David Hockney firma la copertina di agosto di British Vogue con un paesaggio dell’East Yorkshire

Al celebre pittore inglese è stata commissionata, insieme ad altri 13 artisti, la cover del mese di agosto di British Vogue con opere che hanno come soggetto la natura. Le stampe originali delle copertine andranno all’asta per beneficenza

La cover di David Hockney per British Vogue - immagine via www.vogue.co.uk (dettaglio)
La cover di David Hockney per British Vogue - immagine via www.vogue.co.uk (dettaglio)

È Wheat Field Near Fridaythorpe di David Hockney (Bradford, 1937) l’opera rappresentata su una delle 14 copertine del numero di agosto di British Vogue, un dipinto a olio realizzato nel 2006 che rappresenta uno scorcio dell’East Yorkshire in Inghilterra. La cover d’artista rientra nel progetto ideato dal caporedattore della rivista Edward Enninful, che ha commissionato a 14 artisti britannici cover speciali pensate per il periodico, tutte accomunate dal tema “Reset”: British Vogue invita così i suoi lettori a fare una pausa e a guardare la natura con altri occhi, anche grazie alle 14 copertine d’artista: oltre a Hockney, ad aver firmato le cover con dipinti e fotografie sono Nadine Ijewere, Tim Walker, Nick Knight, Lubaina Himid, Mert Alas, David Sims, Marcus Piggott, Jamie Hawkesworth, Juergen Teller, Alasdair McLellan, Martin Parr, David Bailey e Craig McDean.

La cover di David Hockney per British Vogue - immagine via www.vogue.co.uk
La cover di David Hockney per British Vogue – immagine via www.vogue.co.uk

LA COVER DI DAVID HOCKNEY PER BRITISH VOGUE

“Questo dipinto ad olio rappresenta villaggio di Kilham in primavera inoltrata”, dice David Hockney di Wheat Field Near Fridaythorpe su British Vogue. “Ora sono in Normandia, un paradiso per me. Ho realizzato 120 dipinti per iPad del nostro ampio giardino: è come avere sempre a disposizione attrezzature per disegnare e dipingere, e non è necessario ripulirle. L’altra sera mi sono alzato per fare pipì intorno alle 4 del mattino e ho visto la luna piena più grande e più luminosa degli ultimi tempi. Ne sono rimasto elettrizzato e l’ho ‘registrata’ sull’iPad. La fotografia è inutile per queste cose, allontana tutto, compresa la luna”. Il dipinto sulla copertina di Vogue rappresenta un campo di grano dai colori accesi, e rientra nella celebre serie di paesaggi dell’East Yorkshire che l’artista ha realizzato nel 2006. L’iniziativa promossa da British Vogue non vuole essere soltanto un invito a ri-osservare il paesaggio nell’era della pandemia: scopo del progetto è la vendita all’asta delle stampe originali delle cover per aiutare le organizzazioni benefiche impegnate nella lotta al Covid-19.

– Desirée Maida

www.vogue.co.uk

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.