedicata la rassegna. Le mostre non ci sono più, ma l’Armenia resta là e una visita la merita, eccome.

Christian Oxenius – A Contemporary Art Experience
Skira, Milano 2018
Pagg. 80 – € 15
www.skira.net

2. VIAGGIO AL MERCATO

Max Haiven – Art after Money, Money after Art (Pluto Press)

Il problema dell’arte (il problema in generale, a dire il vero) non è tanto l’economia capitalistica ma la finanziarizzazione che è venuta dopo. Occorre dunque salvare l’arte? No, secondo Max Haiven: occorre invece abolire sia il denaro sia l’arte. Accelerazionisti, scansatevi. (È vero, non è un viaggio classicamente inteso, ma l’ipotesi porterebbe molto lontano!)

Max Haiven – Art after Money, Money after Art
Pluto Press, Londra 2018
Pagg. 288 – £ 19,99
www.plutobooks.com

3. VIAGGIO NEL MEDITERRANEO

Marco Trulli (a cura di) – La Ville Ouverte

È attivo dal 2011 il progetto La Ville Ouverte, realizzato in partnership con la BJCEM – Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo. Qui si racconta un tratto di strada percorso dal 2014 al 2017. Con tanti progetti dalla spiccata sensibilità politica e saggi di autori come il “nostro” Christian Caliandro. Sappiamo tutti, o quasi, quanto ce ne sia bisogno.

Marco Trulli (a cura di) – La Ville Ouverte
Viaindustrae, Foligno 2018
Pagg. 112 – € 12
www.publishing.viaindustriae.it

4. VIAGGIO DENTRO L’ANIMA

Andrea Dall’Asta – Dio chiama con arte (Àncora)

Immaginatevi qualcuno che, al cospetto dell’Annunciata di Antonello da Messina, inizi a pregare. Penseremmo a una forma di feticismo, e però Andrea Dall’Asta ribalta la questione: quelle sono infatti opere sacre. Così propone sedici “contemplazioni”, con tanti Caravaggio ma pure un Claudio Parmiggiani.

Andrea Dall’Asta – Dio chiama con arte
Àncora, Milano 2019
Pagg. 160 – € 19
www.ancoralibri.it

Marco Enrico Giacomelli

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #47

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Augé, Bourriaud, Deleuze, Groys e Revel. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Nel 2018 ha curato la X edizione della Via del Sale in dieci paesi dell'Alta Langa e della Val Bormida. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV e Ca' Foscari di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna Critical Writing alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.