Libri e tesori: aspettando Artelibro a Bologna

“Italia: terra di tesori”: questo il tema dell’11esima edizione di Artelibro a Bologna. Il più importante festival che si occupa dell’editoria d’arte propone una costellazione di mostre, conferenze, iniziative che coinvolgeranno la città felsinea per quattro giorni, dal 18 al 21 settembre.

AA.VV., Fotoleggendo ƒ10, Officine Fotografiche 2

Non solo Palazzo di Re Enzo e Palazzo del Podestà. Artelibro invade Bologna, instaura sinergie con tutti gli enti di cultura pubblici e privati, organizza una rete di iniziative che spaziano dal libro antico ai volumi che si possono acquistare oggi in qualsiasi libreria. E soprattutto allarga i propri orizzonti alla storia dell’arte, al suo insegnamento, alla tutela del patrimonio artistico e alla celebrazione di personalità cardine della storia dell’arte, da Michelangelo a Bramante, da Giorgio Morandi a Francesco Arcangeli.
Dopo la lectio magistralis di Andrea Carandini (Italia, tesoro di terre e menti, da ricreare) che aprirà il festival, come ogni anno a farla da padrone sarà la mostra mercato dei librai antiquari: 23 espositori offriranno volumi rarissimi e preziosi destinati a un collezionismo d’alto livello. Ma Artelibro si arricchisce edizione dopo edizione di esposizioni che vogliono indagare l’oggetto libro in tutte le sue caratteristiche, rendendolo protagonista di percorsi trasversali che indugiano sul passato per poi sfociare nell’esibizione delle più recenti sperimentazioni.
Ecco allora – in rapida e sintetica panoramica – che alla Biblioteca dell’Archiginnasio sarà allestita La scrittura splendente. Tesori manoscritti dalle biblioteche italiane, una mostra che darà la possibilità di osservare alcuni tra i massimi capolavori dell’arte libraria: la quattrocentesca Bibbia di Borso d’Este, la Bibbia di Marco Polo e il manoscritto Vita Christi dell’asceta ed esegeta biblico Ludolphus de Saxonia. Attraverso il Settecento della Veduta di Verona di Bernardo Bellotto esposta alla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna si può giungere al Novecento di Alfazeta. Libri d’artista della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze: un volume per ogni lettera dell’alfabeto, selezionati da Sergio Risaliti per una preziosa raccolta che vede esemplari firmati, nell’ordine, da Alberto Burri fino a Ossip Zadkine, passando attraverso Lucio Fontana, Emilio Isgrò, Pablo Picasso ed Andy Warhol.

AA.VV., A-Z 10 Corso Como, Rizzoli
AA.VV., A-Z 10 Corso Como, Rizzoli

Un omaggio ad Andrea Camilleri, e poi Artelibro ripropone Buona la prima! Copertine riuscite giudicate da chi se ne intende, rassegna – che l’anno scorso ha visto uno straordinario e meritato successo – esposta presso la Biblioteca d’Arte e di Storia di San Giorgio in Poggiale delle migliori copertine dell’anno che saranno sottoposte a giudizio di pubblico e critica e premiate domenica, a chiusura del festival.
E ancora la Libreria dell’arte, a cura di librerie.coop; in Sala Borsa Dalla A allo ZOO: due alfabeti, voluta dalle Edizioni Henry Beyle, chepresentano esempi di composizione monotype, matrici tipografiche, linoleum, cliché, prove di stampa su carte artigianali per illustrare la nascita di una nuova, raffinata collana dedicata alle lettere dell’alfabeto.

Tiere (Bilderbücher I) (1925) di Konrad F. von Freyhold (Antiquariat Hans Lindner)
Tiere (Bilderbücher I) (1925) di Konrad F. von Freyhold (Antiquariat Hans Lindner)

Non poteva mancare la partecipazione delle tante gallerie d’arte di Bologna. A loro è dedicata una specifica sezione – Programma Italia. Miti, Archetipi, Nuove Iconografie – che intende costituire un momento di riflessione sull’arte del XX secolo e sul dialogo intercorso tra gli artisti del Novecento e quelli del passato, tra iconografie, miti e archetipi appunto che ritornano in chiave sempre nuova.
Naturalmente non è finita qui: tante altre mostre, lezioni, conferenze, progetti didattici destinati a grandi e piccini, incontri… di tutto, quindi, basta che sia libro!

Marta Santacatterina

Bologna // dal 18 al 21 settembre 2014
Artelibro. Festival del libro e della storia dell’arte. Italia: terra di tesori
SEDI VARIE
051 230385
[email protected]
www.artelibro.it

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Santacatterina
Giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Storia dell'arte – titolo conseguito all'Università degli Studi di Parma con una tesi in Storia dell’arte medievale –, svolge da molti anni la professione di editor freelance per conto di varie case editrici ricoprendo anche, dal 2015 all’inizio del 2018, il ruolo di direttore editoriale del marchio Fermoeditore e della rivista collegata “fermomag”, sulla quale si è dedicata alle rubriche di arte, fotografia e mostre. Scrive per “Artribune” fin dalla nascita della rivista nel 2011, mentre più recenti sono le collaborazioni con il sito “Art&Dossier” – sul quale recensisce progetti allestiti in gallerie private –, con “La casa in ordine”, dove si occupa di designer emergenti e autoprodotti, e con la rivista “Dolcesalato”, su cui propone ai pasticceri suggestioni tratte dall'arte contemporanea. Scrive inoltre testi storico-artistici e sul fumetto per case editrici italiane (Giunti editore, Grafiche Step editrice ecc.) e statunitensi (Fantagraphics Books). Ha partecipato come giurata a concorsi di arte o fotografia e raramente cura delle mostre per artisti che riescono a convincerla grazie alla qualità dei lavori e alla solidità della loro poetica. Per la sede di Parma del Boston College, si occupa inoltre di attività di tutoring sull'arte contemporanea per studenti americani.