Cespiti (VII). Don’t touch me

Due scene romane, fra San Carlo alle Quattro Fontane e la fermata Barberini della metropolitana, a simboleggiare il contrasto fra due civiltà. Che non sono Oriente e Occidente, o Cristianesimo e Islam. Anzi.

Francesco Borromini, San Carlo alle Quattro Fontane, 1634-44 - cupola
Francesco Borromini, San Carlo alle Quattro Fontane, 1634-44 - cupola

…ma io sono un uomo elegante, amico,
e l’eleganza non è altro che memoria.
Norman Mailer, Un sogno americano (1965)

Roma, 9 giugno 2016 (più tardi). La pace di San Carlo alle Quattro Fontane: sistema aperto, organico. La cura e l’accoglienza di questo spazio, della sua concezione e realizzazione – foglie e fiori tutti di specie diverse, sembrano veri – conchiglie, forme naturali – il mondo, vivo e sbiancato, è raccolto qui a gloria di Dio – in una costruzione sapiente – la pietra diventa morbida, mobile, flessibile, dinamica (le curve), vivace – vivida – l’architettura e lo spazio sono antiretorici, fuori dal recinto e dalla gabbia che racchiude normalmente l’espressione artistica e culturale in Italia: “è come se la vita italiana, dall’inizio della sua storia, fosse una lunga e barbarica tavolata, piena di cacciagione o vini pregiati, o anche semplici patate e rape, o ciliegie e altra bella frutta, ma, insomma, natura morta. Una immensa natura morta e niente più. Chissà perché mi vengono in mente queste cose sulla natura esteriore e importante (oh, miseria) degli italiani, in storia, cronaca, vita e letteratura, sulla impossibilità della mente – in questo paese – di fermarsi mai sulla interiorità e invisibilità del reale, e sulla tendenza a combattere continuamente per il possesso di beni sempre esteriori, arroganti e insultanti” (Anna Maria Ortese, Piccolo e segreto).

Ettore Scola, Brutti sporchi e cattivi (1976)
Ettore Scola, Brutti sporchi e cattivi (1976)

Uso della luce, anch’essa morbida; ritmo, armonia; orchestrazione (call-and-response effect; pieno e vuoto).
Contrasto amaro di quella con questa civiltà (: il tipo, pazzo ma perfettamente irreprensibile secondo gli standard odierni, inglese, qualche minuto fa nella metro, alla fermata Barberini, che mi urla: “Don’t touch me!” – e io: “Ma che vuoi, ahò?” -, pensando che io – elegantissimo peraltro, oggi, in abito spezzato e camicia a righe, elegante come questo quasi-vecchio non è certamente mai stato in vita sua, né può mai sperare di essere, con la sua orrida giacca impermeabile celeste – possa volergli, realizzo una frazione di secondo dopo, rubare il portafogli! La follia contemporanea che si annida in questi cervelli bacati, ammuffiti: e si sposta continuamente di lato, di scatto, manco stessi cercando di accoltellarlo o di avvelenarlo, quando l’unico mio desiderio è che questo idiota patentato e sesquipedale semplicemente si sposti e mi lasci uscire in santa pace dalla carrozza, dato che le porte tra un attimo si chiuderanno, e questo continua a dire ad alta voce: “Don’t touch me! Don’t touch me” – “ma chi te tocca” – il massimo dell’incomunicabilità e dell’incomprensione, io incredulo, e anche il massimo del disprezzo e della cattiveria e della cancellazione dell’altro), che contrasto dicevo rispetto all’armonia e alla sapienza che regnano qui dentro, alla lezione di cura per la propria anima e per il proprio intelletto, alla forma-di-vita, possibile, palpabile, e dimenticata, dentro San Carlo.

Leoncillo, Natura morta con bottiglia e polipo (1943) e Giorgio Morandi, Senza titolo (1962), installation view, Hic Sunt Leones, L'Attico, Roma 2015
Leoncillo, Natura morta con bottiglia e polipo (1943) e Giorgio Morandi, Senza titolo (1962), installation view, Hic Sunt Leones, L’Attico, Roma 2015

Taranto, 7 luglio 2016. L’arrivo al porto con il pullman da Mottola. A piedi per la stazione. La magnificenza di questo declino – cogliere la gloria della rovina, della povertà, dell’abbattimento beato (beat), dell’arretramento inconsapevole, della recessione spirituale prima ancora che economica – e coglierla in uno sguardo, istantaneamente, con un’emozione quasi inesprimibile e inarticolabile con le parole – la gloria per esempio di questo palazzone verdastro sulla sinistra nella piazza della stazione – mezzo fascista e mezzo cubano – completamente scrostato e diroccato – verde e beige, immerso nel sole morto – la gloria e la bellezza di questa caduta irredimibile, di questo fallimento, di questa decadenza, di questa vita spettrale in piena luce – di questa notte solare che è Taranto nelle sue parti più scoperte, e ruvide.
Un giorno probabilmente la fisiologia ci spiegherà il meccanismo del pensiero e delle passioni; sapremo come funziona la macchina individuale dell’uomo, come pensa, come ama, come procede dalla ragione alla passione ed alla follia; ma questi fenomeni, queste risposte del meccanismo organico all’influenza dell’ambiente interno non si manifestano all’esterno isolatamente e nel vuoto. L’uomo non è solo ma vive in una società, in un ambiente sociale e perciò per noi romanzieri questo ambiente sociale modifica continuamente i fenomeni. Anche il nostro grande studio ha in ciò il suo centro: nell’azione reciproca della società sull’individuo e dell’individuo sulla società” (Émile Zola, Il romanzo sperimentale, 1880).

Christian Caliandro

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).