Coronavirus, a New York chiude il Met. Due impiegati avrebbero accusato sintomi influenzali

Il museo newyorchese ha deciso di chiudere le tre sedi dislocate in città, dopo che due dipendenti hanno accusano sintomi influenzali. Tra un mese, il Met dovrebbe inaugurare il programma di eventi per festeggiare il 150esimo anniversario dalla nascita…

Met, New York
Met, New York

Il Coronavirus, dopo aver colpito fiere, biennali, istituzioni culturali asiatiche ed europee costringendole ad annullamenti e rinvii di eventi e chiusure, inizia a mettere in ginocchio anche il sistema museale statunitense. Il primo grande museo americano che ha deciso di chiudere al pubblico è il Metropolitan Museum of Art di New York, che da venerdì 13 marzo chiuderà tutte e tre le sue sedi: The Met Fifth Avenue, The Met Breuer e The Met Cloisters. Fino ad ora, in tutto lo stato di New York sono stati accertati oltre 200 casi di Coronavirus, e secondo il New York Times, due impiegati del Met avrebbero accusato sintomi riconducibili a quelli influenzali.

CORONAVIRUS. CHIUDE IL MET DI NEW YORK

“La priorità del Met è proteggere e supportare il nostro personale, i volontari e i visitatori e abbiamo adottato diverse misure precauzionali proattive, tra cui scoraggiare i viaggi verso le aree colpite, implementando rigorose procedure di pulizia e una stretta comunicazione con i funzionari sanitari di New York City e i Centri per il controllo delle malattie”, ha dichiarato in una nota stampa Daniel H. Weiss, Presidente del Met. “Anche se non abbiamo casi confermati collegati al Museo, pensiamo che dobbiamo fare tutto il possibile per garantire un ambiente sicuro e salutare per la nostra comunità, che in questo momento ci chiama a ridurre le riunioni mantenendo l’ambiente il più pulito possibile. Non vediamo l’ora di annunciare presto quando saremo in grado di dare il benvenuto al nostro personale e ai visitatori al Museo”. Al momento, quindi, non è stata comunicata alcuna data di riapertura. Per i propri impiegati, il Met ha messo in atto procedure che consentiranno il lavoro da casa.

I 150 DEL MET. ANNIVERSARIO A RISCHIO?

La chiusura del museo arriva quasi alla vigilia di una data importante: il prossimo 13 aprile infatti il Met festeggerà il 150esimo anniversario dalla sua nascita, e nel corso dei mesi successivi si susseguiranno eventi, mostre e programmi che ne ripercorreranno la storia e le collezioni, coinvolgendo il vasto pubblico all’interno dell’istituzione e non solo. Tra gli appuntamenti principali sono la mostra Making The Met, 1870–2020 e l’apertura delle British Galleries recentemente rinnovate. Adesso però l’emergenza sanitaria che si sta abbattendo anche sugli USA sta disseminando un clima di incertezza anche nel mondo della cultura e del Met in particolare. Per quanto riguarda il programma di eventi per il 150esimo anniversario dalla nascita, il Museo non ha ancora stabilito se si svolgerà come da programma o meno.

– Desirée Maida

www.metmuseum.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.