Parte a Milano il progetto Parchi Agos Green&Smart. Valorizzazione delle aree verdi urbane (anche)

Nasce il progetto Parchi Agos Green & Smart, un’iniziativa in sintonia con i Goal dell’Agenda 2030 dell’ONU per lo Sviluppo Sostenibile. Protagonista la street art in ottica di riqualificazione delle aree verdi

Parchi Agos Green & Smart, KayOne
Parchi Agos Green & Smart, KayOne

Non sarebbe l’ora di trasformare quelle aree urbane lasciate all’incuria in luoghi confortevoli, funzionali e all’insegna dell’ecosostenibilità, anche attraverso mirate incursioni artistiche? Ci pensa la società finanziaria Agos che ha dato il via al progetto Parchi Agos Green & Smart i cui propositi si allineano con i Goal dell’Agenda 2030 dell’ONU per lo Sviluppo Sostenibile, ponendo particolare attenzione agli obiettivi n. 13 Azione per il Clima e n.11 a favore di Città e Comunità Sostenibili. Un’iniziativa in 4D, con a cuore quattro dimensioni: Green, per diffondere la tutela della natura in città, Smart, in modo da adeguare le aree comuni alle necessità tecnologiche e al richiamo del digitale, Sport come “fattore di salute, benessere e socialità“, Art spingendo l’acceleratore sulle pratiche e le espressioni d’arte urbana, graffiti e street art, per riqualificare il territorio; a queste si potrebbe aggiungere anche una quinta dimensione, quella del Food visto che il tema dell’offerta gastronomica nei nostri parchi urbani è un tema non secondario e su quale c’è tantissimo da migliorare. 

Parchi Agos Green & Smart, KayOne
Parchi Agos Green & Smart, KayOne

PARCHI AGOS GREEN&SMART, UN PROGETTO PER VALORIZZARE LE AREE VERDI 

Parchi Agos Green & Smart è stato voluto da  Agos  -importante società nel credito al consumo partecipata per il 61% dal gruppo Credit Agricole attraverso Credit Agricole Consumer Finance e per il 39% da Banco BPM - per promuovere i concetti di verde pubblico e prossimità, principi-guida di una strategia di sostenibilità che rientra nei focus di progresso in linea espressi da Agos for Good. La società desidera infatti muoversi a favore dell’ambiente, ridurre la propria impronta ecologica, offrire spazi di aggregazione e servizi essenziali che non siano solo utili ma anche esteticamente gradevoli, credendo che la bellezza sia motore di inclusione. Qui subentra l’apporto di murales e street art per contrastare il degrado delle strutture murarie all’interno o prossime ai parchi. Il primo artista coinvolto a Milano è KayOne, che ha trasformato una ex-caldaia mediante un’opera astratta, il processo è avvenuto live attirando la curiosità dei passanti e dei cittadini. KayOne ha iniziato all’età di 15 anni la sua attività come writer e all’incipit degli anni Novanta ha fondato la prima fanzine italiana di graffiti, Tribe Magazine. Il secondo step consisterà nell’organizzazione di workshop rivolti ai dipendenti per favorire “pensiero laterale, creatività, co-creazione e collaborazione interculturale e intergenerazionale in seno alle persone Agos”. 

Parchi Agos Green & Smart, KayOne
Parchi Agos Green & Smart, KayOne

LE MOTIVAZIONI DIETRO PARCHI AGOS GREEN & SMART 

Parchi Agos Green & Smart vuole andare incontro alle situazioni di carenza di aree verdi, il 50% degli italiani residenti in contesti urbani la considera infatti una priorità (GFK 2019). Così dichiara  Jean Marie Malherbe, condirettore generale di Agos: “La raison d’etre del Gruppo Credit Agricole e di Agos è lavorare ogni giorno nell’interesse dei nostri clienti e della società, in una prospettiva ampia che va oltre il business. È anche questo il senso del progetto Parchi Agos Green&Smart: essere vicini alle persone e alle comunità nelle quali operiamo, per contribuire a migliorarne la vita, favorendo la socialità nel rispetto della natura e dell’ambiente”. Per rispondere a queste necessità sociali Agos ha collaborato con Brand For The City ed ha beneficiato del supporto tecnico-scientifico di WWF e di Fondazione Sport City, think tank indipendente di promozione sportiva che opera in collaborazione con CONI ed ANCI. Dopo Milano potrebbe essere la volta di Lucca, dove si ha intenzione di includere nel sistema di rigenerazione del parco un intervento di Street Art. 

-Giorgia Basili 

 

https://parchiagosgreensmart.com   

 

  

 

  

 

Eventi d'arte in corso a Milano

 
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giorgia Basili
Giorgia Basili (Roma, 1992) è laureata in Scienze dei Beni Culturali con una tesi sulla Satira della Pittura di Salvator Rosa, che si snoda su un triplice interesse: letterario, artistico e iconologico. Si è spe-cializzata in Storia dell'Arte alla Sapienza con una tesi di Critica d'arte sul cinema di Pier Paolo Pasolini, letto attraverso la lente warburghiana della Pathosformel. Collabora con diverse riviste di settore prediligendo tematiche quali l’arte urbana e il teatro, la cultu-ra e l’arte contemporanea nelle sue molteplici sfaccettature e derive mediali. Affascinata dall’innesto del visivo con la letteratura, di tea-tro e mitologia, si dedica alla scrittura di poesie per esprimere la propria sensibilità e il proprio pensiero estetico-critico su ciò che la circonda.