Si è svolta dal 25 al 28 gennaio 2021 la Haute Couture a Parigi. L'analisi di Clara Tosi Pamphili
Breve excursus sullo stilista Alessandro Michele, che ha rivoluzionato in pochi anni l’immaginario Gucci, tra manifesti genderless, sperimentazioni artistiche e celebrazione della Generazione Z, verso una nuova narrazione della moda. Una riflessione di Giulia Tonucci in dialogo con Maria Paola Zedda.
È una haute couture che guarda alle dinamiche del presente quella messa a punto da Iris van Herpen con la sua nuova collezione presentata a Parigi. Un dialogo fra tecnologia e natura nel segno della sostenibilità.
Il celebre pittore scozzese Peter Doig ha recentemente firmato la collezione uomo inverno 2021-2022 della Maison francese Dior, sancendo una collaborazione stupefacente. L’intero processo creativo è raccontato in questa breve intervista
376 pagine di immagini esplosive accompagnate da 400 righe di esili testi quasi esclusivamente in inglese. Si presenta così, come l’ennesima monografia celebrativa di un marchio fashion, il volume dedicato al decennale del marchio fondato a Milano da Massimo Giorgetti. Eppure, a suo modo, “MSGM 10!” è coraggioso, perché vede la luce in un momento in cui la comunicazione, nel settore della moda, sembra essersi spostata esclusivamente sul web.
La moda maschile del momento, da Parigi a Milano, fino agli Stati Uniti. Film, collaborazioni tra moda e arte, collezioni e look lanciati da fenomeni involontari.
Parola a Constanza Cavalli Etro, fondatrice del Fashion Film Festival Milano, andato in scena quest’anno in versione digitale.
Lo stilista siciliano ha presentato, in occasione di Milano Moda Uomo, la sua linea menswear “Festa” per l'autunno-inverno 2021/22. Illustrazioni, stampe, richiami al romanzo “Il Gattopardo” e alle tradizioni del Sud Italia, in un’atmosfera modaiola folk e pop, ricordando anche i party della Hollywood sul Tevere
Kean Etro, direttore creativo della linea menswear del brand di famiglia, ha presentato a Milano Moda Uomo la sua personale rivoluzione “phygital”. Tra reale e virtuale, capispalla e blazer diventano robe de chambre, grafismi Mandala e patchwork fluo sfidano il Covid-19.
Dopo due anni di lavori, il Palais Galliera di Parigi ha riaperto al pubblico con un’importante retrospettiva dedicata a Gabrielle Chanel, nel cinquantenario della sua morte. Anche se ora la pandemia ha costretto l’istituzione francese a serrare di nuovo i battenti.
Si tratta ovviamente dell’ultima idea di Alessandro Michele, direttore creativo della celebre maison italiana: un’intera collezione con l’immagine del personaggio dei manga che si alterna al monogramma di Gucci
Il Festival che coniuga cinema e moda quest’anno si svolgerà in modalità digitale, con 200 film in concorso. Ecco come seguire l’evento